Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come guadagnare con Internet

di

Nonostante mi sia occupato di quest’argomento più di una volta, continuo a ricevere numerose richieste su come guadagnare con Internet. Per questo, oggi ho deciso di fare ulteriore chiarezza sul tema e riepilogare alcuni tra i metodi reali che si possono sfruttare per racimolare qualche soldo in Rete. Come sono solito ricordare in questi casi, nessuno regala soldi, né su Internet né da nessuna altra parte. Quindi stai lontano dalle “ricette magiche” che promettono guadagni stratosferici in poco tempo e valuta in base a quelle che sono le tue esigenze e le tue esperienze quale può essere la soluzione più adatta a te per provare a guadagnare online.

Sostanzialmente, ci sono due strade che puoi percorrere: quella dei guadagni facili, esigui ma potenzialmente più “sicuri” e immediati, che è possibile ottenere senza investire praticamente nulla in termini di tempo e di denaro, oppure quella che porta all’allestimento di una vera e propria attività online con tutte le possibili prospettive e rischi del caso. Nei prossimi paragrafi approfondiremo prima l’una e poi l’altra strada.

Allora, si può sapere che ci fai ancora lì impalato? Coraggio: mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ti serve per concentrarti sulla lettura di questa guida e, soprattutto, metti in atto le indicazioni che ti darò. A me non resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e farti un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Guadagnare con Internet senza investire

Se desideri guadagnare con Internet senza investire denaro e senza fare troppi sacrifici in termini di tempo ed energie, sicuramente troverai utili le attività elencate nei prossimi paragrafi, legate alla vendita di oggetti usati, foto, alla partecipazione a sondaggi, alla scrittura di articoli e allo svolgimento di alcuni lavori su commissione.

Vendere oggetti usati

La prima attività che ti consiglio di prendere in considerazione riguarda la vendita oggetti usati. Sono convinto che anche tu, da qualche parte, hai degli oggetti che ormai non usi più. Perché lasciarli in soffitta a fargli prendere polvere, anziché provare a venderli tramite qualche sito di annunci o un negozio online? Magari potresti ricavarci qualcosa. Ecco, quindi, alcune piattaforme che potrebbero esserti utili allo scopo.

  • eBay — penso che non abbia bisogno di tante presentazioni. Il celebre portale di aste online, offre la possibilità di pubblicare annunci riguardanti la vendita di oggetti di svariato genere in maniera gratuita. Gli unici costi che bisogna affrontare, riguardano la commissione del 10% che viene calcolata sulla base di ogni vendita effettuata (costi di spedizione esclusi). Per maggiori informazioni circa il funzionamento di eBay, consulta questo approfondimento.
  • Kijiji, Subito e Shpock — in alternativa alla soluzione precedente, puoi rivolgerti anche a uno di questi tre noti siti di annunci, che permettono di pubblicare inserzioni gratuitamente. Nel caso si desideri aumentare la visibilità dei propri annunci, al fine di mostrarli a un numero più elevato di utenti, bisogna pagare delle tariffe di sponsorizzazione. Per maggiori informazioni circa i siti di annunci appena citati, dai un’occhiata a questa guida.
  • Autoscout24 — se l’oggetto usato che hai intenzione di vendere è un’auto o una moto, ti consiglio di rivolgerti ad Autoscout24 che permette di pubblicare gratuitamente delle inserzioni, senza dover corrispondere il pagamento di alcuna tariffa di pubblicazione. Se vuoi maggiori dettagli circa questo portale, leggi pure l’articolo dedicato.

Vendere foto online

Se sei un amante della fotografia, puoi provare a vendere foto online rivolgendoti a un sito di microstock, ovvero un portale Web che consente di vendere fotografie a prezzi modici. Di seguito ti elenco i migliori sulla piazza.

  • Adobe Stock — permette di vendere foto ottenendo royalty del 33% (che sale al 35% per i video). Il pagamento avviene via PayPal, ma è richiesto il raggiungimento della soglia minima di 50 euro.
  • Shutterstock — altro famosissimo portale per la vendita di foto su Internet (disponibile anche come app per Android e iOS), che permette di venderle a prezzi compresi tra 0,21 e 2,90 euro per ciascun scatto. Il pagamento avviene mensilmente, senza dover raggiungere alcuna soglia minima.
  • iStockPhoto — questo portale di proprietà di GettyImages (disponibile anche come app per Android e iOS), consente di vendere foto ottenendo royalty che vanno dal 15% al 45%. Il pagamento avviene al raggiungimento della soglia minima di 100 dollari.

Come avrai notato, le piattaforme sopraccitate permettono di ottenere guadagni piuttosto esigui a motivo delle percentuali che vengono trattenute dalle stesse. Se vuoi provare a ottenere guadagni maggiori, puoi provare a creare un sito personale, come ho ben spiegato in una guida dedicata.

Partecipare a sondaggi

Una delle attività meno impegnative (e anche meno remunerative) che è possibile svolgere per guadagnare online senza investire nulla ha a che fare con la partecipazione a sondaggi. Ci sono un’infinità di siti che permettono di guadagnare mediante essi — tra i più famosi ci sono Global Text Market e American Consumer Opinion — e il loro funzionamento è alquanto semplice: basta registrarsi e rispondere ai questionari disponibili.

Dopo aver completato un questionario, è possibile ricevere dei crediti da commutare in buoni acquisto o addirittura soldi reali. Se vuoi maggiori informazioni in merito a come guadagnare con i sondaggi, ti consiglio di leggere l’approfondimento che ti ho appena linkato.

Scrivere articoli

Foto di una tastiera di un laptop

Scrivere articoli è un’altra attività che ti consiglio di prendere in considerazione, dal momento che non richiede l’investimento di alcuna risorsa economica (anche se bisogna dedicarle non poco tempo per ottenere guadagni decenti).

Per cominciare, il consiglio che ti do è quello di rivolgerti a una piattaforma marketplace, così da trovare con più facilità potenziali clienti interessati ai tuoi scritti. Una delle migliori piattaforme a cui rivolgerti è MelaScrivi, che offre una rosa molto ampia di tipologie di contenuti trattabili (es. tutorial, guide, trascrizioni video, traduzioni di testi, articoli Web, etc.). Per quanto riguarda i compensi, questi vengono calcolati sulla base della qualità e dell’esperienza di ciascun autore, la quale viene espressa in stelle. I nuovi autori, ovviamente, partono dal livello a 1 stella e possono percepire 0,008 euro a parola, mentre gli autori con più esperienza, con il livello a 4 stelle, possono guadagnare anche 1,50 euro/parola.

Tieni conto, però, che per ciascun articolo venduto MelaScrivi applica una commissione di 0,70 euro. Il pagamento avviene al raggiungimento della soglia minima di 25 euro e l’unica modalità accettata per eseguirlo è PayPal, come indicato su questa pagina di MelaScrivi.

Fare lavoretti su commissione

Applicazioni per cercare lavoro

Fare dei lavoretti su commissione è un’altra possibile opportunità di guadagno offerta dal Web (anche se, per certi versi, “indiretta”). Su Internet, infatti, è possibile proporsi per dare ripetizioni scolastiche, fare da baby sitter o pet sitter e attività simili, sfruttando la visibilità offerta da piattaforme ad hoc.

Nella fattispecie, è possibile utilizzare per tale scopo siti per cercare lavoro, come Monster JobGratis, oppure ai “classici” siti di annunci (a cui ho fatto riferimento precedentemente), come Subito e Kijiji.

Guadagnare con Internet seriamente

Sei disposto a investire tempo, energie e risorse economiche in un’attività online? Se hai risposto in maniera affermativa, evidentemente desideri guadagnare con Internet seriamente. Di seguito puoi trovare alcuni spunti su alcune possibili attività che potresti svolgere.

Monetizzare un blog o un sito

Monetizzare un blog o un sito è un’attività che potenzialmente può permettere di guadagnare tanto. Ma non illuderti: guadagnare con un blog o con un sito Web non è affatto semplice e, in ogni caso, i primi guadagni non arrivano immediatamente: bisogna aspettare almeno un anno.

Ti stai chiedendo come fa un blog o un sito a guadagnare? Una componente importante dei ricavi è costituita dalla vendita di pubblicità. Ospitando sul proprio spazio Web dei banner, adoperando servizi come Google AdSense (per citare quello più famoso e utilizzato), è possibile ricevere dei compensi sulla base del numero di visitatori unici che si riesce a raggiungere: più è elevato il numero di utenti che visitano il proprio blog/sito, maggiori sono i guadagni.

Ci sono anche i programmi di affiliazione (es. quello di Amazon) che, tramite l’inserimento di link sponsorizzati all’interno del proprio sito, permettono di guadagnare una piccola percentuale sulle vendite che questi generano nell’arco delle 24 ore successive.

Se desideri più informazioni su come guadagnare con un sito, leggi la guida che ti ho appena linkato e, se ti è possibile farlo, compra il libro “Il Metodo Aranzulla” (edito da Mondadori Electa), in cui oltre a raccontare la mia storia di imprenditore digitale, ho provveduto a elencare le tecniche e gli strumenti con i quali monetizzare un blog.

Il metodo Aranzulla. Imparare a creare un business online
Vedi offerta su Amazon

Aprire un e-commerce

Shopify

Se provare a monetizzare un blog o un sito non è la tua massima aspirazione, forse potresti pensare di aprire un e-commerce. In tal caso, hai diverse soluzioni da prendere in considerazione: rivolgerti a dei servizi che offrono dei pacchetti preconfezionati, come il famoso Shopify, grazie ai quali è possibile aprire un negozio online pagando poche decine di euro al mese (in base ai servizi di cui si vuole usufruire); acquistare uno spazio Web e personalizzarlo con un CMS, come WordPressPrestashop, oppure aprire una vetrina su negozi online già esistenti e affermati, come i celebri Amazon ed eBay. Molto probabilmente, la soluzione che offre il miglior rapporto tra risultati ottenuti e semplicità di utilizzo è quella offerta da servizi come Shopify, quindi lascia che te ne parli un po’ più in dettaglio.

Shopify è un servizio usato da oltre 1.000.000 di negozi in tutto il mondo che permette di creare degli e-commerce di livello professionale (con temi personalizzabili) in una manciata di clic, sia da PC che da smartphone e tablet (è disponibile anche come app per Android e iOS/iPadOS) avendo la possibilità di gestire tutto: dal marketing al check-out.

Il servizio include hosting e banda illimitati; un nome di dominio gratuito shopify.com (con la possibilità di acquistarne uno personalizzato o di usarne uno già esistente); certificato SSL gratuito; campagne marketing via Google, Facebook, email o SMS; la gestione di ordini, vendite (con analisi dettagliate sul loro andamento), clienti e inventario; la gestione dei carrelli smarriti; la creazione di blog e molto altro ancora.

I prezzi di Shopify partono da 29$/mese, ma è possibile provare il servizio gratis senza inserire dati di pagamento o obbligo di rinnovo. Per avvalerti di questa possibilità, collegati al sito ufficiale di Shopify, immetti il tuo indirizzo email nel campo preposto e clicca sul pulsante Inizia la prova gratuita. Nella pagina successiva, inserisci la password da usare per il tuo account, il nome che vuoi assegnare al negozio e premi sul pulsante Crea il tuo negozio.

Dopodiché usa i menu a tendina che compaiono sullo schermo per specificare se hai già cominciato a vendere, quali sono le tue entrate attuali e se stai creando un negozio per un cliente, fornisci il resto delle informazioni richieste, clicca sul pulsante Avanti (o su Salta, per saltare il passaggio) e inserisci l’indirizzo per ricevere i pagamenti nel modulo preposto.

Avrai così accesso al pannello di gestione di Shopify, che contiene un pratico menu laterale attraverso cui accedere a tutte le sezioni del servizio: Home con la dashboard principale; Ordini per gestire gli ordini; Prodotti per gestire i prodotti; Clienti, per gestire i clienti; Analisi per accedere ai dati sulle vendite; Marketing per impostare le campagne marketing; Sconti per gestire i codici sconto; App per ampliare le funzioni dell’e-commerce tramite app e Negozio online per personalizzare le pagine del negozio.

Per maggiori informazioni, consulta il mio tutorial su come creare un e-commerce con Shopify, mentre se vuoi approfondire più in generale le possibilità che hai per aprire un e-commerce, consulta l’altra mia guida dedicata al tema.

Aprire un canale YouTube

Se sei un amante del videomaking e dell’intrattenimento, aprire un canale YouTube potrebbe essere un modo intelligente di sfruttare a tuo vantaggio una passione, trasformano in un vero e proprio lavoro. In questo caso, i guadagni possono essere ottenuti aderendo al Programma Partner di YouTube, a cui possono partecipare i canali con almeno 1.000 iscritti e 4.000 ore di visualizzazione negli ultimi 12 mesi, oppure con i network di affiliazione.

Visto che i guadagni vengono generati dalla pubblicità, per avere remunerazioni importanti bisogna generare milioni di visualizzazioni. Se desideri qualche consiglio su come fare tanti iscritti su YouTube, su come funzionano le visualizzazioni su YouTube e su come guadagnare su YouTube, le guide che ti ho appena linkato ti saranno molto utili.

Sviluppare applicazioni

Sviluppare applicazioni è un’altra attività che va presa in considerazione se si vuole guadagnare seriamente su Internet, anche perché i bravi sviluppatori sono ancora relativamente pochi e, quindi, questo settore è tutt’altro che saturo.

Se non hai alcuna competenza in materia di programmazione, puoi iniziare ad addentrarti in questo mondo leggendo le mie guide su come creare un programma, come sviluppare un’appcome sviluppare in C e come imparare Java.

Pubblicare libri

Pubblicare libri è un’attività che richiede un notevole investimento di tempo e risorse, ma che può portare a guadagni potenzialmente importanti. Se un tempo era necessario rivolgersi a delle case editrici per pubblicare i propri libri, oggi è possibile fare ciò rivolgendosi anche a servizi del calibro di Amazon e Lulu che, previa registrazione gratuita, permettono di pubblicare i propri testi sia in formato digitale che in formato cartaceo.

La pubblicazione dei libri è gratuita, ma ambedue i servizi applicano delle commissioni più o meno elevate sulla vendita finale degli stessi, il che significa che per ottenere guadagni significativi è necessario vendere un elevato numero di copie. Se vuoi avere maggiori informazioni a questo riguardo, dai un’occhiata alla guida in cui spiego come pubblicare un libro gratis.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.