Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Quale smartphone comprare a basso prezzo

di

Vorresti acquistare uno smartphone senza spendere cifre esorbitanti ma hai paura di incappare in dispositivi di qualità scadente, inaffidabili e ai limiti dell’utilizzabilità? Beh, non ti nascondo che il rischio c’è, è concreto, ma questo non vuol dire che non esistano telefonini economici che vale la pena acquistare. Anzi, negli ultimi anni i compromessi a cui devi sottostare stanno diventando davvero pochi, con i dispositivi low-cost che riescono ormai a garantire una buona esperienza d’uso.

Nella fascia di prezzo che arriva fino a 200 euro è possibile trovare un bel po’ di terminali interessanti che, pur non raggiungendo le stesse prestazioni o non offrendo la stessa qualità costruttiva dei top di gamma, riescono a svolgere egregiamente il proprio lavoro. Vuoi che te ne consigli qualcuno? Bene, allora preparati: qui sotto c’è una lista dei migliori telefonini low-cost che è possibile trovare attualmente nei negozi con relative caratteristiche tecniche e prezzi.

Per scegliere quale smartphone comprare a basso prezzo non devi far altro che analizzare attentamente le loro specifiche e individuare quello che ti soddisfa maggiormente in base alle tue necessità. Prima di passare alla scelta ti offro alcuni consigli (che valgono sostanzialmente per qualsiasi smartphone), e delle definizioni sulle principali componenti che compongono uno smartphone. Leggi attentamente, così non corri il rischio di sbagliare il tuo prossimo acquisto!

Indice

Come scegliere uno smartphone a basso prezzo

Per prima cosa nella scelta di qualsiasi prodotto devi individuare un budget di spesa, ovvero quanti soldi sei disposto a spendere. Per uno smartphone possiamo considerare un prezzo ragionevolmente basso un massimo di 200 euro, e ovviamente se non vuoi spendere molto devi essere costretto a scendere a patti. In questa guida ti indicherò le componenti che puoi sacrificare, e quelle invece che ti consiglio di non sottovalutare. Considera, infine, che la scelta è indiscutibilmente personale, quindi valuta attentamente quali sono le componenti a cui non puoi rinunciare.

Display e risoluzione

Il display è una parte fondamentale di uno smartphone, e ovviamente risparmiare su questa componente significa diminuire drasticamente la qualità dell’esperienza che avrai con l’uso del dispositivo. Nella fascia bassa del mercato puoi trovare smartphone che hanno display di varia dimensione da oltre 4” fino a 5,5” per quanto riguarda i modelli più diffusi.

Smartphone

È facile che i modelli più economici abbiano un display da 800×480 pixel, ma non ti consiglio di scendere sotto lo standard HD (1280 x 720 pixel). Salendo di prezzo, a partire da circa 150 euro, puoi trovare anche modelli Full HD (1920×1080 pixel), ma stai attento: una risoluzione più elevata richiede un hardware più potente per essere gestita. Ci sono smartphone che supportano la risoluzione Quad HD (2K, 2560×1440 pixel) e Ultra HD (4K, 3840×2160 pixel), tuttavia non li troverai in questa fascia di prezzo.

Ci sono, infine, diversi tipi di display: i più diffusi sono gli LCD IPS, ma puoi trovare anche modelli con display OLED. I primi hanno colori più fedeli al normale, ma i secondi sono più evoluti: i colori sono tendenzialmente saturi oltre il normale, tuttavia il rapporto di contrasto è molto più elevato in questi display perché possono spegnere i pixel e risparmiare contestualmente sul consumo energetico.

Smartphone a basso prezzo

Ultimamente si è poi diffusa la moda dei display all-screen e dei modelli con cornici ridotte. Fra gli smartphone a basso prezzo parecchi modelli hanno la notch, che è quella piccola tacca che interrompe il display sulla parte superiore per racchiudere tutti i sensori a orientamento frontale.

Processore e RAM

Prima ti ho parlato di hardware potente. Con questa definizione intendo l’unione di processore e memoria RAM. Queste due componenti stabiliscono la velocità e la reattività del dispositivo: il processore è l’unità di calcolo centrale e la sua potenza è misurata in GHz. Quelli più potenti (ormai quasi tutti su mobile) integrano più core: maggiore è il numero di core, superiori saranno le capacità del processore di gestire più incarichi contemporaneamente.

La RAM è invece la memoria di sistema, che spesso ho accomunato a quella “a breve termine” di una persona. Non serve ad immagazzinare i file o le app, ma a contenere i dati e le app che vengono usati dallo smartphone nell’immediato. Maggiore è la RAM e più il dispositivo sarà capace ad eseguire tante applicazioni contemporaneamente senza perdere reattività.

Memoria di storage

La memoria di storage è invece quella che serve per salvare tutti i dati presenti sullo smartphone, insieme alle app, ai file e ai documenti. Contiene spesso anche il sistema operativo (che erode quindi una parte della capacità utilizzabile sin dal primo avvio) e, naturalmente, più ce n’è e meglio è.

Lo storage, definito anche archiviazione, può essere espanso attraverso una scheda di memoria esterna, nella stragrande maggioranza dei casi in formato micro SD sugli smartphone di ultima generazione. Verifica che, sullo smartphone, sia presente lo slot per la micro SD, ma attento: può essere condiviso con quello per la seconda SIM in uno smartphone con supporto al dual SIM.

Batteria

Non ti consiglio in nessun caso di risparmiare sulla batteria, a meno che non ti vuoi armare di batterie tampone per arrivare a sera nelle giornate più piene. La batteria serve a mantenere lo smartphone attivo quanto più tempo possibile senza collegarlo alle prese di corrente. Una batteria più grande indica solitamente un’autonomia maggiore, ma questo non è sempre vero.

L’autonomia di uno smartphone è infatti il risultato di una serie di fattori diversi, oltre all’amperaggio della batteria: l’efficienza dell’hardware integrato, le modalità d’uso (la navigazione Web su reti 3G/4G o anche 5G o la navigazione GPS sono molto pesanti ad esempio), il tempo d’accensione del display. Le doti di una batteria si misurano in mAh ed è bene non scendere sotto i 2.800 mAh.

Fotocamere

Smartphone

Uno dei più grossi limiti degli smartphone a basso prezzo è la qualità delle foto dei moduli fotografici. Solitamente sotto i 200 euro è difficile trovare smartphone con fotocamere di buona qualità, anzi quasi del tutto impossibile. Se vuoi acquistare un “camera phone”, insomma, non puoi che affidarti alla fascia alta, anche delle scorse generazioni, ma devi comunque essere disposto a spendere più di 200 euro.

Per valutare una fotocamera ti puoi affidare ai Megapixel, che indicano la risoluzione massima a cui scatta il modulo integrato, e puoi verificare la presenza della stabilizzazione ottica (quasi del tutto impossibile sui dispositivi economici). Ogni fotocamera dispone inoltre di un obiettivo, la cui apertura di diaframma (misurata in f/ seguito da un numero) indica principalmente il livello di luminosità delle foto scattate.

Sono solitamente due le fotocamere installate su uno smartphone, una posteriore e l’altra anteriore. La prima offre una qualità superiore, mentre la seconda serve per selfie e videochiamate. Quest’ultima può essere abbinata ad un obiettivo ad ampio angolo di visione.

Connettività

Quasi tutti gli smartphone di ultima generazione possono collegarsi alle reti 4G LTE, anche quelli più economici. Ultimamente si fanno strada anche gli smartphone economici con il 5G (anche se non molti e comunque non a bassissimo prezzo). Tutti comunque si suddividono in diverse categorie che indicano la velocità massima teorica raggiungibile in download e upload. Una delle più diffuse sui dispositivi odierni è la LTE Cat. 6, che consente di scaricare ad una velocità massima di 300 Mbit/s in mobilità.

Non ti consiglio di comprare adesso uno smartphone con supporto solo al 3G, visto che potrebbe presto diventare obsoleto. Ti consiglio inoltre di verificare la compatibilità con la banda 800 Mhz (chiamata spesso B20 o banda 20), soprattutto sui modelli cinesi. Serve con alcuni operatori italiani – ad esempio Wind – per collegarsi nelle zone periferiche e, in sua assenza, lo smartphone potrebbe non agganciare nessun segnale per la navigazione a banda larga.

Verifica, se ti serve, il supporto dual-SIM, cioè la capacità di installare due SIM contemporaneamente. Gli smartphone dual-SIM possono essere dual-SIM dual stand-by (DSDS, i più diffusi), in cui la seconda è irraggiungibile se la prima è impegnata in chiamata, e dual-SIM full active, dove entrambe le SIM sono sempre raggiungibili. Come dicevo prima, su alcuni modelli la seconda SIM impegna lo slot per la micro SD, quindi non possono essere usate entrambe.

Smartphone

I dispositivi possono inoltre connettersi al Wi-Fi, meglio se con tecnologia 802.11ac o dual-band (quindi che si può collegare a reti a 2.4 GHz e a quelle più veloci a 5 GHz); al Bluetooth (oggi sono disponibili smartphone compatibili con Bluetooth 5.0, ma i più economici si fermano al 4.2), ad NFC e possono supportare la Radio FM. La porta di connessione o di ricarica è spesso in formato micro-USB sugli smartphone economici, sui top di gamma USB di Tipo C.

Sistema operativo

I sistemi operativi più diffusi su smartphone sono Android e iOS. in passato c’era anche Windows 10 Mobile, ma ora è stato discontinuato. In realtà se cerchi uno smartphone economico questo sarà quasi sempre un Android.

iOS viene utilizzato esclusivamente da Apple su iPhone e neanche le versioni più vecchie e obsolete si trovano oggi in commercio a meno di 200 euro. I device Apple hanno parecchi meriti e qualche vantaggio rispetto alla concorrenza ma, come saprai già, non si trovano a basso prezzo.

Android è quasi del tutto l’unica soluzione. È il sistema operativo mobile di Google e quello più diffuso su piazza. Prima di acquistare uno smartphone Android verifica l’ultima versione disponibile per lo stesso e la possibilità di ricevere aggiornamenti futuri. Google infatti rilascia gli update a cadenze regolari ma, su Android, sono gli stessi produttori degli smartphone a pubblicarne le versioni specifiche.

Oggi siamo arrivati ad Android 11, ma attualmente è molto più probabile trovare Android 9 o 10 fra i device più economici. Potrebbe esserci il casi alcuni device con Android 7 Nougat che potrebbe però stare un po’ stretto, soprattutto se non sono installate le ultime patch di sicurezza. Verifica infine la presenza della lingua italiana e di Google Play Store al primo avvio per l’installazione delle app.

Altre caratteristiche

Ci sono anche altre caratteristiche che puoi valutare nell’acquisto di uno smartphone, come ad esempio il lettore di impronte per lo sblocco. Questa funzione si trova ormai su quasi tutti gli smartphone, anche quelli di fascia bassa, ed è una grande comodità. Il connettore USB può supportare la funzione OTG, per la connessione di periferiche e chiavette USB, mentre fra la lista delle connessioni puoi trovare l’NFC per l’abbinamento semplificato e wireless alle periferiche.

Se ti serve, puoi anche verificare la presenza di: LED per le notifiche, tasti retroilluminati o tasti on-screen (“disegnati” nell’interfaccia dello smartphone), o la presenza di un sistema stereo per gli altoparlanti integrati. Se decidi di comprare uno smartphone d’importazione (molto diffusi in questa fascia di mercato) stai attento alla garanzia offerta dal produttore o dal venditore. In questo caso una ricerca online ti può essere molto d’aiuto per evitare spiacevoli inconvenienti.

Migliori smartphone a basso prezzo

Adesso che conosci tutte le informazioni necessarie per scegliere lo smartphone migliore per le tue esigenze ti propongo una lista di dispositivi dall’ottimo rapporto qualità prezzo, da cui puoi attingere per capire quale smartphone comprare a basso prezzo.

Samsung Galaxy A12

Inizio con il suggerirti il Samsung Galaxy A12 perché ha un prezzo davvero interessante rispetto alle sue specifiche tecniche. Quali sono? Intanto il display è molto ampio da 6,5 pollici con tecnologia LCD e risoluzione HD+ e che risulta un buon schermo ben visibile anche sotto la diretta luce del sole. Oltre alla porta USB Type-C c’è da segnalare la presenza del foro da 3,5 mm per collegare cuffie con il cavo, di due slot per le nano SIM e di uno slot dedicato per espandere la memoria tramite MicroSD. Manca invece il supporto alla connettività 4G+ e alle reti WiFi a 5 GHz. Il processore è un MediaTek Helio P35 octa-core (4×2.35 GHz Cortex-A53 + 4×1.8 GHz Cortex-A53) affiancato da 4 GB di memoria RAM e 64 o 128 GB di memoria interna, espandibile. Il comparto fotografico è così composto: 48 Megapixel (f/2.0, 26mm, grandangolare), 5 Megapixel (f/2.2, 123˚, ultra grandangolare), 2 Megapixel (f/2.4, macro), 2 Megapixel (f/2.4 per la misurazione della profondità). Punto di forza la batteria da 5.000 mAh con ricarica rapida solo a 15W.

Samsung Galaxy A12, Smartphone, Display 6.5" HD+, 4 Fotocamere Posteri...
Vedi offerta su Amazon

Samsung Galaxy M22

Sempre di Samsung c’è anche l’interessante Samsung Galaxy M22 che dalla sua vede un interessante display Super AMOLED da 6,4 pollici che offre una risoluzione HD+ di 720 x 1600 pixel e una frequenza di aggiornamento di 90 Hz. Il modulo fotocamera posteriore è composto da un sensore principale da 48 MP, un obiettivo ultra grandangolare da 8 MP con angolo di visione fino a 123 gradi, un sensore di profondità da 2 MP e una fotocamera macro da 2 MP. La fotocamera frontale per i selfie è da 13 MP ed è alloggiata nel notch a goccia. Sul processore Samsung decide di porre un octa-core da 2 GHz facendo affidamento 4 GB di RAM e 128 GB di spazio di archiviazione. Per la batteria invece parliamo di una 5.000 mAh con supporto alla ricarica rapida da 25 W. Sul fronte della connettività il dispositivo offre il supporto dual SIM, 4G VoLTE, Wi-Fi 5, Bluetooth 5.0, NFC, USB-C, uno slot per schede microSD, un jack audio da 3,5 mm e uno scanner di impronte digitali laterale.

Samsung Galaxy M22 Smartphone Android, 6,4 pollici HD+ Super AMOLED, Q...
Vedi offerta su Amazon

POCO X3 Pro


Meno economico ma ancor più interessante è il POCO X3 Pro. Cosa possiede? Nonostante il prezzo di fascia media utilizza soluzioni all’avanguardia, a partire dallo schermo DotDisplay LCD con risoluzione Full HD+ (1080 x 2400 pixel) con frequenza di refresh a 120 Hz. Il processore è uno Snapdragon 860, dotato di CPU octa core con Kryo 485 a 2,96 GHz e GPUI Adreno 640, in grado di offrire una resa grafica migliorata rispetto alle generazioni precedenti. Ci sono 6 o 8 GB di RAM di tipo LPDDR4X e 128 o 256 GB di memoria interna (non espandibile) di tipo UFS 3.1. Le fotocamere invece vedono un sensore da 48 Megapixel, un sensore da 8 Megapixel(f/2.2) con lente ultra grandangolare e due sensori da 2 Megapixel(f/2.4) per gli scatti macro e di profondità. Infine una batteria portentosa da 5.160 mAh dotata anche di ricarica rapida a 33W.

POCO M3 Pro 5G


Ancora più interessante risulta il POCO M3 Pro 5G che l’azienda cinese ha voluto inserire nel proprio catalogo di smartphone medio gamma. Qui troverai una scheda davvero completa che vede intanto un display con pannello dal formato 20:9 LCD DotDisplay da 6,5 pollici con refresh rate di 90 Hz e risoluzione Full HD+ (1080 x 2400 pixel, 405 ppi). Il processore è invece un MediaTek MT6833 Dimensity 700 5G a 7nm, con CPU octa core che combina Cortex-A76 e Cortex-A55 fino a 2,2 GHz e GPU Mali-G57 che viene coadiuvato da 4 o 6 GB di RAM e da 64 o 128 GB di memoria interna UFS 2.2. Il comparto fotografico è composto da una tripla fotocamera posteriore con sensore principale da 48 MP e da una singola anteriore da 8 MP. La batteria è da 5000 mAh e supporta la ricarica rapida fino a 18 W. Si tratta di un dispositivo non molto compatto, ma nemmeno esagerato: le dimensioni sono di 161,81 x 75,34 x 8,92 millimetri, con un peso di 190 grammi.

Ulefone Note 11P


Sempre interessanti anche gli Ulefone come questo nuovo Ulefone Note 11P che in primis possiede Android 11 e che dunque si pone già come uno smartphone decisamente al passo con i tempi. Le sue caratteristiche sono quelle di avere un pannello anteriore importante da 6.55″ con vetro 2.5D, cornici ridotte ma anche un piccolo foro in alto per al fotocamera anteriore che è da 8 MP. Quelle al posteriore sono invece da 48 MP con obiettivo grandangolare, una da 8 MP con obiettivo ultra grandangolare e poi ci sono due altri sensori da 2 MP entrambi che sono macro e di profondità. Il processore è un Octa-Core e per la precisione un MediaTek Helio P60 con 8 GB di RAM e con storage da 128 GB che possono comunque essere espansi. E poi la batteria con 4.400 mAh che permettono allo smartphone di lavorare senza interruzione per moltissime ore.

Ulefone Note 11P Cellulari, Android 11 Smartphone 8GB + 128GB Octa-Cor...
Vedi offerta su Amazon

OPPO A16s


Ben fatto e con ottime specifiche tecniche, OPPO A16s è un device Android di fascia medio-bassa con la caratteristica di una batteria incredibile da 5.000 mAh. Parlando di fotocamera, lo smartphone possiede un modulo triplo con sensore principale da 13 MP, sensore di profondità da 2 MP e sensore macro da 2 MP per ottenere scatti dettagliati e con un naturale effetto bokeh. C’è l’impermeabilità certificata IPX4 per la resistenza agli spruzzi d’acqua. Il processore è il MediaTek Helio G35 con 4 GB di RAM e 64GB di memoria di archiviazione. Il display invece è di tipo LCD da 6.5″ con aspetto 20:9 e con una risoluzione HD+ da 1600 x 720 px con refresh a 60Hz.

OPPO A16s Smartphone, NFC, AI Triple Camera 13+2+2 MP, 6.52” 60HZ Disp...
Vedi offerta su Amazon

OPPO A54


C’è anche il più performante OPPO A54 che di certo permette di farti fare un bel passo in avanti lato prestazioni tecniche e anche di design. Il suo display è un LCD da 6,5 pollici a risoluzione Full HD+ mentre il processore è un Qualcomm Snapdragon 480 accompagnato da 4 GB di RAM LPDDR4 e 64 GB di memoria interna (espandibile con microSD fino a 256 GB). Dal punto di vista della fotocamera c’è una quadrupla cam posteriore con sensore principale da 48 MP, una singola anteriore per i selfie da 16 MP e una generosa batteria da 5000 mAh, con supporto alla ricarica a 10 W. Il sensore d’impronte è integrato nel pulsante di accensione, posizionato sul lato destro. Le dimensioni sono di 162,9 x 74,7 x 8,4 millimetri, con un peso di 190 grammi.

Motorola moto g60s


Motorola moto g60s poco conosciuto ma sicuramente molto interessante soprattutto per il suo display con frequenza di aggiornamento a 120Hz che non è facile trovare a questo prezzo. Il pannello possiede una diagonale da 6,8 pollici a risoluzione Full HD+ (2400 x 1080 pixel). Mentre per quanto concerne il processore qui abbiamo un MediaTek Helio G95 con 6 GB di RAM LPDDR4x e 128 GB di archiviazione di tipo UFS 2.1. Piuttosto completo il modulo fotografico principale con ben quattro sensori di cui il principale da 64 MP con apertura f/1.7, ultra grandangolare da 8 MP con apertura f/2.2, sensore di profondità da 2 MP con apertura f/2.4 e sensore macro da 5 MP con apertura f/2.4. Così come la connettività che dispone del supporto Dual SIM, Dual 4G VoLTE, Wi-Fi 802.11 ac, Bluetooth 5.0, NFC e GPS + GLONASS. Generosa la batteria da 5000 mAh con supporto alla ricarica rapida Turbopower da 50 W. Il sistema operativo, infine, è Android 11 con la consueta personalizzazione Motorola.

Motorola moto g60s (Quad Camera 64 MP, Display FullHD+ 6.8" 120 Hz, ba...
Vedi offerta su Amazon

realme 8i


In questa fascia di prezzo non posso non proporti realme 8i sia per le sue specifiche ma anche per il suo aspetto estetico di sicuro impatto. Se acquisterai questo smartphone sappi che troverai un bel display Ultra Smooth da 6,6 pollici a risoluzione Full HD+ con 120 Hz di refresh rate ed un rapporto schermo/corpo del 90,8%. Ottimo anche il processore Mediatek Helio G96 con CPU octa core (fino a 2,05 GHz) e GPU Mali-G57 MC2, accompagnata da 4 o 6 GB di RAM LPDD4X e da 64 o 128 GB di memoria interna UFS 2.1. Se la fotocamera per i selfie è da 16MP con apertura f/2.05 ecco che il resto del comparto fotografico vede una fotocamera posteriore con sensore principale da 50 MP con apertura f/1.8, flash LED, PDAF, sensore da 2 MP bianco e nero per foto ritratto (f/2.4) e sensore macro da 2 MP (f/2.4). Niente problemi con l’autonomia visto che il telefono è in possesso di una batteria da 5000 mAh con ricarica rapida da 18 W mentre per le dimensioni si parla di 164,1 x 75,5 x 8,5 mm con un peso di 194 grammi.

realme 8i Smartphone, realme X processore MediaTeK Helio G96, Display ...
Vedi offerta su Amazon

realme 8


Da non sottovalutare anche il realme 8 visto che lato specifiche è ancora uno smartphone molto valido e lo puoi anche capire dalla mia recensione che trovi qui. Possiede intanto un pannello LCD da 6,5 pollici, con classica risoluzione Full HD+, ma con refresh rate di 90 Hz e una luminosità massima di 600 nit. C’è il supporto alla rete 5G mentre il processore è un MediaTek Dimensity 700 5G con CPU octa core (fino a 2,2 GHz di clock) e GPU ARM Mali-G57, affiancato a 4, 6 o 8 GB di RAM e a 64 o 128 GB di memoria interna UFS 2.1. Lato fotocamere invece troverai una tripla fotocamera posteriore con sensore principale da 48 MP e una singola anteriore da 16 MP. La batteria è da 5000 mAh, con supporto alla ricarica rapida da 18 W. Realme UI 2.0 basata su Android 11 come interfaccia grafica.

realme 8 Smartphone, Quad camera da 64 MP con AI, Display Super AMOLED...
Vedi offerta su Amazon

Nokia G50 5G


C’è anche Nokia tra gli smartphone di questa fascia di prezzo che potrebbero davvero interessarti. In questo caso il Nokia G50 5G è uno smartphone di fascia medio bassa che però vede delle specifiche che potrebbero interessarti. Quali sono? Intanto dispone di un ampio display da 6,82 pollici a risoluzione HD+ con notch a V e luminosità tipica di 450 nit. Il processore che lo alimenta è un SoC Qualcomm Snapdragon 480 a 8nm con 4 GB di RAM LPDDR4X e 64 o 128 GB di memoria interna di tipo UFS 2.1. Il comparto fotografico è costituito da una tripla fotocamera posteriore e da una singola anteriore: sul retro c’è un sensore principale da 48 MP, ultra-grandangolare da 5 MP e per la profondità da 2 MP (con flash LED), mentre per i selfie il sensore è da 8 MP. Lato connettività supporto al 5G SA/NSA, Dual 4G VoLTE, Wi-Fi 802.11 ac (2,4 + 5 GHz), Bluetooth 5.0, NFC, GPS/GLONASS/Beidou, USB Type-C e porta per il jack da 3,5 mm. La batteria è da 5000 mAh e supporta la ricarica rapida a 18 W.

Nokia G50 - Smartphone 5G con display HD+ da 6,82″, Android 11, 4 GB d...
Vedi offerta su Amazon

OnePlus N100


Altrettanto interessante è il OnePlus N100 smartphone di fascia medio bassa capace di creare un certo hype tra gli utenti. Il motivo? Qualche caratteristica interessante ad un prezzo davvero basso. Intanto ti dico che troverai un display LCD IPS da 6,52 pollici di diagonale e dalla risoluzione HD+ di 1600 x 720 pixel e Gorilla Glass 3. Processore Qualcomm Snapdragon 460 con GPU Adreno 610, accompagnato da 4 GB di RAM LPDD4x e da 64 GB di memoria interna UFS 2.1 con espansione di memoria tramite microSD (fino a 512 GB). Fotocamere con sensore principale da 13 MP quindi sensore bokeh da 2 MP e quello anche per le foto macro da 2 MP. Lato connettività troviamo 4G LTE e batteria da 5000 mAh con supporto alla ricarica rapida a 18 W.

OnePlus N100 Smartphone Display LCD HD + da 6,52 ", 4 GB di RAM + 64 G...
Vedi offerta su Amazon

realme Narzo 30 5G


Uno smartphone della famiglia realme ma con denominazione diversa ossia il realme Narzo 30 5G che ti propongo perché ha un rapporto qualità/prezzo davvero buono. Le specifiche del device vedono un display da 6,5 pollici a risoluzione Full HD+ con refresh rate di 90 Hz e fotocamera anteriore integrata con foro. Il processore al suo interno è il conosciuto MediaTek Dimensity 700 5G a 7nm, con CPU octa core da 2,2 GHz e GPU ARM Mali-G57 MC2 da 950 MHz, accompagnato da 4 GB di RAM (con tecnologia Dynamic RAM Expansion) e 128 GB di memoria interna (espandibile fino a 1 TB). Tripla fotocamera con sensore principale da 48 MP, sensore per i ritratti in bianco e nero e sensore per le macro, mentre frontalmente un sensore 16 MP (f/2.1) con supporto alla modalità Ritratto e AI Beauty. La batteria è da 5000 mAh.

Realme Narzo 30 5G Smartphone 6.5” Fluid Display 90Hz Grande Batteria ...
Vedi offerta su Amazon
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.