Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come aumentare il segnale del cellulare

di

Ti trovi in casa e stai parlando al telefono con una persona che non sentivi da molto tempo. Le sue parole, tuttavia, ti giungono solo a tratti, risultando spesso incomprensibili. Non è la prima volta che capita e, già da tempo, hai notato che nella tua abitazione la ricezione del cellulare sembra essere veramente pessima.

Vorresti porre rimedio alla cosa, in modo da poter riuscire finalmente ad ascoltare le persone con cui parli al telefono normalmente. Così, hai iniziato a cercare in Rete qualche guida su come aumentare il segnale del cellulare ed ecco che hai aperto proprio questa pagina, in cerca di soluzioni a questa problematica. Ebbene, confermo che posso darti una mano e darti qualche “dritta” in merito, sebbene miracoli non se ne possano fare.

Come ti mostrerò a tempo debito, infatti, ci sono fattori “esterni” (su cui non è possibile agire in modo diretto) che influenzano in modo preponderante la ricezione del segnale. Come dici? Il tuo problema non riguarda il segnale telefonico ma quello del Wi-Fi? Lì la situazione è decisamente più gestibile, dunque ti fornirò dei suggerimenti anche a tal riguardo. Adesso però andiamo con ordine. Non mi resta, dunque, che augurarti una buona lettura e farti un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Controllare il segnale

Intensità segnale

Prima di procedere ad elencarti i rimedi per migliorare la ricezione del tuo telefono, credo sia utile indicarti quali sono gli strumenti con i quali puoi accertarti che il problema sia reale e persistente e non solo un disagio momentaneo. Ti basta usare alcuni strumenti già integrati nel tuo device. Gli smartphone basati sul sistema operativo Android e gli iPhone dispongono, infatti, di alcune semplici funzionalità di diagnostica per la copertura telefonica.

Per quanto riguarda Android, per effettuare una verifica è sufficiente aprire le Impostazioni (l’icona dell’ingranaggio che si trova in Home screen, nel drawer o nel menu delle notifiche) e premere sulla voce Informazioni sul dispositivo (potrebbe anche chiamarsi Info sul dispositivo o Info sul telefono e trovarsi all’interno della voce del menu Generali).

Fai quindi tap sulla voce Stato, e, infine, premi sulla voce Stato SIM. A questo punto, le specifiche della rete telefonica dovrebbero essere mostrate sotto la voce Ricezione segnale. I valori prossimi o che superano i -100dBm (decibel-milliwatt) sono indici di scarsa copertura. In generale, più il valore è prossimo ai -50dBm e migliore sarà la ricezione.

Generalmente, in ogni area è situata un’antenna o un ripetitore del segnale radio telefonico. La ricezione è influenzata dalla prossimità a tali strutture e da altri fattori, come la conformazione geografica dell’area (presenza di valli o alberi a fare da “schermo”) o la composizione stessa dei muri dell’edificio in cui ci si trova.

Come detto, i menu da raggiungere possono cambiare da modello a modello. Se utilizzi un telefono Xiaomi, ad esempio, per verificare la copertura di rete, fai così: apri le impostazioni di sistema come ti ho indicato sopra e fai tap sulla voce Info sistema. Premi, poi, sulla voce Tutte le specifiche e, successivamente, fai tap sulla voce Stato e, infine, premi sulla voce Stato SIM. Il valore espresso in dBm è mostrato sotto la voce Intensità segnale.

La stessa verifica può essere effettuata, in modo un po’ meno intuitivo su iPhone. Innanzitutto, disattiva il Wi-Fi del dispositivo (richiamando il Centro di Controllo e facendo tap sull’icona apposita). Dopodiché, ti basta aprire il dialer (cioè la schermata di composizione dei numeri di telefono), digitare il codice *3001#12345#* al suo interno e premere il pulsante verde con il simbolo della cornetta, in basso.

A questo punto, nella schermata che compare, fai tap sull’icona ≡ collocata in alto a destra e premi sulla voce Reach Attempt. I valori relativi alla ricezione sono mostrati accanto alle voce rsrp e vanno valutati come spiegato poc’anzi.

iPhone

Oltre a quanto detto finora, vorrei consigliarti anche l’utilizzo di un’intuitiva e comoda app (completamente gratuita) grazie alla quale potrai saperne di più, non solo sulla ricezione del tuo dispositivo, ma anche sulla prossimità al ripetitore o all’antenna del segnale radio telefonico nella tua area.

L’app in questione, Test di velocità Opensignal, è disponibile sia per Android (su Play Store o su store alternativi, se il tuo smartphone non dispone dei servizi Google) sia su iPhone. Una volta che l’hai scaricata e installata sul tuo dispositivo, aprila e premi sul pulsante Inizia, dopodiché, premi sul pulsante OK. Fai tap per due volte, poi, sul pulsante Continua e infine autorizza l’app ad accedere alla tua posizione, premendo sulla voce Consenti.

Ora puoi controllare in modo rapido le informazioni sul segnale premendo sul secondo pulsante da sinistra nella schermata principale dell’app.

Opensignal

Se, invece, vuoi scoprire qual è l’ubicazione delle antenne radio e dei ripetitori nella tua area, fai tap sull’ultimo pulsante in basso a destra (quello con il simbolo del triangolo) e premi sul pulsante Ripetitori. Per ulteriori informazioni sulla copertura dei vari operatori telefonici in Italia dai un’occhiata al tutorial che ho dedicato all’argomento.

Cambiare rete dati

Cambiare rete dati Android

Le reti dati 5G e 4G offrono velocità di connessione e prestazioni, in generale, decisamente superiori alle reti dati meno recenti. Tuttavia, in alcune aree, la copertura delle stesse è ancora piuttosto scarsa. Inoltre, le reti 2G (utile solo per le chiamate) e 3G (per la navigazione Internet a bassa velocità) hanno frequenze più basse il che, a prescindere, ne rende più ampia la copertura del segnale.

Per queste ragioni, se le tua priorità è semplicemente chiamare e ricevere SMS, potresti considerare l’idea di modificare il tipo di rete preimpostato dal tuo dispositivo (Android e iOS impostano di default lo standard di rete maggiore a cui il telefono può avere accesso).

Per modificare quest’impostazione su un telefono Android, accedi al menu delle Impostazioni (in alternativa, a seconda della versione di Android, potresti anche premere sulla voce Connessioni o Configurazione SIM). Dopodiché, premi sulla voce Reti mobili e, infine, fai tap sulla voce Tipo di rete predefinito e scegli l’opzione 2G o 3G.

Per farti un altro esempio, se utilizzi un telefono Xiaomi, per modificare il tipo di rete predefinita, apri le impostazioni (l’icona dell’ingranaggio). Successivamente, premi sulla voce Schede SIM e reti mobili, fai tap sul nome della tua SIM (in alto) e premi sulla voce Tipo di rete preferita. Infine, seleziona la voce Solo 2G o Preferisci rete 3G e torna indietro. Visto com’è facile?

Se il tuo è, invece, un iPhone per cambiare rete, fai tap sull’icona dell’ingranaggio (quella delle Impostazioni) che trovi nella Home screen o nella Libreria app e premi, quindi, sulla voce Cellulare.

iPhone

Successivamente, premi sulla voce Opzioni dati cellulare, poi Voce e dati e, a questo punto, seleziona la rete 2G o 3G (se disponibili, sui modelli più recenti non si può scendere sotto il 4G).

Modalità aereo

Modalità aereo Android

Devi sapere che, all’accensione, il tuo telefono effettua automaticamente una ricerca per selezionare e sintonizzarsi sulla frequenza dell’antenna radio più vicina. Se noti che da diverso tempo il segnale telefonico è scarso o assente, puoi semplicemente spegnere e riaccendere il tuo dispositivo per far sì che esso effettui automaticamente una nuova ricerca.

In alternativa a questa operazione, puoi provare a impostare per qualche decina di secondi la Modalità aereo e, successivamente, disattivarla per permettere al tuo dispositivo di eseguire una nuova ricerca del segnale radio. Per effettuare quest’operazione su un telefono Android ti basta far scorrere il dito sullo schermo partendo dal bordo superiore di quest’ultimo, per richiamare il menu delle notifiche, fare tap sull’icona Modalità aereo (potrebbe anche chiamarsi semplicemente Aereo) e, successivamente premere nuovamente su di essa, per disattivarla.

Se, nel menu a tendina su schermo non dovessi trovare immediatamente l’opzione per la Modalità aereo, ti basta scorrere con il dito verso destra e controllare anche le altre pagine del menu.

Modalità aereo iPhone

Se utilizzi un iPhone, per eseguire un’operazione analoga, scorri il dito verso il basso partendo dall’angolo destro superiore del display, se usi un modello di iPhone con Face ID, oppure scorri dal fondo dello schermo verso l’alto (partendo dal centro), se hai un iPhone con tasto Home fisico, e fai tap sul pulsante con il simbolo dell’aereo.

Dopo aver atteso qualche istante, premi nuovamente sullo stesso pulsante per disattivare la modalità.

Wi-Fi Bluetooth Android

Le altre connessioni di cui un telefono generalmente dispone (Wi-Fi e Bluetooth), se attive, potrebbero interferire con il segnale radio della copertura telefonica. Ti invito, dunque, a provare a fare una prova per verificare se disattivando queste connessioni riesci a ottenere benefici. Se utilizzi un telefono Android per compiere quest’operazione ti basta richiamare il menu a tendina come ti ho indicato sopra e, se attive, fare tap sulle icone del Wi-Fi (quella con il simbolo delle tre onde concentriche) e del Bluetooth (l’icona dei due triangoli impilati uno sopra l’altro). Se non dovessi trovare subito le suddette icone scorri verso destra le pagine del menu.

Su iPhone ti basta richiamare il menu del Centro di controllo come ti ho spiegato sopra e fare tap sulle stesse icone che ti ho descritto nel caso di Android. In ultima analisi, ti segnalo che solitamente i risultati migliori della ricerca automatica del segnale radio si ottengono quando la batteria del cellulare è sufficientemente carica (con un livello, indicativamente, superiore al 50%).

Come aumentare il segnale del cellulare in casa

Amplificatore GSM

Generalmente, la conformazione stessa di un edificio può costituire un ostacolo alla ricezione del telefono, con mura e altre componenti fisiche a fare da “schermo”. Per queste ragioni, quando ti trovi in casa o qualsiasi altro tipo di edificio, l’ideale per ricevere ed effettuare chiamate sarebbe posizionarsi in prossimità di finestre (e se possibili lasciare queste ultime aperte) o altri punti a contatto diretto con l’esterno.

Risultati di ricezione migliori inoltre, si riescono a ottenere, generalmente, posizionandosi in un punto elevato di un edificio. Quando sei impegnato in una chiamata, altresì, il mio consiglio è quello di allontanarti da dispositivi, come forni a microonde, modem router o ripetitori Wi-Fi che, con l’emissione di onde, potrebbero interferire con il segnale radio della rete telefonica.

Se le soluzioni “a costo zero” che ti ho fornito finora non dovessero sortire l’esito sperato potresti considerare l’ipotesi di acquistare un amplificatore di segnale LTE. Questi dispositivi, generalmente, riescono a migliorare (anche notevolmente) la situazione, permettendo di ottenere un incremento di dBm (l’unità utilizzata per misurare l’intensità del segnale radio di cui ti ho parlato in questo capitolo) pari a diverse decine. In più, questi dispositivi sono compatibili con tutti gli operatori telefonici.

Tieni presente, ad ogni modo, che questi amplificatori, per funzionare correttamente, necessitano di captare il segnale e, pertanto, sarebbero inutili laddove quest’ultimo sia totalmente assente. Inoltre, tali apparecchiature per essere installate necessitano della consulenza di un tecnico GSM specializzato. Quest’ultimo sarà in grado di garantirti che tutto sia correttamente funzionante e che gli amplificatori non creino interferenze per le altre antenne radio presenti nella tua area.

Qualora questi rimedi non facciano al caso tuo e, dunque, continui a chiederti come aumentare il segnale del cellulare, da ultimo, potresti considerare anche l’ipotesi di cambiare gestore telefonico. Le antenne radio presenti sul territorio nazionale, infatti, non emettono tutte lo stesso tipo di segnale e quella a cui sei più vicino, ad esempio, potrebbe trasmettere solo quello di un gestore differente dal tuo.

KKBSTR Amplificatore Segnale Cellulare 2G 3G 4G LTE, Ripetitore Segnal...
Vedi offerta su Amazon
ANYCALL Amplificatore Segnale Cellulare 2G 3G 4G 5 Band 800/900/1800/2...
Vedi offerta su Amazon
ANYCALL Amplificatore Segnale 4G, Ripetitore gsm 900/1800/2100MHz Band...
Vedi offerta su Amazon

Come amplificare il segnale Wi-Fi del cellulare

Range extender

Come dici? Sei a casa e noti che il tuo telefono riceve con difficoltà il segnale Wi-Fi emesso dal tuo router? Per risolvere la situazione, ti consiglio innanzitutto di avvicinarti a quest’ultimo (in modo che non ci siano ostacoli fisici a fare da schermo) e ridurre il numero degli altri dispositivi connessi al router (l’ideale sarebbe che il tuo telefono sia l’unico collegato).

Il mio ulteriore suggerimento, in questo caso, è quello di fare varie prove posizionando il tuo router in punti diversi dell’edificio. Le aree migliori sono più “aperte” (lontano da muri e pavimenti) e quelle prive di oggetti metallici e altri dispositivi in grado di emettere onde (come i forni a microonde, i dispositivi Bluetooth e gli altri modem) che potrebbero interferire con quelle del router stesso.

In alternativa, una soluzione efficace potrebbe essere quella di cambiare il canale radio usato dalla tua rete Wi-Fi, in modo da sfruttare una banda di trasmissione con meno interferenze.

Ad ogni modo, il rimedio più efficace alla scarsità del segnale emesso da un modem potrebbe essere proprio quella di sostituire quest’ultimo (ogni dispositivo di questo tipo ha, infatti, un differente raggio di copertura) o acquistare un ripetitore.

Sul mercato sono disponibili una varietà sterminata di ripetitori (o range extender) che ricevono il segnale emesso dal modem e lo ritrasmettono a loro volta nell’area circostante, di fatto, aumentando notevolmente la copertura Wi-Fi. Questi dispositivi vanno quindi collegati all’alimentazione in un punto di confine tra l’area in cui la copertura è sufficiente e quella in cui è assente.

I range extender sono disponibili in varie dimensioni e prezzi (questi ultimi variano generalmente tra i 20 e i 50 euro, a seconda dell’estensione dell’area di copertura, la velocità di connessione e le bande di reti wireless disponibili). Qui in basso te ne propongo alcuni validi e ti rimando alla mia guida all’acquisto specifica per scoprire i migliori in assoluto.

TP-Link TL-WA850RE Ripetitore Wireless Wifi Extender e Access Point, V...
Vedi offerta su Amazon
Netgear EX3700-100PES Ripetitore Wifi 750 Mbps, Wifi Extender e Access...
Vedi offerta su Amazon
TP-Link RE200 Ripetitore WiFi Wireless, Velocità Dual Band AC750, WiFi...
Vedi offerta su Amazon

Se hai necessità di estendere il segnale Wi-Fi su diversi piani, inoltre, potresti prendere anche in considerazione l’idea di acquistare un set di adattatori Powerline. Si tratta di adattatori, venduti spesso in coppia, che riescono a trasmettere in modo efficiente il segnale di Internet tramite la rete elettrica, andando dunque oltre i limiti di copertura dei classici ripetitori, con prezzi che vanno dai 30 ai 60 euro circa (a seconda, principalmente, della velocità di connessione offerta). Possono essere sia Wi-Fi che solo con cavo.

Configurare questi adattatori è semplicissimo: basta collegarli a una presa elettrica a muro (per ottenere il massimo delle prestazioni), quindi bisogna connettere l’adattatore principale al modem tramite cavo Ethernet e sincronizzarli (tramite un apposito tasto presente su di essi).

TP-Link TL-WPA4220 Kit Powerline WiFi, AV600 Mbps su Powerline, 300 Mb...
Vedi offerta su Amazon
D-Link DHP-W311AV Kit PowerLine AV500, Wireless N 300Mbps con 1 Porta ...
Vedi offerta su Amazon
Netgear PL1000-100PES Adattatori, 1 Porta Gigabit, Bianco, 2 Pezzi
Vedi offerta su Amazon

Per un approfondimento specifico su questi argomenti, leggi il mio tutorial su come potenziare il segnale Wi-Fi.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.