Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla. Scopri il programma

Come spiare un profilo Facebook

di

Ultimamente ho ricevuto numerosi messaggi da parte dei miei lettori, i quali mi hanno chiesto come spiare un profilo Facebook. Molti di loro mi hanno rivolto questa domanda mossi dal desiderio di capire come fanno i cybercriminali a “bucare” gli account delle proprie vittime, in modo tale da sapere come difendersi da simili intrusioni. Visto che l’argomento interessa molti utenti, e da quanto ho capito anche te, che ne dici se approfittiamo della situazione per approfondire il tema insieme? Se la tua risposta è affermativa, dedicami cinque minuti del tuo tempo libero e lascia che ti chiarisca un po’ le idee.

Nei prossimi paragrafi, ti indicherò quali sono le tecniche più comuni che i malintenzionati sfruttano per spiare gli utenti su Facebook parlandoti di alcuni errori comuni che bisogna evitare per non agevolare il lavoro dei malintenzionati. Dopodiché ti mostrerò come puoi rendere il tuo profilo più sicuro adottando delle misure di sicurezza presenti sul social network più famoso del mondo, fra cui gli alert per gli accessi non autorizzati e l’autenticazione a due fattori.

Te l’assicuro: anche se, da quanto ho capito, non hai ancora molta dimestichezza con il mondo della tecnologia, alla fine del tutorial avrai le idee chiare su Facebook, i suoi sistemi di sicurezza e le tecniche usate dai cracker (gli hacker “cattivi” che utilizzano le proprie competenze informatiche a danno degli altri) per violare gli account degli utenti. Coraggio, mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ti serve per leggere le informazioni contenute nei prossimi paragrafi e attua le “dritte” che ti darò: la tua privacy ne gioverà sicuramente.

Indice

Errori da evitare per non farsi spiare su Facebook

Per non farsi spiare il profilo Facebook è importante evitare alcuni errori che, se vengono commessi, possono compromettere seriamente la propria privacy e la propria sicurezza. Basterebbe evitare proprio alcuni di questi errori molto comuni per abbassare notevolmente le probabilità di farsi spiare sul famoso social network di Mark Zuckerberg.

Utilizzare una password poco sicura

Utilizzare una password poco sicura è uno dei più grandi errori che si possano commettere e anche uno dei più pericolosi, visto che potrebbe facilitare notevolmente il “lavoro” dei cybercriminali. Una password può essere ritenuta poco sicura quando, ad esempio, è troppo corta, quando è facilmente intuibile perché contiene una sequenza di numeri o lettere (es. “123456” o “qwertyuiop“) o quando contiene informazioni personali come la propria data di nascita, la data del proprio anniversario di matrimonio o il nome di un proprio familiare.

Se ritieni che la password attualmente impostata sul tuo account Facebook sia poco sicura, cambiala subito e sostituiscila con una più “forte”. Possibilmente, utilizza una chiave d’accesso che sia composta da almeno 15 caratteri, che contenga caratteri alfanumerici e simboli e, altro aspetto da non sottovalutare, utilizzane una che tu non abbia già utilizzato per altri account. Per incrementare ulteriormente il livello di sicurezza del tuo account, inoltre, ti consiglio di cambiare frequentemente la tua password: fallo almeno una volta ogni 30-40 giorni.

Un’altra “dritta” che ti do riguarda il conservare la password del tuo account Facebook in un “luogo” sicuro, magari un buon password manager come 1Password o LastPass (di cui ti ho già parlato in vari tutorial, come quello in cui spiego come gestire password).

Mi raccomando, non commettere l’errore di salvare la password nel browser del tuo PC, dal momento che un cracker non ci metterebbe molto a scovarla e utilizzarla per accedere senza permesso al tuo account Facebook. Se ricordi ti ho già dato una dimostrazione pratica di quanto sia facile recuperare le password salvate nel database del browser in un apposito tutorial. Per quanto possano sembrare comode questo genere di soluzioni, stanne alla larga!

Prestare i propri dispositivi ad altri

Foto di una ragazza che riceve una telefonata

Prestare il tuo dispositivo ad altri utenti, in particolare a persone che non conosci, è un altro errore che devi assolutamente evitare se non vuoi rischiare di farti spiare su Facebook. Molti cracker, infatti, utilizzano la cosiddetta “ingegneria sociale” per accedere al dispositivo delle loro potenziali vittime e approfittano dell’occasione per captare informazioni riservate o, peggio ancora, per installare dei keylogger o delle app-spia grazie ai quali accedere al dispositivo da remoto e controllare tutto ciò che l’utente fa con esso.

In che modo questi cybercriminali convincono l’utente a prestargli un dispositivo? In genere accampano una scusa convincente — ad esempio chiedendo loro di fare una telefonata “urgente” — e, se l’utente cade nella trappola, sfruttano i pochi minuti a loro disposizione per mettere in atto il piano diabolico che hanno studiato a casa.

Se vuoi difenderti da questa efficace tecnica di hacking, non prestare i tuoi dispositivi a sconosciuti, a persone che ti sembrano poco raccomandabili o a conoscenti in cui non nutri assoluta fiducia: ignorando questo consiglio rischieresti di cacciarti in guai seri, credimi.

Accedere a reti Wi-Fi pubbliche

Accedere a reti Wi-Fi pubbliche è un altro errore che dovresti evitare se non vuoi farti spiare su Facebook. Come è ormai noto a tutti, le reti Wi-Fi pubbliche sono alquanto vulnerabili agli attacchi informatici e spesso vengono utilizzate dai cybercriminali per “sniffare” i dati dei malcapitati utenti. Per questa ragione, quando sei fuori casa, accedi al tuo account Facebook utilizzando la connessione 3G o 4G/LTE del tuo operatore o, se disponibile, collegati a una rete Wi-Fi sicura.

Accettare richieste amicizia da perfetti sconosciuti

Un altro errore che molti utenti fanno consiste nell’accettare richieste d’amicizia da perfetti sconosciuti. Se anche tu facessi ciò, rischieresti di ospitare nella tua lista di “amici” un cybercriminale senza scrupoli, il quale proverà a carpire informazioni riguardanti il tuo profilo.

Un malintenzionato, infatti, potrebbe cercare di guadagnarsi la tua fiducia chattando con te. Se riuscisse nell’intento, potrebbe poi inviarti via chat un link dietro al quale ha ben nascosto un vero e proprio tentativo di phishing: potrebbe quindi utilizzare questa particolare tecnica di hacking per rubarti l’account.

Per non correre questo genere di rischi, non accettare richieste d’amicizia provenienti da utenti che non conosci o la cui identità ti sembra un po’ dubbia e, naturalmente, non cliccare su link sospetti che ti vengono inviati su Messenger, via e-mail o da notifiche provenienti da pagine Facebook. Intesi?

Come rendere un profilo Facebook più sicuro

Evitare di commettere gli errori di cui ti ho parlato nei paragrafi precedenti potrebbe non essere sufficiente per non farti spiare il profilo Facebook. Se vuoi “dormire sonni tranquilli“, come si suol dire, devi fare qualcosa in più: utilizzare al meglio le impostazioni di sicurezza messe a disposizione dal social network, come gli alert per gli accessi non autorizzati, l’autenticazione a due fattori e alcune impostazioni della privacy.

Abilitare gli alert per gli accessi non autorizzati

Abilitare gli alert per gli accessi non autorizzati è un ottimo modo per salvaguardare la sicurezza del proprio account Facebook. Attivando questa funzione, riceverai una notifica ad ogni accesso a Facebook da un nuovo dispositivo o un nuovo browser e questo ti aiuterà a scoprire tempestivamente eventuali accessi non autorizzati.

Se desideri attivare gli alert per gli accessi non autorizzati, devi innanzitutto accedere al tuo account Facebook e poi recarti nelle impostazioni del social network: clicca quindi sull’icona della freccia situata in alto (accanto al simbolo “?”) e seleziona la voce Impostazioni dal menu che compare.

Successivamente, nella pagina che si apre, clicca sulla voce Protezione e account (a sinistra), fai clic sul pulsante Modifica situato accanto alla voce Ricevi avvisi sugli accessi non riconosciuti, metti il segno di spunta accanto alle opzioni Ricevi le notifiche e Invia gli avvisi di accesso tramite SMS al numero [tuo numero di cellulare] e clicca sul bottone Salva modifiche per salvare le modifiche.

Da questo preciso momento, se qualcuno dovesse malauguratamente riuscire ad accedere al tuo account, verrai informato da una notifica. Potrai quindi porre rimedio alla situazione chiudendo tutte le sessioni attive, cliccando sul pulsante Disconnettiti da tutte le sessioni ( lo trovi nella sezione Dove hai effettuato l’accesso),  impostando una nuova password (per evitare ulteriori accessi non autorizzati) e segnalando a Facebook l’accaduto.

Attivare l’autenticazione a due fattori

Attivare l’autenticazione a due fattori è un altro accorgimento che può impedire ai malintenzionati di accedere al tuo profilo Facebook. Abilitando questa impostazione di sicurezza, infatti, sarà necessario utilizzare una chiave secondaria (di solito inviata via SMS dal team di Facebook) per eseguire il login da un nuovo dispositivo o da un nuovo browser Web.

Per abilitare l’autenticazione a due fattori su Facebook, qualora tu non l’abbia ancora fatto, effettua il login al tuo account, fai clic sulla freccia situata in alto a destra (vicino al simbolo “?”) e clicca sulla voce Impostazioni nel menu che compare.

Successivamente, nella pagina che si apre, fai clic sulla voce Protezione e accesso (a sinistra), clicca sul bottone Modifica situato in corrispondenza della voce Configura l’autenticazione a due fattori, fai clic sul link Configura situato vicino alla dicitura L’autenticazione a due fattori è disattivata e, nel riquadro che compare al centro dello schermo, clicca sul bottone Attiva.

Se hai eseguito correttamente la procedura che ti ho appena illustrato, dovrebbe comparire a schermo un messaggio  di conferma dell’attivazione dell’autenticazione a due fattori. Da questo preciso istante, il livello di sicurezza del tuo account sarà notevolmente innalzato!

Utilizzare le impostazioni per la tutela della privacy

Pur non potendo accedere al tuo account, i cracker potrebbero comunque riuscire a spiarti se riveli su Facebook troppe informazioni personali o se comunque non limiti la visualizzazione di determinati contenuti utilizzando alcune impostazioni per la tutela della tua privacy. Il social network più famoso del mondo, infatti, offre la possibilità di scegliere chi può vedere cosa si posta e altre informazioni inerenti il proprio profilo.

Per limitare la visualizzazione di determinati contenuti su Facebook, accedi al tuo account e poi recati nelle impostazioni del social network facendo clic sul simbolo della freccia (in alto a destra) e selezionando la voce Impostazioni dal menu che compare. Successivamente, fai clic sulla voce Privacy e modifica le impostazioni riguardanti la visualizzazione dei tuoi post e le modalità con cui gli altri utenti possono trovare il tuo account selezionando le opzioni Solo ioAmiciAmici di amici.

Se vuoi approfondire ulteriormente gli aspetti legati alle impostazioni della privacy del tuo account Facebook, leggi pure i tutorial in cui spiego come privatizzare le foto su Facebook e come privatizzare gli amici su Facebook: lì troverai tante altre info utili.