Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come trasferire file su hard disk esterno

di

Hai la memoria del computer quasi piena e hai necessità di liberare spazio su quest’ultima? Hai quasi esaurito la memoria disponibile sul tuo smartphone o tablet e cerchi un modo veloce per liberarla, senza rinunciare però ai tuoi dati? In tutti questi casi, la migliore soluzione è quella di utilizzare un hard disk esterno per trasferire alcuni file e alleggerire così la memoria interna del proprio computer o del proprio dispositivo mobile. Se però sei qui, significa che, nonostante i tentativi che hai fatto, non sei riuscito nel tuo intento, vero? Beh, non preoccuparti, perché ci sono qui io a darti una mano.

Nella guida di oggi, ti illustrerò come trasferire file su hard disk esterno in modo da conservare i dati per te importanti, come ad esempio documenti, foto o video, e liberare così dello spazio utile per installare nuovi software e app sui tuoi dispositivi. Nel caso in cui non fossi in possesso di un hard disk esterno, ti darò poi alcune dritte per scegliere quello più adatto alle tue esigenze.

Sei pronto a iniziare? Bene, allora prenditi giusto qualche minuto di tempo per consultare i consigli che ho preparato per te in questo tutorial, prova a metterli in pratica e ti assicuro che riuscirai nel tuo intento, indipendentemente dall’hard disk esterno e dal dispositivo in tuo possesso. A me non resta altro da fare, se non augurarti una buona lettura!

Indice

Tipologie di hard disk esterni

Prima di affrontare l’argomento su come trasferire i file su un hard disk esterno, in questo capitolo ti parlerò delle tipologie di periferiche di archiviazione di massa che puoi utilizzare per conservare i dati presenti sui tuoi dispositivi.

Gli hard disk esterni sono ovviamente differenti l’uno dall’altro per la capacità di archiviazione, cioè la quantità di spazio disponibile per conservare i dati al suo interno. Ne esistono di tante dimensioni, ma sicuramente ai giorni d’oggi non si può fare a meno di almeno 1 TB di spazio.

Oltre alla capacità di archiviazione, bisogna prendere in considerazione anche le sue dimensioni, soprattutto se viene portato spesso in giro in borsa o in un taschino. Gli hard disk esterni più grandi sono quelli con dischi da 3,5 pollici, ma è preferibile orientarsi su quelli da 2,5 pollici, in quanto hanno delle dimensioni più contenute e sono autoalimentati (quindi si possono usare senza metterli in corrente, ma collegandoli semplicemente al PC o al proprio dispositivo mobile). Queste due tipologie di hard disk sono costituite da un disco magnetico, ma in commercio sono disponibili degli SSD esterni con dimensioni ancora più ridotte e più reattivi. In ogni caso, per l’archiviazione dei dati sul lungo periodo, è consigliato l’uso dei dischi meccanici.

A proposito della reattività dei dischi meccanici, questa può essere di 7200 rpm (rotazioni per minuto) oppure di 5400 rpm. Come facilmente intuibile, a un maggior numero di rpm equivale una maggiore velocità dei dischi. Gli SSD sono infinitamente più rapidi ma, supportando un numero di scritture limitato, come già detto in precedenza, per l’archiviazione dei dati vanno preferiti i dischi meccanici.

Un altro importante parametro è la velocità di trasferimento dei dati: la maggior parte degli hard disk esterni in circolazione possiede ormai almeno lo standard USB 3.0, che permette trasferimenti teorici oltre i 5 Gbps. Il vantaggio di questa tipologia di connessione, oltre alla velocità di trasferimento, è che permette di auto alimentarsi direttamente tramite la porta USB, senza bisogno di alimentazione esterna. Gli hard disk esterni più vecchiotti, in possesso delle USB 2.0, trasferiscono i file con velocità più ridotte e richiedono, nella maggior parte delle volte, un’alimentazione esterna a muro o la connessione a una seconda porta USB.

Inoltre, sono disponibili gli hard disk esterni con connettività di tipo USB tipo-C/USB 3.1 e/o Thunderbolt (compatibili con alcuni portatili recenti, in primis i MacBook di Apple), che possiedono dei connettori più compatti rispetto all’USB 3.0 e sono più prestanti.

A seguire, ti indicherò alcuni hard disk che potrebbero fare al caso tuo per il trasferimento di dati e, nel caso in cui volessi approfondire l’argomento, ti consiglio di leggere la mia guida sui miglior hard disk esterni.

Toshiba HDTB310EK3AA Canvio Basic HDD Esterno, 1 TB, 2.5 ", USB 3.0, N...
Amazon.it: 69,00 € 48,68 €Vedi offerta su Amazon
Maxtor D3 Station Hard Disk Esterno, 5 TB
Amazon.it: 170,04 € 149,90 €Vedi offerta su Amazon
Samsung T5 MU- PA2T0B/EU SSD Portatile da 2TB, USB 3.1 Type-C, Fino a ...
Amazon.it: 964,99 € 615,37 €Vedi offerta su Amazon

Possiedi già un hard disk interno, che magari hai rimosso da un vecchio PC? In questo caso, puoi acquistare un box, inserirlo in quest’ultimo e trasformarlo così in un disco esterno. Qui di seguito ti indico alcuni di questi box, sia da 2,5 pollici che da 3,5, che possono sicuramente fare al caso tuo.

Inateck Box Custodia Esterna USB 3.0 a SATA per Hard Drive Disco Rigid...
Amazon.it: 9,99 €Vedi offerta su Amazon


Trasferire file su hard disk esterno da Windows

Per trasferire i file sull’hard disk esterno, tramite un computer Windows, come prima cosa devi collegare il cavo USB di questa periferica alla porta USB, frontale o posteriore, del computer. Se l’hard disk esterno supporta l’USB 3.0 così come il computer, ti consiglio di utilizzare questa tipologia di collegamento per sfruttare la massima velocità di trasferimento disponibile.

Non appena avrai collegato l’hard disk al computer, Windows emetterà un suono e ti verrà mostrato un riquadro, in basso a destra, a indicare che la periferica è in fase di inizializzazione e riconoscimento da parte del sistema operativo. Quest’operazione, in genere, dura qualche secondo e, alla fine, ti verrà mostrata una finestra di Esplora File che fa riferimento alla cartella principale dell’hard disk esterno.

Prima di eseguire il trasferimento, devi raggiungere la posizione sul computer dove risiedono i file e le cartella da trasferire. Dopo averli individuati, evidenziali tutti utilizzando la combinazione di tasti Ctrl + A. In alternativa, puoi tenere premuto il tasto sinistro del mouse per disegnare un rettangolo di selezione sui dati da trasferire oppure tenere premuto il tasto Ctrl e fare clic col tasto sinistro su ogni file e cartella. Fatto ciò, puoi iniziare il trasferimento tenendo premuto il tasto sinistro del mouse sui file evidenziati ed effettuare il loro trascinamento nella finestra di Esplora File dell’hard disk esterno.

In alternativa, fai clic con il tasto destro sui file e seleziona, nel menu contestuale, le voci Copia, nel caso in cui volessi mantenere una copia dei dati sul computer, oppure Taglia, se vuoi eseguire il loro spostamento. Adesso, raggiungi la finestra di Esplora File dell’hard disk esterno e, facendo clic o con il tasto destro in un qualsiasi punto vuoto della schermata, scegli la voce Incolla per avviare il trasferimento dei dati.

Durante il trasferimento, visualizzerai una schermata che ti mostra lo stato di avanzamento dell’operazione in atto. A fianco al grafico, trovi due icone: quella con il simbolo X serve per annullare il processo di trasferimento, mentre quella con il simbolo ❚❚ permette di metterlo in pausa.

Al termine dell’operazione, troverai i dati all’interno dell’hard disk esterno. Prima di scollegarlo dalla porta USB del computer, fai clic sull’icona con il simbolo ^ che trovi a fianco dell’orologio di Windows, nella barra delle applicazioni. Nella schermata che ti viene mostrata, fai clic sull’icona con il simbolo di una chiavetta USB e seleziona, nel menu contestuale, la voce Espelli [nome hard disk].

Trasferire file su hard disk esterno da Mac

Se possiedi un Mac, il primo passo da effettuare è quello di collegare l’hard disk alla sua porta USB. Nel caso in cui fossi in possesso di un Mac di nuova generazione munito soltanto di porta Thunderbolt (con connettore USB-C), devi acquistare un apposito adattatore, se l’hard disk esterno possiede un connettore USB standard.

AUKEY Adattatore USB C a USB 3.0 (2 Pezzi) Connettore Tipo C a USB A p...
Amazon.it: 7,99 €Vedi offerta su Amazon

Un’altra nota da sottolineare è il tipo di file system utilizzato dall’hard disk. Solitamente gli hard disk esterni compatibili con Windows sono in NTFS e, se collegati a un Mac, ti viene permesso di accedere ai file ma senza la possibilità di trasferirvi altri dati al suo interno. Nel caso in cui volessi trasferire file su un hard disk esterno tramite il Mac, devi cambiare il suo file system in Mac OS esteso o exFAT. Il primo formato garantisce la compatibilità con i Mac, mentre il secondo con qualsiasi sistema operativo o dispositivo. Nelle prossime righe, ti spiegherò come modificare il file system dell’hard disk esterno, che comporterà però la cancellazione dei dati in esso presenti. In alternativa, puoi usare i dischi NTFS su Mac installando dei software di terze parti, come ti ho spiegato nel mio tutorial dedicato all’argomento.

Nel caso in cui l’hard disk contenga già dei dati, collegalo al Mac e fai doppio clic sulla sua icona sulla Scrivania. Dopo aver aperto la finestra del Finder relativa al root dell’hard disk esterno, premi la combinazione di tasti cmd+a per selezionare tutti i file e le cartelle in esso contenuti. Trascina poi le cartelle sulla Scrivania o in un’altra cartella del Mac, per creare una copia di backup dei dati.

Adesso, fai clic sull’icona con il simbolo di una lente d’ingrandimento, che trovi nella barra dei menu in alto a destra, e digita i termini utility disco” nella casella di testo. Fai quindi clic sul corrispondente risultato di ricerca per avviare lo strumento Utility Disco per la gestione delle periferiche di archiviazione.

Nella barra laterale di sinistra, seleziona l’hard disk esterno che hai prima collegato e premi sul pulsante in alto Inizializza. Nella schermata che ti viene mostrata, fai clic sul menu a tendina in corrispondenza della voce Formato e scegli Mac OS esteso o exFAT (scelta consigliata). Premi poi su Inizializza per eseguire la formattazione dell’hard disk esterno nel nuovo file system da te scelto.

Adesso, raggiungi la cartella del computer dove risiedono i file e le cartelle che vuoi trasferire sull’hard disk esterno e selezionali tutti tramite la combinazione di tasti cmd+a oppure tenendo premuto il tasto cmd e facendo clic col tasto sinistro sui dati da evidenziare. In alternativa, disegna un rettangolo di selezione tenendo premuto il tasto sinistro del mouse.

Arrivato a questo punto, tieni premuto il tasto sinistro sui file evidenziati e trascinali nella finestra del root principale dell’hard disk esterno, per iniziare il trasferimento. Oltre a questo metodo, puoi fare clic con il tasto destro sui file selezionati e, nel menu contestuale, scegliere la voce Copia xx elementi. Nel root dell’hard disk esterno, fai clic con il tasto sinistro su un punto vuoto della schermata e scegli la voce Incolla xx elementi, per avviare il trasferimento dei file.

Se vuoi cancellare i dati dal computer dopo averli copiati sul disco esterno, tieni premuto il tasto alt sulla tastiera mentre fai clic destro e seleziona la voce Sposta xx elementi anziché “Incolla xx elementi” dal menu contestuale.

Al termine dell’operazione, fai clic con il tasto destro del mouse sull’icona dell’hard disk esterno che trovi sulla Scrivania di macOS e, nel menu contestuale, seleziona la voce Espelli [nome hard disk] per scollegarlo in piena sicurezza dal Mac.

Trasferire file su hard disk esterno da smartphone e tablet

Un hard disk esterno può essere collegato, direttamente o indirettamente, a un dispositivo mobile come uno smartphone o un tablet. Ad esempio, puoi utilizzare degli HUB portatili per connettere hard disk esterni o chiavette USB e condividere i file su qualsiasi dispositivo, inclusi quelli mobili con sistema operativo Android e iOS.

FileHub RAVPower Router Wifi Portatile, Ripetitore Wifi, Lettore per S...
Amazon.it: 39,99 €Vedi offerta su Amazon

Collegando l’hard disk esterno a questi HUB e usando l’apposita app ad esso correlata, disponibile sia sul Play Store di Android che sull’App Store di iOS, è possibile navigare nelle cartelle della periferica d’archiviazione e trasferirne anche i file in entrambe le direzioni.

Se poi possiedi uno smartphone o tablet Android con supporto OTG, è possibile collegare un hard disk esterno tramite HUB. Usando un’app di gestione dei file, come ad esempio Files Go by Google, è possibile accedere alle cartelle sull’hard disk esterno e trasferirvi dei file al suo interno.

Ad esempio, su uno smartphone come Huawei Mate 10 Pro, utilizzando un HUB USB-C come quello riportato qui di seguito, si può collegare un hard disk esterno in USB 3.0. Ovviamente la batteria del dispositivo verrà parecchio drenata, in quanto l’hard disk ha un considerevole assorbimento di energia.

Novoo USB C Hub (5 in 1) Alluminio con HDMI 4K, 2 porte USB 3.0 Supers...
Amazon.it: 22,99 €Vedi offerta su Amazon

Similmente a quanto indicato nelle righe precedenti, si possono utilizzare le chiavette USB con connettore Lightining (per iPhone e iPad) o USB-C o microUSB per dispositivi Android. Queste possono permette di leggere i file all’interno di queste periferiche di archiviazione e di trasferirne anche i dati, sempre utilizzando l’apposita app con cui sono corredati. Se vuoi approfondire l’argomento, ti consiglio di leggere la mia guida su come trasferire file da tablet a chiavetta USB.