Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Siti per vendere oggetti

di

Dopo aver sistemato la soffitta, hai ritrovato un mucchio di oggetti che non utilizzi più ma che, essendo ancora in buono stato, ti piacerebbe provare a vendere in Rete per cercare di racimolare qualche soldo. Non avendo però mai fatto nulla del genere, saresti interessato a capire quali sono i migliori siti Internet per fare ciò e, in special modo, come potertene servire per raggiungere il tuo scopo.

Come dici? Le cose stanno esattamente in questo modo e vorresti allora sapere se posso darti una mano? Ma certo che sì, non temere. Se mi dedichi qualche minuto del tuo prezioso tempo libero, infatti, posso indicarti quelli che, a mio modesto avviso, rappresentano i migliori siti per vendere oggetti attualmente in circolazione.

Puoi servirtene non solo per vendere articoli di seconda mano, ma anche oggetti nuovi o semi-nuovi che per un motivo o per un altro non hai più utilizzato, oltre che creazioni realizzate direttamente con le tue mani. Ora, però, basta chiacchierare e passiamo all’azione. Ti auguro, come mio solito, buona lettura e ti faccio un grande in bocca al lupo per tutto!

Indice

Siti per vendere oggetti usati

Iniziamo dai migliori siti per vendere oggetti usati. Qui di seguito trovi segnalati quelli che, a mio modesto avviso, rappresentano le più interessanti soluzioni di questo tipo.

Subito.it

Subito.it

Quando si parla di siti per vendere oggetti, è praticamente impossibile non fare il nome di Subito.it. Nel caso in cui non lo avessi mai sentito nominare, si tratta di un portale che, previa creazione di un apposito account, permette di inserire annunci di vendita di articoli di qualsiasi genere, non solo di seconda mano ma anche nuovi, in maniera semplice e veloce. Da notare che di base è gratis, ma eventualmente propone delle opzioni a pagamento per promuovere le inserzioni.

Ciò detto, per iniziare a usare Subito.it, collegati alla home page del servizio e fai clic sulla voce Registrati che si trova in alto, dopodiché compila il modulo che ti viene proposto con i dati richiesti (email, data di nascita ecc.), spunta le caselle in basso e premi sul pulsante Conferma. Per la procedura dettagliata, puoi fare riferimento alla mia guida specifica su come iscriversi a Subito.it.

A registrazione avvenuta, premi sul pulsante Inserisci annuncio collocato in alto a destra, seleziona la categoria a cui appartiene l’oggetto che desideri vendere (tramite il menu a tendina Categoria) e, se richiesta, specifica anche la tipologia di prodotto esatta.

In seguito, effettua l’upload di una o più foto del tuo oggetto, facendo clic sull’icona della macchina fotografica, dopodiché digita il titolo che vuoi assegnare all’annuncio nel campo apposito e specifica i dettagli nei campi Testo dell’annuncio, Prezzo e Comune.

Successivamente, digita il tuo nome nel campo preposto, assicurati che l’indirizzo email riportato nel campo Email sia quello corretto (in caso contrario, modificalo) e inserisci anche il tuo numero di telefono, decidendo se renderlo visibile o meno, così da consentire agli utenti interessati all’acquisto del tuo oggetto di contattarti telefonicamente.

In conclusione, fai clic sul pulsante Conferma, scegli se aumentare o meno la visibilità dell’annuncio con le opzioni a pagamento che ti vengono proposte e premi sul pulsante Continua.

Una volta compiuti i passaggi di cui sopra, l’inserzione verrà sottoposta all’attenzione dello staff di Subito.it, il quale provvederà alla sua revisione e, qualora considerata idonea, alla successiva pubblicazione. Per maggiori dettagli, ti invito a fare riferimento alla mia guida dedicata in maniera specifica a come vendere su Subito.it.

Se la cosa ti interessa, ti comunico che Subito.it è disponibile anche sotto forma di app per Android e iOS/iPadOS. Il funzionamento è praticamente identico a quello del sito Internet.

Kijiji

Kijiji

Kijiji è un altro tra i siti per vendere oggetti meritevole d’attenzione. Il portale è reso disponibile da eBay, il celebre sito d’aste in merito al quale trovi maggiori dettagli anche nelle righe successive di questo tutorial, e consente di inserire annunci per la vendita di articoli sia nuovi che usati. È gratis e per sfruttarlo non occorre creare alcun account.

Per cominciare a usare Kijiji, recati dunque sulla home page del servizio e premi sul pulsante Inserisci che si trova in alto a destra. Compila, dunque, il modulo proposto, indicando la categoria e la sottocategoria dell’oggetto, mediante gli appositi menu.

Specifica quindi il Comune in cui si trova l’oggetto da vendere tramite il campo apposito, seleziona l’opzione Offro in corrispondenza della sezione Inserisci il Titolo, la Descrizione e le Immagini e compila gli altri campi sottostanti, digitando il titolo dell’annuncio e la descrizione dell’articolo.

A questo punto, immetti il prezzo al quale vuoi vendere il tuo articolo nel campo Prezzo, dopodiché clicca sulla voce Carica una immagine e procedi pure con l’upload delle foto del prodotto.

Infine, inserisci le tue informazioni di contatto nei campi Nome, Email e Telefono (non è obbligatorio) che trovi in corrispondenza della sezione Inserisci le tue informazioni Personali, assicurati che ci sia il segno di spunta in corrispondenza della voce per accettare le condizioni d’uso e l’informativa sulla privacy che trovi in basso (altrimenti provvedi tu) e premi sul pulsante Pubblica annuncio.

Una volta creata la tua inserzione di vendita, per fare in modo che questa venga effettivamente pubblicata, dovrai accedere alla tua casella di posta elettronica, individuare l’email che ti è stata spedita da Kijiji e cliccare sul pulsante Conferma in essa presente.

Qualora la cosa dovesse interessarti, ti informo che Kijiji è fruibile anche sotto forma di app per dispositivi Android e iOS/iPadOS. Il funzionamento è analogo a quello del sito Web.

Marketplace di Facebook

Marketplace di Facebook

Anche Facebook rientra a pieno titolo tra i migliori siti per vendere oggetti usati. Probabilmente non ne eri a conoscenza, ma devi sapere che sul celebre social network è presente una sezione denominata Marketplace adibita allo scopo in questione. Il suo utilizzo è completamente gratuito, ma per poterla sfruttare bisogna disporre di un account Facebook ed è necessario aver effettuato il login a quest’ultimo.

Ciò detto, per poter sfruttare Marketplace di Facebook, recati sulla home page del social network, effettua l’accesso al tuo profilo e seleziona la voce Marketplace che trovi nella barra laterale situata a sinistra.

Nella nuova pagina che a questo punto ti viene mostrata, clicca sul pulsante Vendi qualcosa che trovi sempre a sinistra, dopodiché compila il modulo annesso al riquadro che vedi comparire, inserendo i dettagli relativi all’oggetto che è tua intenzione vendere.

Per cui, digita il nome dell’oggetto che vuoi vendere nel campo Cosa vendi?, il prezzo nel campo Prezzo e specifica il luogo in cui questo si trova nel campo Aggiungi luogo (se sul browser hai abilitato la localizzazione, il campo in questione dovrebbe già risultare compilato con la tua posizione attuale).

Seleziona poi la categoria di tuo interesse dal menu Seleziona una categoria e serviti del menu collocato poco più in basso per specificare se si tratta di un singolo articolo (Metti in vendita come articolo singolo) oppure di un insieme di oggetti (Indica come disponibile).

Successivamente, digita la descrizione dell’articolo che vuoi vendere nel campo Descrivi il tuo articolo (opzionale), carica le foto con cui vuoi accompagnare l’annuncio selezionando la voce foto e premi sul bottone Avanti.

Per concludere, seleziona eventuali gruppi di vendita nei quali pubblicare il tuo annuncio e fai clic sul pulsante Pubblica, così da generare la tua inserzione di vendita. Per maggiori approfondimenti, puoi consultare la mia guida su come vendere su Facebook Marketplace.

Ti segnalo che Marketplace di Facebook è accessibile anche tramite l’app di Facebook per dispositivi Android e iOS/iPadOS. Il funzionamento del servizio da mobile è analogo a quello della variante Web.

Altri siti per vendere oggetti usati

eBay

Oltre ai siti per vendere oggetti usati che ti ho già suggerito di impiegare, puoi valutare di affidarti agli ulteriori portali che trovi segnalati qui di seguito. Da’ loro un’occhiata, sono certo che li troverai molto interessanti.

  • eBay – è il sito che gestisce Kijiji, il portale di annunci di cui ti parlavo nel passo a inizio guida. Consente di vendere oggetti online creando annunci per l’acquisto immediato, sia a prezzo fisso che con proposta d’acquisto, e mediante aste. Oltre che essere fruibile via Web, è disponibile sotto forma di app per Android e iOS/iPadOS. Si può usare gratis ma, in caso di vendita o per fruire di alcune opzioni aggiuntive, bisogna pagare le tariffe richieste. Per approfondimenti, puoi leggere la mia guida su come funziona eBay.
  • Shpock – è uno dei siti per vendere oggetti online più usati a livello internazionale. Consente di pubblicare annunci gratuiti per la vendita di oggetti in tutta Italia (e non solo), in maniera gratuita e veloce. Il sito è solo in lingua inglese, ma è comunque molto facile da usare. Eventualmente, è disponibile anche l’app per Android e iOS/iPadOS.
  • Bakeca – altro sito di annunci gratuito da utilizzare per la vendita di oggetti di vario tipo. Da notare che, oltre che per lo scopo in questione, può essere sfruttato anche per servizi come l’affitto di camere o per corsi di formazione.

Siti per vendere oggetti artigianali

Vorresti vendere via Web ciò che produci con le tue stesse mani e, dunque, ti piacerebbe che ti suggerissi dei siti per vendere oggetti artigianali? Allora da’ subito un’occhiata ai portali appartenenti alla categoria in questione che trovi segnalati qui sotto.

Etsy

Etsy

Hai mai sentito parlare di Etsy? No? Nessun problema, rimediamo subito. Si tratta di uno dei migliori siti per vendere oggetti fai da te, oltre che uno dei siti per vendere oggetti antichi di almeno 20 anni (quindi considerati vintage) più usati al mondo. Per utilizzarlo, va registrato un account apposito, bisogna aprire un negozio sul sito e occorre sostenere il pagamento delle inserzioni che vengono pubblicate.

Per usufruire di Etsy, collegati dunque alla home page del servizio, clicca sulla voce Accedi situata in alto a destra e premi sul bottone Registrati annesso al riquadro che si apre. Compila, dunque, il modulo che ti viene proposto, digitando indirizzo email, nome e password; dopodiché premi sul pulsante Registrati. In alternativa, puoi effettuare l’accesso con l’account Facebook, Google o Apple, premendo sui pulsanti appositi situati in basso.

Ad accesso avvenuto, fai clic sul collegamento Vendere su Etsy che si trova in alto a destra, premi sul pulsante Apri il tuo negozio Etsy e segui la procedura guidata relativa alla creazione del negozio che ti viene proposta, indicando lingua, valuta ecc. nella sezione Preferenze del negozio e il nome che vuoi assegnargli nella sezione Dai un nome al tuo negozio.

Provvedi poi a inserire le prime inserzioni, agendo dalla sezione Rifornisci il tuo negozio. Per riuscirci, fai clic clic sulla voce Inserisci inserzione e fornisci i dati che ti vengono richiesti: il titolo dell’inserzione nel campo Titolo, i dati relativi a chi ha realizzato il prodotto, a quando questo è stato creato e di che tipo di oggetto si tratta nel campo Informazioni su questa inserzione e la categoria di riferimento tramite il menu Categoria.

Serviti quindi del campo Tipo per indicare se il prodotto è materiale o digitale, di quello Descrizione per descrivere le caratteristiche del prodotto da vendere, del campo Prezzo per specificare il prezzo e di quello Quantità per indicare quanti prezzi del prodotto sono disponibili. Il campo Foto ti consente invece di caricare le foto dell’oggetto, mentre quello Opzioni di spedizione ti permette di impostare tipo e costo della spedizione. Dopo aver fornito i vari dati, fai clic sul pulsante Salva e continua.

Nella sezione Come verrai pagato che ora ti viene proposta, fornisci un metodo di pagamento valido per ricevere i tuoi ricavi e per pagare le inserzioni, dopodiché premi sul pulsante Apri il tuo negozio e attendi che i primi clienti interessati ad acquistare i tuoi oggetti si facciano avanti.

Per completezza d’informazione, ti segnalo che puoi gestire in maniera completa il tuo negozio espandendo il menu Gestione negozio che trovi a sinistra e selezionando le varie voci a esso annesso. In particolare, per aggiungere nuove inserzioni ti basta fare clic sulla voce Inserzioni e poi sul bottone Aggiungi inserzioni situato a destra. Per maggiori dettagli, fa’ riferimento alla mia guida specifica su come vendere su Etsy.

Se la cosa può interessarti, ti segnalo che Etsy è fruibile anche da smartphone e tablet, sotto forma di app per dispositivi Android e iOS/iPadOS, il cui funzionamento è praticamente analogo a quello del sito Internet.

Amazon Handmade

Amazon Handmade

Tra i migliori siti per vendere oggetti artigianali rientra a pieno titolo anche Amazon, il sito di shopping più famoso al mondo (di cui ti ho parlato in dettaglio nella mia guida su come funziona Amazon). Sul sito, infatti, è presente una sezione denominata Handmade, tramite cui gli artigiani possono vendere i loro oggetti fatti a mano. Le uniche cose di cui occorre tener conto è che è necessario ottenere un invito per cominciare a sfruttare il servizio e che ogni volta che viene venduto un oggetto Amazon deduce una commissione.

Ciò detto, per sfruttare il servizio, visita la relativa home page, fai clic sul pulsante Richiedi l’invito, seleziona Italia dal menu a tendina della scelta per il marketplace su cui vendere i prodotti e premi sul bottone Inizia. Compila quindi il modulo che ti viene proposto con i dati richiesti, digitando nella sezione Fornisci informazioni su di te nome, cognome, email e specificando che tipo di artigiano sei e nel campo Fornisci informazioni sul tuo lavoro i dettagli relativi alla tua professione di artigiano.

Serviti quindi del box sottostante la dicitura Descrivi i tuoi prodotti e i tuoi processi per descrivere gli oggetti che realizzi e come li crei, dopodiché premi sul pulsante Mostraci il tuo lavoro (le immagini sono obbligatorie) per caricare le foto dei tuoi articoli pronti per la vendita e su quello Seleziona la categoria del tuo prodotto per definire la categoria d’appartenenza.

Per concludere, spunta la casella mediante cui confermi di rispettare le linee guida del servizio e sottoponi la tua richiesta all’attenzione di Amazon, premendo sul pulsante Invia richiesta. Se Amazon accetterà di vendere i tuoi articoli, riceverai un’email apposita indicante la cosa e non dovrai far altro che attendere che qualche acquirente si faccia avanti.

Altri siti per vendere oggetti artigianali

Blomming

Cerchi altri siti per oggetti handmade? Allora da’ uno sguardo a quelli che trovi segnalati nell’elenco sottostante. Sono sicuro che riuscirai a trovare ulteriori portali in grado di soddisfare le tue necessità.

  • Blomming – si tratta di una piattaforma che consente di creare un negozio online personalizzato per vendere i propri prodotti. È molto semplice da usare, ma è a pagamento. Te ne ho parlato in dettaglio nella mia guida su
  • Subito.it – il celebre sito di annunci di cui ti ho parlato nel passo a inizio guida può essere sfruttato anche per la vendita di oggetti artigianali. Nulla vieta, infatti, che tu possa usarlo per inserire degli annunci mediante cui vendere i prodotti che tu stesso hai realizzato.
  • Kijiji – anche il sito d’annunci gestito da eBay, di cui ti ho parlato in dettaglio nel passo presente all’inizio di quest’articolo, può essere adoperato per la vendita di oggetti artigianali. Le modalità d’uso, in tal caso, sono analoghe a quelle relative alla vendita degli oggetti usati.
  • Marketplace di Facebook – il social network di Mark Zuckerberg, o per meglio dire la sezione dedicata alla compravendita di articoli vari in esso presente (e di cui ti ho parlato nel passo presente nella parte iniziale di quest’articolo), può essere un altro ottimo sistema da sfruttare per la vendita di articoli artigianali. Fossi in te valuterei anche quest’opzione.
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.