Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Programmi per editare video

di

Hai realizzato un video con la fotocamera del tuo smartphone ma, una volta trasferito sul computer, ti sei accorto della presenza di alcune scene che andrebbero tagliate e/o abbellite in vari modi. Date le circostanze, sei quindi alla ricerca di qualche bel software per fare editing video ma finora non hai trovato nulla di valido.

Se le cose stanno effettivamente in questo modo, sappi che sei capitato sulla guida giusta, al momento giusto. Se mi concedi un po’ del tuo tempo libero, infatti, posso indicarti tutti quelli che, a mio modesto avviso, rappresentano i migliori programmi per editare video disponibili attualmente su piazza, sia per Windows che per macOS e Linux. Puoi servirtene non solo per rimuovere determinate parti dai filmati, ma anche per aggiungere vari effetti e musiche di sottofondo, per modificare i colori e le luci, montare insieme più filmati ecc.

Nella maggior parte dei casi si tratta di soluzioni abbastanza semplici da usare, anche da parte dei “dilettanti allo sbaraglio”, e sufficientemente intuitive. Allora? Che ne diresti di mettere finalmente le chiacchiere da parte e di cominciare a darci da fare? Sì? Benissimo! Posizionati, dunque, bello comodo e concentrati sulla lettura di quanto riportato qui di seguito. Sono sicuro che, alla fine, potrai dirti ben contento e soddisfatto dei risultati ottenuti. Scommettiamo?

Indice

Programmi per editare video gratis

Cerchi degli strumenti che ti consentano di intervenire sui tuoi filmati senza dover spendere del denaro? Allora metti alla prova i programmi per editare video gratis che ho provveduto a segnalarti qui sotto. Sono disponibili per Windows, macOS e Linux.

Avidemux (Windows/macOS/Linux)

Avidemux

Il primo tra i programmi per editare video che ti suggerisco di prendere in considerazione si chiama Avidemux. Si tratta di uno dei migliori software a costo zero e open source di questo tipo. È compatibile con i principali sistemi operativi (Windows, macOS e Linux) e supporta tutti i più diffusi formati di file video: AVI, MPG, MP4, WMV ecc.

Non brilla per avere un’interfaccia particolarmente curata, ma è molto semplice da utilizzare e include una serie di filtri molto personalizzabili che permettono di ottenere risultati di livello professionale. Funziona sia in modalità diretta (senza ricompressione) che in modalità full-processing (con ricompressione di video e audio) consentendo di montare, copiare, tagliare e unire filmati con le stesse caratteristiche.

Per scaricare il programma sul tuo computer, recati sul relativo sito Internet e seleziona il collegamento win64 xx Final Install (64 bits), FossHub (se stai usando una versione di Windows a 64 bit), win32 xx Final Install (32 bits), FossHub (se stai usando una versione di Windows a 32 bit) oppure xx Mojave QT5 (dmg), FossHub (se stai usando macOS). Nella pagina Web che ti verrà mostrata, clicca poi sul nome del software.

Completato il download, se stai usando Windows, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che ti viene mostrata sul desktop, fai clic sul pulsante Successivo (per tre volte di fila), dopodiché seleziona la voce Accetto la licenza, premi nuovamente sul bottone Successivo (per altre due volte), quindi su quello e, per concludere, clicca sul pulsante Fine, per concludere il setup. Avvia poi il software, selezionando il relativo collegamento che è stato aggiunto al menu Start.

Se stai usando macOS, invece, apri il pacchetto .dmg ottenuto e trascina l’icona del programma nella cartella Applicazioni del Mac. In seguito, facci clic destro sopra, seleziona la voce Apri dal menu contestuale e, nella finestra che compare sulla scrivania, premi sul pulsante Apri, così da andare ad aggirare le restrizioni volute da Apple nei confronti degli sviluppatori non certificati (operazione che va effettuata solo al primo avvio).

Adesso che visualizzi la finestra principale di Avidemux, fai clic sul pulsante con la cartella azzurra presente in alto a sinistra, seleziona la voce Apri e importa nel programma il video su cui vuoi andare ad agire.

Provvedi poi ad apportare al filmato tutte le modifiche del caso, usando i menu, gli strumenti e i comandi annessi alla finestra. Per la precisione, in alto ci sono i menu per gestire i file, richiamare i filtri ecc., al centro è presente il player con l’anteprima del video da modificare, a sinistra ci sono i menu a tendina per impostare le preferenze relative a codec e contenitore di output, mentre in basso ci sono i comandi multimediali e la timeline. Per ulteriori dettagli, puoi consultare la mia guida dedicata specificamente a come usare Avidemux.

Una volta completate tutte le modifiche, salva il filmato editato sul computer, facendo clic sul menu File in alto a sinistra, selezionando la voce Salva da quest’ultimo, digitando il nome da assegnare al file finale e cliccando sui bottoni Salva e OK.

DaVinci Resolve (Windows/macOS/Linux)

DaVinci Resolve

Un altro software che puoi valutare di utilizzare è DaVinci Resolve. Si tratta di un editor video per Windows, macOS e Linux destinato principalmente ai professionisti del settore. Include il supporto 8K e diverse funzioni avanzate. Di base è gratuito, ma eventualmente è disponibile in una variante a pagamento (al costo di 269 euro), che offre funzioni aggiuntive, tra cui decine di plug-in ResolveFX e FairlightFX, la collaborazione multiutente ecc.

Per eseguire il download del programma, recati sul relativo sito Internet, clicca sul pulsante Scarica che si trova al centro e, in corrispondenza della dicitura DaVinci Resolve XX, fai clic sul nome del sistema operativo che stai usando, dopodiché compila il modulo che ti viene proposto con i dati richiesti e fai clic sul bottone Registrati & Scarica.

A download ultimato, se stai usando Windows, estrai in una cartella a piacere l’archivio ZIP ottenuto e avvia il file .exe presente al suo interno. Nella finestra che ora ti viene mostrata sullo schermo, fai clic sui pulsanti e Install. Premi poi sul bottone Next, spunta la casella accanto alla voce I accept the terms in the License Agreement e clicca ancora sul bottone Next (per due volte di fila). Infine, fai nuovamente clic sul pulsante Install e sui bottoni Finish e OK, per concludere il setup. Avvia quindi il programma, selezionando il collegamento che è stato appena aggiunto al menu Start.

Se stai usando macOS, invece, estrai in una posizione qualsiasi l’archivio ZIP ottenuto e fai doppio clic prima sul pacchetto .dmg contenuto al suo interno e poi sull’icona dell’installer del software. Nella finestra che ora ti viene mostrata, clicca sul pulsante Continua (per due volte di fila), poi su quello Accetta e su bottone Installa. A questo punto, digita la password del tuo account utente su Mac e premi il tasto Invio sulla tastiera, dopodiché clicca sul tasto Chiudi nella finestra comparsa sullo schermo e rispondi in maniera affermativa all’avviso tramite cui ti viene chiesto di spostare il pacchetto d’installazione del programma nel Cestino. Provvedi poi ad avviare DaVinci Resolve, selezionando la relativa icona che è stata aggiunta al Launchpad.

Una volta visualizzata la finestra del programma sullo schermo, importa il video che vuoi editare in esso, cliccando sul pulsante New project, quindi sul menu File (in alto a sinistra) e selezionando l’apposita voce dal menu che si apre.

Utilizza, dunque, gli strumenti e le funzioni presenti nell’editor del programma per modificare il filmato come ritieni sia più opportuno. Per la precisione, in cima trovi la barra con tutti i menu per apportare modifiche e richiamare comandi di vario tipo, poco più in basso ci sono le schede per selezionare effetti, suoni ecc., mentre al centro c’è il player per la riproduzione del filmato. A sinistra, invece, c’è l’elenco degli elementi inclusi nel progetto, in basso la timeline e i pulsanti per eseguire altre modifiche e a destra trovi ulteriori opzioni e menu, che variano a seconda di quanto selezionato.

Dopo aver completato le modifiche, clicca sulla voce File che si trova sempre in alto a sinistra e decidi, selezionando le opzioni apposite dal menu che compare, se salvare il filmato come progetto oppure in un formato video a piacere tra quelli supportati.

iMovie (macOS)

iMovie

iMovie è senza alcun dubbio uno dei migliori programmi per editare video Mac in circolazione. Nel caso in cui non ne avessi mai sentito parlare, ti informo che si tratta di un software gratuito sviluppato direttamente da Apple e reso disponibile solo per macOS (oltre che per iOS/iPadOS), grazie al quale è possibile modificare e creare filmati usando le svariate funzioni offerte.

È preinstallato su tutti i computer dell’azienda di Cupertino di più recente produzione ma, qualora non disponibile, può essere scaricato anche dalla relativa sezione del Mac App Store. Per potertene servire, richiama il programma selezionando la relativa icona che trovi nel Launchpad.

Una volta visualizzata la finestra di iMovie sulla scrivania, clicca sul pulsante (+) collocato in alto a sinistra e seleziona, dal menu che si apre, la voce Filmato (per creare un video personalizzato partendo da zero, curandone i minimi particolari) oppure quella Trailer (per creare una clip in stile hollywoodiano seguendo un modello preimpostato).

Ora che, a prescindere dalla scelta fatta in precedenza, visualizzi l’editor di iMovie, comincia pure a servirti degli strumenti disponibili per editare il tuo video. Per la precisione, in basso trovi la timeline, in alto a sinistra ci sono i file multimediali, mentre in alto a destra ci sono il player per visualizzare i progetti in anteprima e gli strumenti per applicare effetti, cambiare la velocità di riproduzione ecc. Per maggiori dettagli, leggi la mia guida specifica su come usare iMovie.

Dopo aver terminato le modifiche al video, per salvare il risultato finale come progetto, clicca sul menu Progetti situato in alto a sinistra e, nella finestra che compare, digita il nome vuoi assegnare al file. Se, invece, desideri esportare il video, fai clic sull’icona della condivisione (quella con il quadrato e la freccia) che si trova in alto a destra e scegli una delle opzioni disponibili dal menu che ti viene mostrato.

Altri programmi per editare video gratis

Kdenlive

Nessuno dei programmi per editare video che ti ho già proposto ti ha convinto in maniera particolare e ti piacerebbe allora che ti suggerissi qualche alternativa? Ti accontento subito. Nell’elenco sottostante, infatti, trovi segnalati ulteriori strumenti allo scopo che, a mio avviso, faresti bene a prendere in considerazione.

  • Kdenlive (Windows/macOS/Linux) – programma gratuito, di natura open source e multipiattaforma, che permette di editare e montare filmati. Include numerose funzioni e supporta senza problemi tutti i più diffusi formati di file video.
  • Lightworks (Windows/macOS/Linux) – rinomato software totalmente gratuito per l’editing video di stampo professionale. Funziona su Windows, macOS e Linux e include numerose feature, sia basilari che avanzate, per apportare modifiche di vario tipo ai filmati.
  • VirtualDubMod (Windows) – versione modificata di VirtualDub. È stato per molto tempo uno dei più apprezzati programmi per editare video su PC gratuiti ma ora è caduto un po’ nel dimenticatoio, in quanto lo sviluppo si è fermato. In ogni caso, funziona ancora bene. Aggiunge a VirtualDub il supporto ai file MKV/OGM e la possibilità di gestire, rimuovere o aggiungere molteplici tracce audio e sottotitoli ai video elaborati. Non richiede installazioni per funzionare e include una vasta gamma di filtri.

Programmi per editare video online

Non vuoi o non puoi scaricare nuovi software sul tuo computer e ti piacerebbe allora capire se esistono dei programmi per editare video online, funzionanti direttamente dalla finestra del browser? Ma certo che sì e, proprio qui di seguito, trovi elencati quelli che, a parer mio, costituiscono i migliori della categoria.

KapWing

KapWing

Se cerchi un servizio online per editare i tuoi video, ti suggerisco di rivolgerti a KapWing. Permette di modificare i filmati che gli vengono dati “in pasto”, permettendo di intervenire su tutti quelli che sono i più diffusi formati di video. Da notare che consente di caricare video con un peso massimo di 25 MB ed è gratis, ma applica un watermark al filmato esportato.

Il watermark si può rimuovere solo pagando ( 6 dollari per singolo file oppure 20 dollari/mese). Inoltre, non vengono fornite informazioni in merito a quanto tempo i file caricati rimangono conservato sui server del servizio.

Per servirti di KapWing, recati sulla relativa home page, fai clic sulla voce Click to upload e seleziona il video relativamente al quale vuoi intervenire. In alternativa, trascina il file di tuo interesse nella finestra del browser. Attendi quindi che il filmato venga caricato e ti ritroverai al cospetto dell’editor, per cominciare a modificarlo.

Scegli, dunque, quali operazioni eseguire, portandoti prima nel punto del video corretto, tramite la barra d’avanzamento collocata in basso, selezionando il tipo di modifica da apportare (mediante le schede in alto) e servendoti poi dei pulsanti e dei menu su schermo (al centro oppure a destra).

Se, invece, vuoi tagliare il filmato e apportare altre modifiche strutturali, clicca sull’anteprima del video presente al centro e serviti dei comandi appositi nel menu di destra.

Quando avrai terminato, scarica il filmato modificato, cliccando prima sul pulsante Publish collocato in alto a destra e poi su quello Download. Se prima di procedere con il download desideri regolare la qualità finale del file finale, fai clic sul pulsante con la ruota d’ingranaggio collocata nella parte in alto a destra dell’editor e scegli l’opzione che preferisci dal riquadro che compare.

Altri programmi per editare video online

Video Toolbox

Se la soluzione per editare video via Web che ti ho già indicato non ti ha convinto, puoi valutare una delle ulteriori soluzioni di questo tipo che trovi nell’elenco sottostante.

  • Video Toolbox – servizio online che include numerosi comandi avanzati per modificare i video. È completamente gratis, ma si può usare solo creando un account. Da notare che supporta tutti i più comuni formati video ed è in grado di processare file fino a 1,5 GB.
  • Clipchamp – piattaforma di editing video online che, previa creazione di un account, può essere impiegata per la creazione di filmati personalizzati, sfruttando i principali strumenti adibiti allo scopo. Di base è gratis, ma eventualmente è disponibile anche in una versione a pagamento (con prezzi a partire da 9 dollari/mese), che consente di esportare i video a 720p oppure a 180p.
  • WeVideo – si tratta di un servizio online gratuito per editare e montare video. Consente di esportare filmati non più lunghi di 5 minuti e con una risoluzione massima di 480p. Per aggirare queste limitazioni è necessario sottoscrivere uno dei piani d’abbonamento disponibili (con costi a partire da 4,99 dollari/mese).

Programmi per editare video YouTube

Tagliare video su YouTube

Ti piacerebbe diventare uno youtuber e vorresti allora che ti suggerissi dei programmi per editare video YouTube? In tal caso, ti informo che puoi affidarti senza il benché minimo problema a tutti i software e i servizi online che ti ho già segnalato nelle righe precedenti.

In alternativa, puoi prendere in considerazione l’uso dell’editor online offerto direttamente da YouTube, come ti ho indicato in dettaglio nella mia guida dedicata specificamente a come editare video su YouTube.

App per editare video

KineMaster

Non hai il computer a portata di mano e ti piacerebbe quindi che ti indicassi delle app per editare video agendo direttamente dal tuo smartphone o tablet? Allora metti alla prova le soluzioni ad hoc che trovi segnalate qui sotto.

  • KineMaster (Android/iOS/iPadOS) – editor per dispositivi mobili molto completo e versatile. Permette, per l’appunto, di intervenire sui video tagliandoli, aggiungendovi scritte, filtri ecc. È gratis, ma propone acquisti in-app (a partire da 2,29 euro) per rimuovere il watermark che viene applicato ai filmati e per sbloccare anche delle funzioni aggiuntive.
  • Quik (Android/iOS/iPadOS) – ottima applicazione gratuita per il video editing messa a disposizione da GoPro. Permette di modificare e abbellire i filmati già presenti nella galleria del dispositivo, aggiungendovi temi, musica, effetti e molto altro ancora.
  • iMovie (iOS/iPadOS) – è la controparte per iPhone e iPad del programma di cui ti ho parlato prima. Riprende praticamente quelle che sono le principali funzioni della sua variante per computer, ma è ottimizzato per il touch-screen. È gratis.
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.