Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come spiare un cellulare

di

Ammettilo, ti è mai venuta una voglia matta di dare una “sbirciatina” al cellulare di un amico o dei tuoi figli? Ti piacerebbe leggere tutti i messaggi salvati sul telefonino della tua fidanzata o ascoltare tutte le sue conversazioni? Credo proprio di sì, e scommetto che non l’hai ancora fatto solo perché non hai trovato un metodo semplice ed economico per riuscirci. Beh, ho buone notizie per te! Posso suggerirti io diverse soluzioni di questo tipo che ti permetteranno di spiare un cellulare.

Grazie agli strumenti che andrò a indicarti con la guida di oggi potrai infatti scoprire tutti i messaggi inviati e ricevuti dallo smartphone, rintracciare la posizione geografica del dispositivo, scoprire le app utilizzate e molto altro ancora. Chiaramente, su questo è bene chiarirsi sin da subito, per poter spiare un cellulare utilizzando gli strumenti che sto per indicarti è indispensabile che tu possa metter mano almeno una volta al telefono della persona di cui intendi tenere traccia.

Ci tengo, però, a farti ben presente che violare la privacy altrui, sia di persone con cui sei a stretto contatto sia di quelle che conosci poco e niente, può rappresentare un reato. Di conseguenza, prometti di usare i miei suggerimenti solo per fare degli scherzi innocenti o dei semplici esperimenti previa richiesta di consenso. Io non mi assumo alcuna responsabilità in merito. Chiaro? Bene, allora procediamo.

Indice

Come spiare un cellulare: Android

Per spiare un cellulare Android hai diverse opzioni a tua disposizione, sia che tu preferisca affidarti a soluzioni preinstallate nel sistema operativo, come i sistemi antifurto di Google, sia che tu voglia utilizzare un servizio più specifico da installare sul dispositivo di tuo interesse, come le app di parental control: per saperne di più, continua a leggere.

Come spiare un cellulare Android senza installare programmi

Come spiare un cellulare Android senza installare programmi

Se sei qui per scoprire come spiare un cellulare gratis senza doverti affidare a programmi e applicazioni di terze parti, sappi che non si tratta di nulla di impossibile. Gli smartphone Android dispongono infatti di sistemi antifurto preinstallati che consentono di localizzare e gestire il dispositivo anche a distanza, a patto che queste funzionalità siano state precedentemente attivate dal proprietario, e che il telefono sia acceso e connesso a Internet.

La prima soluzione che ti consiglio di usare è Trova il mio dispositivo, un servizio gratuito di Google, accessibile tramite browser o scaricando e installando l’app ufficiale da Play Store. Affinché funzioni correttamente, è necessario aver precedentemente effettuato l’accesso a un account Google su un’app (come YouTube o Gmail) o averlo associato al device in un altro modo: se questo requisito non è soddisfatto, lo smartphone non sarà localizzabile.

Una volta configurato il tutto, potrai rintracciare uno smartphone Android in pochi secondi e agire a distanza scegliendo tra le opzioni Riproduci audio, Blocca il dispositivo, o Resetta dispositivo per formattarlo e perdere, dunque, la possibilità di localizzarlo, insieme a tutti i dati presenti su di esso. Trovi tutte le informazioni su questo servizio in questa guida, dove ho illustrato la procedura con dovizia di dettagli.

Inoltre, devi sapere che vari produttori di smartphone Android offrono sistemi antifurto di default che è possibile sfruttare allo stesso modo per localizzare un cellulare: mi riferisco, ad esempio, a Trova dispositivo personale di Samsung, a Trova telefono di HUAWEI e a Trova dispositivo di Xiaomi, dei quali ti ho parlato in dettaglio nelle guide che ti ho appena linkato.

Come spiare un cellulare a distanza

Come spiare un cellulare a distanza Android

Nel caso le soluzioni predefinite di Android ti andassero “strette” e volessi scoprire come spiare un cellulare senza averlo fisicamente, un servizio di parental control potrebbe fare al caso tuo. Se non ne hai mai sentito parlare, si tratta di applicazioni specificamente sviluppate per permettere ai genitori di visualizzare, gestire e limitare le attività dello smartphone di bambini e adolescenti, da installare e attivare sul device in questione con il consenso del proprietario. In questo modo, sarai al corrente della posizione e delle attività svolte sullo smartphone, riuscendo, di fatto, a spiare un cellulare da remoto.

Ti suggerisco qui di seguito alcuni dei servizi di parental control più affidabili e validi; tuttavia, ricorda che il monitoraggio di un dispositivo senza l’esplicito consenso del proprietario rappresenta una violazione della privacy di quest’ultimo, e quindi un reato. Non mi assumo alcuna responsabilità di qualsiasi uso illegittimo degli strumenti menzionati in questa guida.

  • Google Family Link – l’app di parental control di Google consente gestire gli account di altri utenti di età inferiore ai 14 anni e monitorarne le attività installando sullo smartphone in questione la corrispondente app Google Family Link per bambini e adolescenti. Maggiori informazioni qui.
  • Norton Family – un’altra valida app per proteggere, gestire e limitare le attività sullo smartphone di bambini e adolescenti, offerta dalla stessa casa di sviluppo del noto software antivirus. L’app è disponibile gratuitamente, ma l’utilizzo del servizio richiede la sottoscrizione di un abbonamento annuale a pagamento. Trovi tutti i dettagli in questa mia guida.
  • Qustodio – un’app semplice da usare e completa che consente di monitorare i dispositivi in tempo reale, raccogliendo dati sulla posizione, le app utilizzate, chiamate, SMS e notifiche. La versione base è gratuita; tuttavia, è possibile sbloccare ancora più funzionalità sottoscrivendo un abbonamento alla versione Premium per 42,95€/anno. Per saperne di più, consulta pure questo tutorial in cui ti ho parlato di tutti i dettagli del caso.
  • Mobile Fence – proprio come le altre applicazioni, Mobile Fence offre un sistema di parental control completo di tutti gli strumenti per monitorare il tempo di utilizzo, le app installate, i siti visitati e molto altro sullo smartphone su cui è stata installata, gestendolo anche dal sito Web ufficiale. Si tratta di un servizio a pagamento, disponibile a partire da 36$/anno e con 30 giorni di prova gratuita. Leggi pure questa guida in proposito.

Per saperne di più, ti consiglio la lettura della guida che ho scritto su come attivare il parental control, in cui troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno.

In alternativa, esistono molte app antifurto, il cui legittimo scopo principale è quello di aiutare a rintracciare un dispositivo in caso di furto o smarrimento. L’uso improprio, tuttavia, può permettere a qualcuno di spiare un cellulare e monitorarne la posizione o le attività a distanza, e spiare un cellulare da PC.

  • Lost Android – un’app gratuita che consente la localizzazione degli smartphone Android, insieme ad altre funzionalità di monitoraggio delle attività svolte sul dispositivo, sbloccabili con il pagamento di una tantum di 3,35 €. Una volta installata l’app sullo smartphone, è possibile rintracciarlo da remoto tramite l’interfaccia Web, collegando l’account Google associato al device in questione. Maggiori informazioni qui.
  • Prey – un’app gratuita da collegare a un massimo di tre dispositivi per accedere a funzionalità di localizzazione base, configurazione di zone geografiche di controllo e gestione da remoto, utilizzabili dal sito Web ufficiale. I diversi piani Premium, disponibili a partire da 5$/mese, consentono di superare il limite massimo di device collegabili e accedere a funzionalità aggiuntive: per saperne di più, leggi pure il tutorial che ho dedicato a quest’app.
  • Lookout – un’altra app per localizzare un dispositivo e visualizzarne la posizione in tempo reale, disponibile gratuitamente ma con alcune funzionalità di gestione da remoto (come il blocco del dispositivo e il ripristino alle impostazioni di fabbrica) ottenibili sottoscrivendo l’abbonamento Premium, con prezzi a partire da 2,99$/mese. Te ne ho parlato in dettaglio in questa mia guida.
  • Wheres My Droid – un’app che offre gli stessi strumenti di quelle precedentemente elencate, oltre ad altre funzionalità aggiuntive per il monitoraggio di chiamate ed SMS con la versione a pagamento, disponibile a partire da 0,99$/mese. Maggiori dettagli qui.

Infine, è mio dovere avvisarti di diffidare di quelle che vengono presentate come vere e proprie applicazioni spia, le quali offrono (o sembrano offrire) strumenti per il monitoraggio improprio di smartphone e altri dispositivi altrui, in quanto oltre a essere generalmente molto costose sono anche pericolose: molte, infatti, nascondono malware e rappresentano uno rischio non indifferente. Attieniti a soluzioni valide e con affidabilità verificabile.

Se temi di essere stato vittima di un’app spia o vorresti sapere come proteggerti, consulta la mia guida su come eliminare software spia dal cellulare per sapere come comportarti se il tuo smartphone è stato compromesso, oltre che a come prevenire che ciò accada.

Come spiare un cellulare: iPhone

Anche gli iPhone possono essere monitorati e rintracciati tramite il sistema antifurto predefinito, oppure con le stesse tipologie di app di cui ti ho parlato nei capitoli precedenti, nelle versioni dedicate al sistema operativo iOS (con qualche funzione in meno, a causa della natura più “chiusa” del sistema operativo Apple rispetto ad Android).

Come spiare un cellulare a distanza gratis senza installare programmi

Come spiare un cellulare a distanza gratis senza installare programmi iPhone

Il sistema antifurto predefinito di iOS è Dov’è che, una volta configurato e attivato, consente di localizzare un iPhone sia da computer, collegandosi alla pagina Web ufficiale di iCloud ed effettuando l’accesso all’ID Apple associato al dispositivo da monitorare, che da un altro device iOS tramite l’app disponibile gratuitamente su App Store.

Inoltre, l’opzione Rete Dov’è rende gli iPhone con sistema operativo iOS 15 e versioni successive rintracciabili anche se spenti o se non hanno accesso a Internet, grazie alla rete del Bluetooth dei dispositivi Apple nelle vicinanze, lo stesso sistema di rilevazione che rende possibile il funzionamento degli AirTag.

Se l’iPhone è localizzabile, visualizzerai una mappa con la sua posizione esatta: a questo punto, potrai scegliere come agire a distanza selezionando una delle opzioni tra Emetti suono, Modalità smarrito o Inizializza l’iPhone per effettuare l’operazione irreversibile di reset, che ti consiglio di usare solamente in casi estremi. Ho illustrato questa procedura in dettaglio in questo tutorial, in cui ho spiegato tutto quello che c’è da sapere sull’argomento, oltre che nella guida dedicata a come localizzare iPhone.

Allo stesso modo, l’app Trova i miei amici permette di visualizzare la posizione dei dispositivi iOS/iPadOS su cui è stata installata, con il consenso degli utenti che ne sono proprietari. Te ne ho parlato nella guida su come localizzare un iPhone di un amico.

Come spiare un cellulare a distanza

Come spiare un cellulare a distanza iPhone

Oltre agli strumenti di default di cui ti ho parlato poc’anzi, non mancano le app antifurto e di parental control di terze parti: quasi tutte le soluzioni che ti ho proposto nel capitolo sui dispositivi Android sono disponibili anche per iOS.

Sull’App Store trovi sia le soluzioni di Norton Family e Qustodio. Inoltre c’è il sistema predefinito di iOS Tempo di utilizzo, di cui ti ho parlato in dettaglio in questo tutorial, che permette di impostare dei filtri parentali sul device in uso. Sul fronte delle app antifurto, abbiamo poi Prey e Lookout.

Per approfondimenti su come spiare (e come difendere) un iPhone, ti invito alla lettura della mia guida su come sorvegliare un iPhone, oltre che al tutorial interamente dedicato ai programmi per spiare cellulari.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.