Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
eBay Black Week
Migliaia di prodotti in promozione su eBay. Scopri le offerte migliori

Come mettere uno sfondo animato

di

Se c’è una cosa alla quale tieni molto, quella è sicuramente l’interfaccia grafica del tuo dispositivo: di tanto in tanto, non disdegni modificare sfondi, icone e altri dettagli visivi, così da avere qualcosa di sempre nuovo e tutt’altro che noiosa. In questo periodo, la tua voglia di personalizzazione è ancora più forte e vorresti usare, come immagine di sfondo del tuo device, un’animazione molto bella che hai scaricato qualche tempo fa.

Il problema è che, non avendo mai fatto nulla del genere prima d’ora, proprio non sai dove mettere le mani: è questo il motivo che ti conduce qui, sul mio sito Web, con la speranza che io possa darti una mano a riuscirci. Beh, se le cose stanno in questo modo, sappi che ti trovi nel posto giusto, al momento giusto! Nelle battute successive di questa guida, infatti, avrò cura di spiegarti per filo e per segno come mettere uno sfondo animato su quelle che sono le piattaforme mobili e desktop più usate del momento (Android, iOS, Windows e macOS) in modo rapido e avvalendoti di strumenti di facile impiego, spesso già inclusi nel sistema operativo.

Prima di andare avanti, vorrei farti una piccola precisazione: sebbene gli sfondi animati siano davvero belli e coinvolgenti da vedere, essi comportano un dispendio energetico molto elevato, soprattutto su schermi ampi e con alti livelli di luminosità. In altre parole, utilizzare un wallpaper in movimento potrebbe prosciugare rapidamente la batteria del telefono, tablet o computer: per questo motivo, onde evitare di ritrovarti “in panne” quando meno te lo aspetti, utilizza gli sfondi animati con molta parsimonia o, quantomeno, in modo opportuno in base alla capacità della batteria di cui disponi (o della presenza o meno di alimentazione da rete elettrica). Non dimenticarlo!

Indice

Come mettere uno sfondo animato su Android

Come mettere uno sfondo animato su Android

Contrariamente a quanto tu possa pensare, mettere uno sfondo animato su Android è poco più di un gioco da ragazzi. Oltretutto, alcuni launcher per Android includono una serie di wallpaper di questo tipo pronti all’uso: con un pizzico di fortuna, quindi, il tutto potrebbe già risiedere nella memoria del tuo dispositivo!

Ma ora bando alle ciance e mettiamoci all’opera: per poter impostare uno sfondo animato sul sistema operativo di “big G”, apri le impostazioni di quest’ultimo, facendo tap sul simbolo dell’ingranaggio che risiede nella schermata Home oppure nel drawer (la schermata in cui risiedono le app installate), e raggiungi la sezione Display.

Successivamente, tocca le voci Sfondo e Sfondi animati, seleziona il wallpaper che preferisci tra quelli presenti, posizionalo a seconda delle tue preferenze e fai tap sul pulsante Imposta sfondo, collocato in alto, per applicarlo. Se ti viene richiesto, scegli se usare lo sfondo per la sola schermata Home, per quella di blocco, oppure per entrambe.

In alternativa, puoi accedere in modo ancor più rapido alle impostazioni relative agli sfondi effettuando un tap prolungato su un punto vuoto della schermata Home e pigiando sul pulsante Sfondo/Sfondi che compare su schermo; se necessario, indica di voler completare l’operazione con Sfondi animati e il gioco è fatto. Tieni presente che i nomi dei menu e delle voci che ti ho indicato potrebbero variare leggermente, in base alla versione di Android in tuo possesso.

Se non hai a disposizione alcuno sfondo animato, non temere: il Google Play Store e gli store alternativi per Android ne sono letteralmente zeppi! Per ottenerli, non devi fare altro che cercare sfondi animati all’interno dello store di riferimento del tuo dispositivo e installarli esattamente come fossero un’app (premendo il pulsante Installa che compare su schermo). In seguito, avviali e segui le indicazioni fornite su schermo per aggiungerli alla galleria del dispositivo, oppure usarli come wallpaper.

Attenzione però, molti sfondi animati sono zeppi di pubblicità o presentano altre caratteristiche moleste: per evitare spiacevoli sorprese, leggi attentamente i commenti degli altri utenti e scarica solo app sviluppate da aziende fidate. Evita, poi, in ogni caso, le app provenienti da fonti poco note.

Se hai bisogno di una mano in più per recuperare sfondi animati per Android, ti consiglio di leggere il tutorial che ho dedicato all’argomento, ricco di informazioni utili per lo scopo. Qualora volessi, invece, impostare un video come sfondo, fa’ riferimento alla guida specifica che ho realizzato sul tema.

Puoi, in qualsiasi momento, ritornare a uno sfondo statico, recandoti nel menu Impostazioni > Display > Sfondo di Android e selezionando la voce Sfondi (o Foto, se il tuo wallpaper è presente nella galleria fotografica) dal menu successivo.

Come mettere uno sfondo animato su iPhone

Come mettere uno sfondo animato su iPhone

Se, invece, il tuo è un iPhone, ti farà piacere che iOS include alcuni sfondi animati, anche molto belli, direttamente nella Galleria di sistema. Per visualizzarli, apri le impostazioni del dispositivo, facendo tap sul simbolo dell’ingranaggio che risiede nella schermata Home o nella Libreria delle app, raggiungi la sezione Sfondo e tocca la voce Scegli un nuovo sfondo situata nel pannello successivo.

Ora, fai tap sul riquadro Dinamico o Live, a seconda della tipologia di sfondo animato che desideri usare (gli sfondi in movimento sono costantemente animati, le Live Photo si muovono solo eseguendo un tap prolungato sullo schermo), scegli l’immagine che preferisci e, dopo aver regolato le impostazioni relative all’animazione e allo zoom, servendoti dei pulsanti posti in basso, tocca il pulsante Imposta e scegli se applicare il wallpaper scelto alla schermata Home, alla schermata del Blocco schermo o a entrambe.

Per ritornare a uno sfondo statico, devi tornare al menu Impostazioni > Sfondo > Scegli un nuovo sfondo e selezionare il nuovo wallpaper dalla sezione Statico.

Se gli sfondi animati di sistema non sono di tuo gradimento, sappi che puoi impostare qualsiasi Live Photo come sfondo Live (quindi animato al tocco prolungato) e che su App Store sono disponibili varie app che propongono Live Photo da usare come wallpaper di iPhone. Occhio che alcune di esse contengono pubblicità invasive e contenuti a pagamento: leggi bene i commenti prima di scaricarle.

Se ti interessa creare uno sfondo animato personalizzato partendo da un video o una Live Photo, ti rimando anche alla lettura del mio tutorial su come mettere un video come sfondo su iPhone, nel quale ti ho parlato di questa possibilità con dovizia di particolari.

Come mettere uno sfondo animato su PC

Come mettere uno sfondo animato

Uno dei metodi più semplici per poter mettere uno sfondo animato su PC Windows consiste nell’usare DeskScapes, un programma di semplicissimo utilizzo che consente di applicare (ma anche di creare) sfondi animati di numerose categorie, nel giro di una manciata di clic. Nonostante DeskScapes sia un programma a pagamento (costa 5,99€), è possibile scaricarne una versione di prova gratuita della durata di 30 giorni, che consente di provarne le migliori funzionalità.

Per ottenerla, collegati a questo sito Web, clicca sul pulsante Get it Now e poi sul link Try free for 30-days, situato nel riquadro dedicato a DeskScapes, in modo da avviare il download del file d’installazione del software.

Dopo aver ottenuto l’eseguibile in questione (ad es. DeskScapesXX_setup.exe), avvialo, clicca sul pulsante , apponi il segno di spunta accanto alla voce I agree to the terms of the license agreement e clicca sul pulsante Next, per due volte consecutive, in modo da ultimare il setup del programma e avviarlo in modo automatico.

All’apertura di DeskScapes, clicca sul pulsante Start 30 day trial, per indicare la volontà di provare la versione valutativa del software, quindi immetti un indirizzo email valido all’interno della casella di testo proposta, clicca sul pulsante Continue e poi sul pulsante Activate 30-Day trial, annesso al messaggio di posta elettronica che, contestualmente, dovresti aver ricevuto. Ultimata la fase di verifica, torna a DeskScapes e clicca sul pulsante Finish per attivare la versione di prova del programma e accedere alla sua schermata principale.

Ora, individua lo sfondo che preferisci tra quelli proposti (quelli animati sono identificati dal simbolo di una telecamera), fai clic sulla sua anteprima e poi sul pulsante Apply to my desktop, situato in alto, per usarlo così com’è. In alternativa, puoi applicare una serie di personalizzazioni ed effetti allo sfondo, utilizzando, rispettivamente, i pulsanti Configure background ed Effects.

Per poter scaricare nuovi sfondi da Internet, clicca sulla scheda Online, che si trova nella parte sinistra del programma, individua il wallpaper che preferisci e, dopo aver cliccato sulla sua anteprima, premi il pulsante Download this background che compare in alto.

Se per qualche motivo volessi interrompere, in via provvisoria, l’animazione dello sfondo, fai clic destro su un punto vuoto del desktop e seleziona la voce Pause DeskScapes dal menu contestuale che compare. Per tornare a uno sfondo statico, fai invece clic destro su un punto vuoto del desktop, seleziona la dicitura Personalizza e scegli uno degli sfondi predefiniti di Windows, per applicarlo istantaneamente.

Come alternativa gratuita (ma un po’ più "artigianale) a DeskScapes, puoi installare il player gratuito e open source VLC sul computer e usarlo per impostare un video a mo’ di sfondo animato: mi appresto a illustrarti questa possibilità nella sezione relativa a Mac, poiché i passaggi da compiere sono molto simili.

Come mettere uno sfondo animato su Mac

Come mettere uno sfondo animato su Mac

Se utilizzi un Mac, una delle soluzioni gratuite da prendere in considerazione è sicuramente VLC: non tutti lo sanno, ma questo riproduttore include una funzionalità che consente di riprodurre qualsiasi video sulla scrivania, impostandolo come fosse uno sfondo. Lo so, non è esattamente una soluzione convenzionale, ma funziona! Prima di continuare, ti faccio presente che la medesima caratteristica è presente anche in VLC per Windows.

Tutto chiaro? OK, andiamo! Se non hai già provveduto a installare VLC sul Mac, collegati a questo sito Web, clicca su pulsante Scarica VLC e attendi che il pacchetto .dmg del software venga scaricato sul computer. A download ultimato, apri il pacchetto ottenuto, trascina l’icona di VLC nella cartella Applicazioni del Mac e, dopo aver aperto quest’ultima cartella, fai doppio clic sull’icona appena creata e poi sul pulsante Apri, in modo da superare le limitazioni di macOS nei confronti degli sviluppatori non certificati.

Dopo aver aperto il programma, clicca sul menu VLC collocato nella barra dei menu del Mac, seleziona la voce Preferenze… e clicca sul pulsante Mostra tutte, che si trova in basso, in modo da visualizzare le opzioni avanzate del riproduttore; su Windows, devi invece recarti nel menu Strumenti > Preferenze e apporre il segno di spunta accanto alla voce Tutto, situata in basso.

Giunto alla schermata delle impostazioni avanzate di VLC, clicca sulla voce Video situata nella barra laterale di sinistra, apponi il segno di spunta accanto alla dicitura Attiva modalità wallpaper e clicca sul pulsante Salva, per applicare l’impostazione. A partire da questo momento, qualsiasi video riprodotto tramite VLC verrà visualizzato a mo’ di sfondo del desktop: è una soluzione simpatica ma efficiente, tuttavia ha come “svantaggio” quello di nascondere le icone presenti sulla scrivania.

Una volta avviato il filmato, se necessario, fai clic destro su un punto qualsiasi della scrivania e utilizza il menu contestuale Video > Proporzioni, per ridimensionarlo; se, invece, vuoi riprodurre il video in loop, clicca sull’icona delle frecce circolari, situata nella barra degli strumenti di VLC.

Per disattivare la modalità wallpaper del programma, ripeti i passaggi che ti ho indicato poco fa e, dopo aver rimosso il segno di spunta dalla voce Attiva modalità wallpaper, premi il pulsante Salva per riportare le cose alla normalità.

Come mettere uno sfondo animato su Google

Come mettere uno sfondo animato su Google

Per impostare uno sfondo animato sul browser Google Chrome per computer si può usare un trucchetto tanto semplice quanto efficace: è sufficiente scaricare uno sfondo in formato GIF, rinominarlo in PNG e, successivamente, applicarlo al browser.

Per prima cosa, dunque, individua il file relativo allo sfondo che ti interessa applicare; se hai bisogno d’ispirazione, ti torneranno sicuramente utili le mie guide su come scaricare GIF da Pinterest, come scaricare GIF da Facebook, come scaricare GIF da Twitter e come scaricare GIF da altri siti Internet. Se, invece, vuoi creare da te un wallpaper in formato GIF, ti consiglio di prendere visione del mio tutorial su come animare le immagini.

Una volta ottenuto il file GIF più appropriato, devi “trasformarlo” in PNG, andando a modificarne l’estensione da .GIF a .PNG: se non hai mai effettuato questa operazione prima d’ora e non sai come procedere, puoi seguire le istruzioni che ti ho fornito nella mia guida su come cambiare le estensioni dei file, per riuscirci rapidamente.

A questo punto, non ti resta che applicare l’immagine “confezionata” ad-hoc come sfondo di Chrome: per riuscirci, apri una nuova scheda del browser cliccando sul pulsante [+] collocato in alto, fai clic sul pulsante Personalizza situato in basso a destra (in alcuni casi, si presenta come un simbolo raffigurante una matita) e seleziona la voce Sfondo, dal menu laterale di sinistra.

Per finire, clicca sul riquadro Carica dal dispositivo e, avvalendoti del pannello che compare su schermo e seleziona il file PNG che hai realizzato in precedenza. Facilissimo, non trovi?

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.