Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come localizzare cellulare gratis

di

Sei angosciato dall’idea di perdere il tuo smartphone? Allora ci sono due cose che devi fare subito: smetterla di preoccuparti e – cosa ancora più importante – assicurati che la funzione antifurto inclusa nel tuo cellulare sia attiva e configurata correttamente.

Non sai di cosa sto parlando? Rimediamo subito. Tutti gli smartphone di ultima generazione, devi sapere, sono equipaggiati con una funzione antifurto che consente di localizzare il dispositivo su una mappa, bloccarlo e perfino formattarlo a distanza. Si tratta di funzioni disponibili solo quando il telefono è acceso e connesso alla rete, quindi risultano poco utili in caso di furto del device (un ladro con un minimo di conoscenze tecnologiche provvederebbe subito a spegnere lo smartphone), ma sono utilissime nei casi di semplice smarrimento del cellulare.

Se vuoi saperne di più, prenditi cinque minuti di tempo libero e scopri come localizzare cellulare gratis grazie alle indicazioni che sto per darti. Ti assicuro che non è difficile, anzi. Qualsiasi tipo di smartphone tu abbia, riuscirai a localizzarlo da remoto senza la benché minima fatica avendo, inoltre, la possibilità di comandarne il blocco o la formattazione a distanza.

Indice

Come localizzare un cellulare gratis senza installare programmi

Le prime soluzioni che ti consiglio sono quelle che non richiedono l’installazione di alcun software esterno: si tratta di servizi gratuiti inclusi nei sistemi operativi Android e iOS, i quali permettono di rilevare la posizione dello smartphone su cui sono stati attivati e, all’occorrenza, consentono anche di comandare i device a distanza.

Trova il tuo Telefono (Android/iPhone)

Trova il mio dispositivo Google

Sia gli smartphone Android e gli iPhone possono usufruire del servizio Trova il tuo telefono, un servizio offerto da Google, completamente gratuito, che consente la individuare la posizione di un dispositivo su cui siano attivi i servizi di localizzazione.

Affinché lo smartphone sia rintracciabile devi aver necessariamente effettuato l’accesso al tuo account Google su una delle app (es. Gmail, YouTube, o Google Foto) o averlo associativo al dispositivo in un altro modo. In caso contrario, lo smartphone non comparirà nella lista degli smartphone localizzabili.

Puoi assicurartene aprendo il menu Impostazioni del tuo smartphone Android con un tap sull’icona dell’ingranaggio (situata nella schermata Home o nel drawer delle app), per poi premere sulla voce Geolocalizzazione. Se la funzione non è attivata, provvedi ad attivarla spostando la levetta corrispondente da su ON. Maggiori info qui.

Allo stesso modo, recati nel menu Impostazioni > Google, premi sulla voce Trova il mio dispositivo e, se la levetta non è già su ON, spostala con un tap. Nel caso in cui non riuscissi a individuare il menu Google, puoi controllare la lista delle app installate e avviare Impostazioni Google per attivare la localizzazione seguendo queste stesse indicazioni.

Infine, verifica che l’account Google sia correttamente collegato nello stesso menu Impostazioni > Google: questa volta, premi sull’e-mail situata sotto l’immagine del profilo (o la tua iniziale) per visualizzare tutti gli account collegati, oppure tocca il pulsante Aggiungi un altro account per configurarne uno.

Su iPhone, invece, puoi attivare i servizi di localizzazione nel menu Impostazioni > Privacy > Localizzazione. Maggiori info qui.

Una volta effettuati questi semplici controlli, potrai localizzare il tuo smartphone in pochi passi. Collegati innanzitutto al sito Web ufficiale del servizio, accedi al tuo account Google, e seleziona il nome del dispositivo che intendi rintracciare: in pochi secondi, ti sarà mostrato sulla mappa. Se ciò non avviene e la posizione non viene rilevata, purtroppo, il cellulare non è localizzabile, molto probabilmente perché spento o privo di accesso a Internet.

Se localizzato con successo, invece, puoi utilizzare i comandi nel menu a sinistra per scegliere come proseguire, agendo da remoto. Scegli una delle opzioni disponibili tra Riproduci audio (per far squillare lo smartphone per cinque minuti, anche se impostato in modalità silenziosa), Blocca il dispositivo (per bloccarlo con una password e uscire dall’account Google, mantenendolo tuttavia localizzabile), o Resetta dispositivo (un’ultima soluzione irreversibile per formattare il telefono, che diventerà così non rintracciabile).

Puoi utilizzare questo servizio anche da un altro smartphone o tablet, oltre che da computer, semplicemente installando l’app Trova il mio dispositivo, disponibile gratuitamente su Play Store: puoi seguire le stesse indicazioni che ti appena fornito, poiché funziona esattamente come il servizio Web. Se bisogno di aiuto per procedere all’installazione dell’app, trovi tutte le informazioni a riguardo qui.

Benché l’app non sia disponibile per iOS, puoi effettuare la stessa operazione accedendo alla pagina Web Trova il tuo telefono tramite il browser del tuo iPhone o iPad, seguendo gli stessi passi che ti ho appena descritto.

Dov’è (iOS)

Dov'è iOS

Per accertarti che il tuo iPhone sia sempre rintracciabile e sfruttarne le funzionalità di sicurezza integrate in caso di smarrimento o furto, hai a disposizione Dov’è, che consente di localizzare il tuo “melafonino” da qualsiasi computer, nonché da un altro dispositivo iOS.

Affinché la posizione dell’iPhone sia rilevabile, apri il menu delle Impostazioni dalla schermata Home facendo tap sull’icona dell’ingranaggio. Dopodiché, premi sul tuo nome per accedere al menu Privacy > Localizzazione. Accanto alla voce Localizzazione, visualizzerai una levetta che, se disattivata, puoi spostare su ON con un tap.

In questa stessa schermata puoi verificare che l’app Dov’è abbia accesso alla posizione. Scorri la lista delle app e, una volta individuata, premi su di essa e poi sulla voce Mentre usi l’app o Chiedi la prossima volta, a seconda delle tue preferenze. Infine, se non ancora attiva, premi sulla levetta corrispondente all’opzione Posizione esatta e spostala su ON.

Poi, controlla che il tuo account iCloud sia correttamente associato all’iPhone premendo sulla voce Indietro situata in alto a sinistra per tornare al menu iniziale Impostazioni, e pigiando sul tuo nome e poi su iCloud. Se l’account non risulta collegato, effettua l’accesso facendo tap sull’apposita opzione che trovi in alto.

Infine, seleziona la voce Dov’è, premi sulla voce Trova il mio iPhone e sposta su ON la levetta accanto all’opzione Trova il mio iPhone, se non è già attivata; procedi allo stesso modo per l’opzione Rete Dov’è. In questo modo, lo smartphone sarà rintracciabile anche se spento o non connesso a Internet, tramite la rete del Bluetooth dei dispositivi Apple nelle vicinanze. Come ultimo passo, attiva anche l’opzione Invia ultima posizione per inviare la posizione dell’iPhone automaticamente quando la batteria è quasi scarica.

Ora, possiamo passare al vero e proprio rintracciamento dell’iPhone. Collegati alla pagina ufficiale di iCloud e accedi digitando le credenziali del tuo ID Apple; poi, clicca sulla voce Trova iPhone, e inserisci nuovamente la password dell’ID Apple come richiesto.

Attendi dunque il caricamento della mappa e seleziona l’iPhone in questione dal menu Tutti i dispositivi situato in alto: visualizzerai subito la sua posizione, se rilevata con successo, e un apposito menu per gestire lo smartphone da remoto. Clicca su Emetti suono per farlo squillare, Modalità smarrito per bloccare il dispositivo con un codice e visualizzare un messaggio nella sua schermata di blocco e Inizializza l’iPhone per effettuarne il reset che, anche in questo caso, ti suggerisco vivamente ti usare solo in casi estremi, poiché la formattazione è irreversibile e renderà impossibile ogni tentativo di localizzazione.

In alternativa, puoi utilizzare anche l’app Dov’è per individuare la posizione di un iPhone (o altri dispositivi Apple) con altri dispositivi mobili con lo stessa sistema operativo. Similmente, il servizio Trova i miei amici per iOS/iPadOS permette, con l’esplicito consenso degli utenti di cui vorresti individuare la posizione, di localizzare da remoto i dispositivi su cui è stata installata l’app. Ti ho parlato di tutti i dettagli del caso in questa guida.

Altre soluzioni per localizzare un cellulare gratis

Altre soluzioni per localizzare un cellulare gratis

Oltre alle soluzioni di Google e Apple di cui ti ho appena parlato, molti smartphone dispongono di servizi antifurto gratuiti offerti dai produttori stessi per individuare la posizione dei dispositivi della stessa marca, a condizione che siano accesi, che le funzionalità di localizzazione siano attivate, e che abbiano accesso a Internet.

È il caso di Trova Dispositivo Personale di Samsung, che consente non solo di rintracciare il tuo smartphone e gestirlo da remoto, ma anche di effettuare il backup dei tuoi dati con Samsung Cloud. Affinché funzioni correttamente, è necessario che un account di questo servizio sia stato precedentemente configurato sul telefono, in modo da poter accedere tramite la pagina Web ufficiale. Per saperne di più, consulta la mia guida su come trovare un dispositivo Samsung.

Lo stesso vale per gli smartphone Xiaomi, la cui posizione è rilevabile tramite la funzionalità Trova dispositivo basata su Xiaomi Cloud. Anche in questo caso, il device deve essere stato associato a un Mi Account, e il servizio correttamente abilitato dal menu Impostazioni > Mi account > Xiaomi Cloud > Trova dispositivo. Una volta verificato ciò, potrai utilizzare il tuo ID Mi Account per accedere al servizio da un qualunque altro dispositivo collegandoti alla pagina ufficiale. Maggiori informazioni qui.

Localizzare un cellulare HUAWEI gratuitamente richiede una procedura molto simile: se hai collegato un account HUAWEI Cloud al tuo smartphone, potrai sfruttare la funzione Trova telefono, che devi aver preventivamente attivato nel menu Impostazioni > HUAWEI ID > Cloud, insieme ai servizi di localizzazione. Ciò ti permetterà, accedendo alla pagina principale di HUAWEI Cloud con le credenziali dell’account associato, di individuare la posizione del telefono: ti ho parlato in dettaglio di questa procedura nella guida su come rintracciare un HUAWEI.

Infine, localizzare un telefono gratis può essere facile quanto fare una ricerca su Google: un cellulare acceso, connesso a Internet, e su cui hai attivato la localizzazione e Trova il tuo telefono di Google può essere rintracciato collegato collegandoti alla pagina iniziale del motore di ricerca (assicurandoti di aver effettuato l’accesso allo stesso account configurato sullo smartphone) e digitando “trova il mio telefono” nel campo di ricerca.

Una volta premuto tasto Cerca con Google, il primo risultato sarà una schermata di Google Maps con la posizione dell’ultimo device usato tra quelli a cui hai collegato l’account Google in uso. Per sceglierne un altro, fai clic sul simbolo ▼ accanto al nome del dispositivo per visualizzare una lista e selezionare il nome di quello che ti interessa. Per maggiori indicazioni, leggi pure la guida che ho dedicato interamente a questo argomento.

Come localizzare un cellulare gratis con WhatsApp

Come localizzare cellulare con WhatsApp gratis

Un altro modo semplice ed efficace di rintracciare un cellulare gratis è la funzione di condivisione della posizione di WhatsApp: se uno dei tuoi contatti desidera rendere il proprio smartphone localizzabile, può farlo inviandoti la propria posizione, anche in tempo reale, direttamente nella chat con te (o in una chat di gruppo) in pochi semplici passi.

Per iniziare, dovrà innanzitutto avviare WhatsApp sul telefono in questione pigiando sull’icona dell’app, e aprire la conversazione con te. Dopodiché, dovrà premere sul simbolo della graffetta situato nella schermata della chat, e poi sul pulsante Posizione. Se richiesto, dovrà confermare il proprio consenso all’accesso alla posizione premendo sull’apposito pulsante nell’avviso che compare a schermo.

L’utente visualizzerà così una nuova schermata con una mappa, che ne indica la posizione attuale. Una volta scelto se condividere solamente la Posizione attuale o la Posizione in tempo reale (aggiornata ogni 15 minuti, 1 ora o 8 ore), premendo sulla voce corrispondente, potrà confermare la condivisione facendo tap sul pulsante Avanti, poi sull’intervallo di tempo, e infine sul pulsante con il simbolo dell’aeroplano di carta.

Fatto ciò, riceverai un messaggio contenente una miniatura della mappa: dovrai semplicemente premere su di essa per visualizzare la posizione dello smartphone dell’utente. Per ulteriori dettagli, ti reindirizzo alle guide che ho dedicato sia a come rintracciare la posizione di un cellulare con WhatsApp che su come come inviare la posizione.

Come localizzare un cellulare gratis con parental control

Come rilevare la posizione con parental control

Se il cellulare che vorresti localizzare appartiene a tuo figlio, a un minore di cui sei tutore legale, o hai una legittima autorizzazione del proprietario per controllarne la posizione da remoto, i servizi di parental control possono esserti d’aiuto.

Nel caso in cui non ne avessi sentito parlare, devi sapere che si tratta di sistemi da installare e attivare sullo smartphone in questione solamente con l’esplicito consenso del proprietario. Il monitoraggio di un dispositivo all’insaputa del proprietario costituisce una violazione della privacy e quindi un reato. Pertanto, non mi assumo alcuna responsabilità di qualsiasi eventuale uso illegittimo di questi strumenti.

Tra i migliori servizi di parental control, ti consiglio innanzitutto Google Family Link, già incluso nel sistema operativo Android e disponibile anche per iOS. Sono altrettanto validi quelli di terze parti come Norton Family (Android/iOS) o ancora Qustodio (Android/iOS). Ti ho parlato di tutti questi servizi e molto altro nella mia guida su come attivare il parental control.

Come localizzare un cellulare spento gratis

Come localizzare un cellulare gratis spento

In caso di furto, è altamente probabile che lo smartphone sia spento, e che individuarne la posizione non sia affatto facile. Come ti ho spiegato nei paragrafi precedenti, la procedura di localizzazione richiede una serie di requisiti, tra cui l’attivazione dei servizi dedicati prima del furto o dello smarrimento e l’accesso a Internet: se il device non è acceso, molto spesso anche queste accortezze saranno vanificate.

Se ti stai chiedendo come rintracciare un cellulare gratis superando questo limite, però, devi sapere che non tutto è perduto.

Per quanto riguarda i dispositivi Android, invece, la configurazione dei servizi di localizzazione può comunque esserti d’aiuto per conoscere l’ultima posizione rilevata prima dello spegnimento.

Gli iPhone con sistema operativo iOS 15 e versioni successive, invece, sono localizzabili anche da spenti, grazie al sistema di rilevazione via Bluetooth, lo stesso su cui è basato il funzionamento degli AirTag. Pertanto, la procedura per iOS di cui ti ho parlato nel capitolo dedicato è valida anche in questo caso.

Per saperne di più, ti invito alla lettura del mio tutorial su come rintracciare un telefono spento.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.