Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come crescere su YouTube velocemente

di

Alla fine ti sei fatto forza e anche tu hai deciso di aprire un canale su YouTube per pubblicizzare la tua attività online. Pensavi che la parte più complicata dell’impresa fosse proprio questa, ma ti sei accorto fin da subito che, in realtà, il difficile inizia in realtà dopo l’apertura del canale, visto che devi farlo crescere in termini di iscritti e visualizzazioni.

Come dici? Non hai la più pallida idea di come riuscire a fare ciò? E allora permettimi di darti qualche “dritta” su come crescere su YouTube velocemente. Anche se occorre un minimo di pazienza per vedere risultati significativi (direi almeno un anno), i consigli che sto per darti potrebbero esserti di aiuto per cercare di velocizzare un po’ la crescita del tuo canale.

Allora, posso sapere che ci fai ancora lì impalato? Forza e coraggio: mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ti occorre per concentrarti sulla lettura dei prossimi paragrafi e, soprattutto, cerca di attuare le “dritte” che ti darò. A me non resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e farti un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Realizzare video interessanti

Idea

Realizzare video interessanti è la base da cui devi necessariamente partire se desideri crearti un buon seguito su YouTube. Dal momento che questa è a tutti gli effetti una piattaforma di intrattenimento, avere la capacità di intrattenere altre persone con tematiche che interessano loro è importantissimo.

Come puoi realizzare video interessanti? Beh, innanzitutto cerca di capire quali sono gli argomenti che interessano gli utenti: puoi fare ciò analizzando il tuo pubblico di riferimento (più avanti approfondisco meglio questo aspetto) e cercando su Google Trends gli argomenti di tendenza in un dato momento (in quest’altra guida ti ho spiegato come adoperare lo strumento in questione).

Una volta individuata la tematica da cui partire per realizzare il video, prova a utilizzare un linguaggio colloquiale, non troppo formale o “ingessato”. Anziché scriverti parola per parola ciò che devi dire durante il video (cosa che ti farebbe sembrare innaturale ed eccessivamente preciso), usa uno schema mentale o scritto che sia il più semplice ed essenziale possibile. Abituarti a lavorare in questo modo, darà un grosso “boost” alla tua carriera da youtuber!

Puntare sulla qualità

Videocamera

Rispetto a qualche anno fa, crescere su YouTube in tempi rapidi è diventato più difficile, in quanto molti settori sono ormai saturi di contenuti e canali con un buon seguito. Ecco perché puntare sulla qualità è diventato importante: agli “albori” di YouTube anche i video meno “pettinati” potevano ottenere un buon successo e diventare virali, ma oggi raramente questo succede ed è per questo che bisogna investire tempo e risorse per migliorare la qualità dei video pubblicati.

Come puoi migliorare la qualità dei video che pubblichi sul tuo canale? Cerca di curare ogni dettaglio: prenditi il tempo di scegliere la sceneggiatura e la location in cui girerai ciascun video, le luci, la qualità audio, il montaggio, la metrica, i tempi e così via.

Per realizzare video di qualità, devi munirti anche dell’attrezzatura giusta. È inutile girarci intorno: per girare video di qualità, occorre avere dispositivi di qualità. Per quanto  riguarda le riprese delle clip, ti consiglio di munirti di una videocamera professionale e/o di uno camera phone (ovvero uno smartphone con una buona fotocamera). Oltre a ciò, munisciti anche di un buon microfono (l’audio dei video è importante quanto le clip stesse)  ed eventuali accessori “extra” da usare all’occorrenza (es. action cam, cavalletti, gimbal, soft-box, etc.).

Per quanto concerne la fase di montaggio e post-produzione delle clip che andrai a girare, poi, adotta qualche programma professionale per il video editing (es. Adobe Première Pro, Final Cut e Sony VEGAS Pro) e/o qualche alternativa gratuita (es. AvidemuxiMovie, etc.) ed eventualmente anche gli strumenti di editing di YouTube.

Individuare il target di riferimento

Folla di persone
Individuare il target di riferimento può costituire una svolta importante per il proprio canale YouTube. Riflettendo in modo attento sulle persone che hai intenzione di raggiungere con i tuoi contenuti, infatti, ti sarà di grande aiuto sia per capire quali tematiche affrontare ma, soprattutto, come affrontarle.
In realtà dovresti già qual è il pubblico al quale desideri rivolgerti (infatti avresti dovuto pensarci già quando hai creato il canale), per cui non dovresti avere particolari difficoltà a capire chi sono gli utenti a cui ti rivolgi. In virtù di questo, realizza dei format che tengano conto dell’età, delle necessità e degli interessi che interessano gli iscritti (anche quelli futuri).
In questo modo, riuscirai a lasciare un segno positivo negli spettatori del tuo canale e avrai più chance di fidelizzarli e crearti un seguito interessato ai video che realizzi regolarmente. In fondo, è proprio questo il risultato a cui stai aspirando, giusto?

Trarre ispirazione da canali YouTube popolari

Come caricare musica su YouTube

Sei a corto di idee e vorresti trovare l’ispirazione per realizzare nuovi contenuti e format? Vorresti imparare dagli youtuber più seguiti sulla piattaforma di video-sharing di Google? In questo caso, ciò che potrebbe aiutarti è trarre ispirazione da canali YouTube popolari.

Chiaramente, non confondere il “trarre ispirazione” con il “copiare” le idee e i contenuti altrui: questo sarebbe controproducente non solo perché risulteresti poco originale e scorretto, ma perché potresti rischiare di violare le condizioni d’uso del servizio. Ciò che ti sto dicendo di fare, molto semplicemente, è imparare qualche “trucco del mestiere” da chi realizza video su YouTube da più tempo di te. OK?

Pubblicizzare il canale su altre piattaforme

Promuoversi su altri social

Sei molto seguito su FacebookInstagram, TikTok, Twitter e altri social network? In tal caso, puoi giocare questa “carta” a tuo vantaggio e pubblicizzare il canale su queste altre piattaforme e velocizzare il processo di crescita di quest’ultimo. Un modo relativamente semplice per incrementare iscritti e visualizzazioni dei video, non trovi?

Come dici? Non sei molto seguito nemmeno sulle piattaforme sopraccitate? Beh, prova a rimediare subito e scopri come come farsi seguire su Facebook, come diventare famosi su su Instagram, come diventare famosi su TikTok, come aumentare i follower su Twitter e, più in generale, come diventare famosi sui social, consulta le guide che ti ho appena linkato e non rinunciare alla possibilità offerta da queste piattaforme per promuovere il tuo canale. Intesi?

Fare delle live

Dirette YouTube

Un’altra cosa che ti consiglio di fare per aumentare le tue possibilità di crescita su YouTube è fare delle live. Grazie alle dirette video, infatti, puoi interagire in modo diretto con il tuo pubblico e approfittarne per chiedere agli spettatori di dire quali sono le tematiche che vorrebbero vedere sul canale ed eventualmente se hanno consigli da darti sulla tua attività.

Ti consiglio, inoltre, di approfittare delle dirette video per realizzare contenuti più “spontanei” e meno “costruiti”, magari mostrando qualche “dietro le quinte” della tua attività di youtuber. Facendolo, potrai creare un “filo diretto” con la community di YouTube che, nel corso del tempo, potrebbe portare a tanti nuovi iscritti.

Se vuoi avere maggiori informazioni in merito a come fare live su YouTube, sai già cosa fare: consultare l’approfondimento che ti ho appena linkato. Ti sarà sicuramente utile, soprattutto se non hai molta dimestichezza con le dirette di YouTube.

Fare delle collaborazioni

Stretta di mano

Fare delle collaborazioni con altri youtuber (soprattutto con quelli che hanno un seguito più grande del tuo), può essere un modo intelligente per pubblicizzare il tuo canale. Individua, quindi, youtuber che ruotano attorno al tuo mondo e alle tematiche che tratti e proponi loro di collaborare insieme per realizzare video da pubblicare sui canali di entrambi per pubblicizzare i contenuti in modo reciproco.

Per fare le cose come si deve, ti consiglio di inviare agli youtuber con cui vorresti collaborare un’e-mail (dovresti essere in grado di recuperare questo dato di contatto nelle informazioni del canale di questi ultimi) dove indichi l’oggetto della collaborazione, le condizioni e così via. Se uno di loro accetta, buon per te: gli iscritti al canale dello youtuber con cui collaborerai potrebbero iscriversi anche al tuo, se riuscirai ad attrarre la loro attenzione.

Altri suggerimenti utili per crescere su YouTube velocemente

Concludo questa guida con una serie di altri suggerimenti utili per crescere su YouTube velocemente. Spero che anche questi ulteriori suggerimenti ti possano tornare utili.

  • Cura la grafica del canale — imposta una foto del profilo e una foto di copertina che siano belle dal punto di vista grafico e che descrivano subito le tematiche trattate nei video. Cura anche le miniature dei video, così da incuriosire gli utenti e spingerli a guardare i video e iscriversi al canale.
  • Metti ordine sul canale — se i video del tuo canale sono ordinati in playlist ben organizzate, renderai più facilmente reperibili i contenuti presenti in esso e questo ordine non passerà inosservato dai tuoi iscritti, attuali e futuri.
  • Indicizza i video — non basta realizzare contenuti interessanti, bisogna anche saperli indicizzare come si deve usando titoli accattivanti, che contengano la parola chiave principale riguardante la tematica trattata nei video (ma ovviamente senza ricorrere al clickbait!). Inoltre, inserisci dei tag appropriati, così da migliorare ulteriormente l’indicizzazione dei contenuti su YouTube e ottenere (almeno potenzialmente) più visualizzazioni e iscritti.
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.