Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Programmi per creare immagini

di

Sei alla ricerca di un software che ti consenta di realizzare immagini di vario tipo con il tuo computer ma non hai la più pallida idea di quali risorse utilizzare per raggiungere il tuo scopo? Allora direi che, per tua fortuna, sei capitato sulla guida giusta al momento giusto. Oggi, infatti, desidero parlarti di quelli che ritengo essere i migliori programmi per creare immagini presenti su piazza.

Di software adibiti allo scopo ce ne sono a bizzeffe: per realizzare immagini 3D, per la grafica vettoriale, per creare immagini con scritte e chi più ne ha più ne metta, sia per quel che concerne il versante Windows che per quanto riguarda macOS e Linux. Come dici? Vorresti che ti consigliassi anche qualche bella app ad hoc da usare per il tuo smartphone o per il tuo tablet? No problem, me ne occuperò nella parte finale del tutorial.

Allora? Posso sapere che cosa ci fai ancora lì impalato? Posizionati bello comodo, prenditi qualche minuto di tempo libero solo per te e comincia subito a concentrarti sulla lettura di quanto riportato qui di seguito. Alla fine, non ho dubbi, potrai dirti ben contento e soddisfatto di quanto appreso. Buona lettura e buon divertimento!

Indice

Programmi per creare immagini 3D

Stai cercando dei programmi per creare immagini 3D? Molto bene: qui sotto trovi indicate le migliori soluzioni della categoria.

Blender (Windows/macOS/Linux)

Blender

Se stai cercando un software per il disegno 3D, gratuito ma di stampo professionale, non puoi non provare Blender: si tratta di un programma utile per creare modelli tridimensionali, modificarli ed effettuare rendering. È compatibile con Windows, macOS e Linux e riceve aggiornamenti frequenti.

Per scaricarlo, visita il suo sito Internet ufficiale e clicca sul pulsante Download Blender posto in alto. A download ultimato, se stai usando Windows, avvia il file .msi ottenuto e, nella finestra che compare sullo schermo, clicca sul pulsante Next. Seleziona poi la casella accanto alla voce I accept the terms in the License Agreement, clicca sul pulsante Next per altre due volte, premi sul bottone Install e porta a termine il setup cliccando sui pulsanti e Finish. Successivamente, avvia il programma facendo doppio clic sul collegamento apposito che è stato aggiunto sul desktop oppure richiamalo dal menu Start.

Se stai usando macOS, invece, apri il pacchetto .dmg ottenuto e trascina la cartella di Belnder nella cartella Applicazioni del computer. In seguito, richiama Blender tramite il Launchpad, mediante Spotlight, tramite Siri o accedendo alla cartella Applicazioni di macOS e premi sul bottone Apri, così da eseguire il programma andando ad aggirare le limitazioni imposte ad Apple verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va effettuata solo al primo avvio)

Una volta visualizzata la schermata principale del software, comincia pure a prendere dimestichezza con la sua interfaccia, che è strutturata in diverse sezioni: a destra trovi il pannello tramite cui gestire le scene e le caratteristiche dei vari oggetti, a sinistra c’è il pannello contenente alcuni degli strumenti principali per fare disegni 3D (a sua volta suddiviso in varie schede), in alto si trova il menu funzionale, mentre in basso sono disponibili i comandi per visualizzare e spostare gli oggetti che vengono inseriti nel progetto.

Per inserire il tuo primo solido, seleziona la scheda Create nel pannello a sinistra, individua la figura di tuo interesse e cliccaci sopra. Per modificarla, cambia la modalità di visualizzazione di Blender selezionando la voce Edit dal menu a tendina Object mode che si trova in basso. In seguito, deseleziona l’oggetto, fai clic sull’icona con il quadrato e i pallini che si trova nel menu in fondo e apporta tutte le modifiche del caso.

Quando lo vorrai, potrai salvare il tuo progetto cliccando sul menu File che si trova in alto e selezionando la voce Save As da quest’ultimo. Per maggiori dettagli, ti rimando alla lettura della mia guida specifica su come usare Blender.

SketchUp (Windows/macOS)

Sketchup Pro

SketchUp è un celebre software per la modellazione 3D, di semplice impiego e molto efficace nella resa grafica. Sì può usare su Windows e macOS ed è disponibile in varie versioni a pagamento (con un costo base pari a 119$/anno), tuttavia è possibile richiederne una prova gratuita funzionante senza limitazioni per 30 giorni. Inoltre, è disponibile in una variante totalmente a costo zero che però è più datata e generalmente sconsigliata.

Per effettuare il download della trial della versione Pro di SketchUp (quella base per un uso professionale), recati sul sito Web del programma e clicca sul pulsante Provalo gratis per 30 giorni. Specifica poi, tramite il menu a tendina apposito, il motivo per cui desideri usare il programma e crea il tuo account Trimble (indispensabile per procedere con il download), selezionando la voce Crea un account.

A questo punto, compila il modulo che ti viene proposto con i dati richiesti e conferma l’account appena creato, cliccando sul relativo link che ti è stato spedito tramite email. Successivamente, indica su quale sistema operativo vuoi usare SketchUp e fai clic sul bottone per dare il via al download.

A scaricamento completato, se stai usando Windows, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che compare sul desktop, clicca sui pulsanti Next (per due volte consecutive), Install e Finish. Dopodiché avvia SketchUp tramite il collegamento che è stato aggiunto sul desktop oppure richiamandolo dal menu Start.

Se stai usando macOS, apri invece il pacchetto .dmg ottenuto e sposta la cartella del software nella cartella Applicazioni di macOS, dopodiché fai clic destro sull’icona dell’applicazione SketchUp contenuta al suo interno e seleziona la voce Apri per due volte consecutive, così da avviare il programma andando però ad aggirare le limitazioni imposte da Apple verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va eseguita solo al primo avvio). Nella finestra che si apre sullo schermo, spunta la casella Accetto il contratto di SketchUp e fai clic sul bottone Continua.

Una volta visualizzata la schermata principale di SketchUp, comincia pure a disegnare in 3D usando l’editor apposito: al centro è presente il grafico tridimensionale con un gruppo di tre assi, in alto trovi la barra con gli strumenti per creare modelli 3D, mentre ancora più su c’è la barra dei menu, mediante la quale accedere a ulteriori funzioni e tool.

Dopo aver disegnato linee e altri elementi monodimensionali sul grafico, per trasformarli in forme 3D, usa lo strumento Spingi/tira (l’icona con la base e la freccia) facendo clic sull’elemento di tuo interesse e trascinandone le varie parti continuando a tenere cliccato.

Quando lo riterrai opportuno, potrai salvare le tue creazioni cliccando sul menu File collocato in alto a sinistra e selezionando la voce Salva da quest’ultimo. Per approfondire il funzionamento del software, ti rimando alla lettura del mio articolo incentrato specificamente su come usare SketchUp.

Programmi per creare immagini vettoriali

Passiamo ora ai programmi per creare immagini vettoriali. Qui sotto trovi indicati quelli che, a parer mio, faresti bene a mettere alla prova. Buon divertimento!

Inkscape (Windows/macOS/Linux)

Vettorializzare con Inkscape

Il primo tra i programmi per disegnare immagini vettoriali che voglio suggerirti di provare è Inkscape, uno dei più noti della categoria. È gratis, open source, facile da usare e funziona su Windows, macOS e Linux. Supporta tutti i principali formati di file grafici ed è conforme a tutti i più diffusi standard Web.

Per effettuarne il download, visita il suo sito Internet e, se stai usando usando Windows, fai clic sul logo del sistema operativo e sul collegamento installer (msi) situato sotto la dicitura Downloads for 32-bit Windows versions o la dicitura Downloads for 64-bit Windows versions, in base alla versione di Windows in uso.

A download ultimato, apri il file .msi ottenuto e, nella finestra che compare sul desktop, fai clic sul pulsante Next. Dopodiché seleziona la voce I accept the terms in the License Agreement e clicca sui pulsanti Next, Typical, Install, e Finish, per concludere il setup.

Se stai usando macOS, dopo esserti recato sul sito del programma, clicca prima sul logo di Apple e poi sul collegamento .dmg annesso alla sezione Inkscape x.x. Provvedi altresì a scaricare il componente XQuartz (indispensabile per il funzionamento di Inkscape) visitando questa pagina e facendo clic sul collegamento XQuartz-x.x.xx.dmg.

A scaricamento ultimato, apri il pacchetto .dmg che contiene il componente XQuartz, fai clic destro sul relativo eseguibile e seleziona la voce Apri dal menu contestuale. Nella finestra che poi compare sullo schermo, clicca sul pulsante Continua per tre volte di seguito e sui bottoni Accetta e Installa. Digita, dunque, la password del tuo account utente su macOS e clicca sui pulsanti Installa software, OK e Chiudi, per completare l’installazione.

Dopo aver installato XQuartz, provvedi a effettuare l’installazione di Inkscape. Apri, quindi, il relativo pacchetto .dmg e sposta l’icona del software nella cartella Applicazioni del Mac. Successivamente, riavvia il Mac, avvia nuovamente XQuartz tramite il Launchpad, Siri, Spotlight o andando nella cartella Applicazioni, seleziona la voce Preferenze dal menu di XQuartz collocato in alto sulla sinistra e intervieni sulle sue impostazioni nel seguente modo: nella scheda Ingresso, verifica che risultino selezionate le voci Abilita equivalenti da tastiera con X11 e I tasti opzione inviano Alt_L e Alt_R e nella scheda Appunti accertati che siano spuntate le opzioni Abilita sincronizzazione e Aggiorna CLIPBOARD quando gli appunti cambiano.

Compiuti tutti i passaggi di cui sopra, sei finalmente pronto per iniziare a usare Inkscape. Dunque, se stai usando Windows, avvia il programma tramite il suo collegamento aggiunto al desktop o mediante il menu Start. Se, invece, stai usando macOS, apri la cartella Applicazioni, fai clic destro sull’icona del programma e seleziona la voce Apri dal menu che si apre, in modo da aggirare le restrizioni applicate da Apple nei confronti dei programmi provenienti dagli sviluppatori non certificati (operazione necessaria soltanto al primo avvio).

Ora che visualizzi la finestra di Inkscape, serviti degli strumenti collocati nella barra di sinistra per iniziare a disegnare nell’area di lavoro (quella situata al centro). Per selezionare i colori, invece, usa le palette in basso. In alto, invece, ci sono le impostazioni relative agli strumenti selezionati.

Per salvare le tue immagini vettoriali, provvedi poi a selezionare la voce Salva come dal menu File e il gioco è fatto. Per maggiori informazioni, ti rimando alla lettura della mia guida su come vettorializzare un’immagine.

Adobe Illustrator (Windows/macOS)

Creware immagini vettoriali con Adobe Illustrator

Impossibile parlare della creazione delle immagini vettoriali senza tirare in ballo anche Illustrator: si tratta, infatti, di un rinomato software di casa Adobe grazie al quale è possibile disegnare con una vasta gamma di strumenti avanzati, trasformare immagini “standard” in immagini vettoriali ed effettuare svariate altre operazioni dedicato a questo tipo di grafica. È pensato per un impiego professionale, ma con un po’ di pratica può essere usato anche dai meno esperti. È compatibile con Windows e macOS ed è a pagamento (costa 23,39 euro/mese), tuttavia lo si può provare gratis e senza limitazioni per 7 giorni.

Per effettuare il download e l’installazione del programma, accedi al sito Internet di Illustrator e metti in pratica le istruzioni sul da farsi che ti ho fornito nel mio tutorial specifico su come scaricare Illustrator gratis.

Dopo aver portato a termine le procedure di download e installazione del programma, ti ritroverai dinanzi alla sua finestra principale, che è suddivisa in varie sezioni: a sinistra c’è la barra degli strumenti con i vari tool per il disegno, mentre a destra c’è l’area tramite cui poter gestire i livelli e le proprietà degli elementi aggiunti al progetto.

Quando lo riterrai opportuno, potrai salvare le tue creazioni utilizzando la voce apposita presente nel menu File, collocato in alto a sinistra. Per maggiori dettagli sull’uso del software, ti rimando alla lettura della mia guida su come usare Illustrator.

Programmi per creare immagini in movimento

Cerchi dei programmi per creare immagini in movimento o, per meglio intenderci, delle GIF? Allora prova subito quelli che trovi segnalati qui sotto: sono certo che non ti deluderanno.

OpenAviToGif (Windows)

OpenAviToGif

Se stai usando un PC con su installato Windows e cerchi un software che ti consenta di creare immagini in movimento, ti suggerisco di provare OpenAviToGif. È gratis, open source e consente di trasformare i video AVI, MP4 e MOV in GIF. È piuttosto intuitivo e, inoltre, non necessita d’installazione per poter essere impiegato.

Mi chiedi come fare per potertene servire? Te lo dico subito. In primo luogo, collegati alla pagina per il download del programma, seleziona la scheda Files e clicca prima sulla voce win32 e poi su quella openAviToGif_x-x.7z.

A scaricamento ultimato, estrai l’archivio 7z che hai appena ottenuto (se non sai come riuscirci, leggi la mia guida su come estrarre file 7z) e avvia il file .exe contenuto al suo interno.

Nella finestra che si apre, clicca sul pulsante Add, seleziona il filmato dal quale vuoi ricavare la GIF animata e fai doppio clic sul suo nome che compare all’interno del programma.

Provvedi poi a regolare tutte le preferenze relative all’animazione che vuoi ottenere. Per la precisione, nei campi Start ed End devi indicare i punti di inizio e fine della GIF, in quello Output Resolution devi impostare la risoluzione della GIF e in quello Delay between frames devi indicare il lasso di tempo che deve intercorrere tra i vari fotogrammi.

Inoltre, lasciando o rimuovendo la spunta dall’opzione Infinite loop puoi attivare o disabilitare la ripetizione infinita dell’animazione, mentre dal menu a tendina Max colors puoi selezionare il numero di colori da cui dev’essere composta la GIF.

Per concludere, fai clic sui pulsanti OK e Convert e aspetta che la tua GIF venga generata. A procedura ultimata, l’immagine verrà salvata nella medesima posizione del filmato d’origine. È stato facile, vero?

VideoGIF Free (macOS)

VideoGIF Free

Se, invece, stai usando macOS, ti consiglio di usare VideoGIF Free: si tratta di un’applicazione gratuita e dal funzionamento semplice e immediato che consente di importare filmati o di registrare flussi video con la webcam da usare poi per la creazione di GIF animate. Eventualmente è disponibile anche in una variante a pagamento (costa 5,49 euro), la quale consente di aggiungere testi, adesivi ecc. alle GIF create.

Per effettuarne il download e l’installazione di VideoGIF Free, visita la relativa pagina del Mac App Store, fai clic sul bottone Vedi in Mac App Store e, nella finestra che compare sulla scrivania, fai clic sul pulsante Ottieni/Installa. Se richiesto, autorizza il download immettendo la password del tuo ID Apple o usando il Touch ID (se il tuo Mac dispone di questo componente).

In seguito, avvia l’applicazione richiamandola dal Launchpad, da Spotlight, Siri o dalla cartella Applicazioni, e clicca sul pulsante Add Video (per selezionare il video che vuoi trasformare in GIF) oppure premi sul bottone Webcam (per registrare un filmato con la webcam del Mac e usare quest’ultimo per creare la tua immagine animata).

Dopo aver fatto la tua scelta, attendi che il video venga elaborato dal programma e se vedi comparire un avviso relativo al ridimensionamento acconsenti pure alla cosa, facendo clic sul bottone Reduce Size, per far assumere alla tua GIF il giusto formato. Scegli quindi la porzione di filmato che vuoi usare per la GIF spostando gli indicatori posti sulla timeline in basso.

Successivamente, seleziona, se vuoi, un filtro da applicare alla GIF finale tra quelli presenti sulla destra, regola le impostazioni relative a saturazione, esposizione, contrasto, brillantezza e luminosità mediante le barre apposite (collocate sempre a destra) e avvia la creazione dell’immagine animata facendo clic sul pulsante Create GIF che si trova in alto (sempre sulla destra).

Per concludere, definisci le impostazioni relative ai frame, clicca sul bottone Save e indica la posizione di output. È stato facile, vero?

Programmi per creare immagini con scritte

Se hai bisogno di aggiungere delle frasi sulle tue foto, puoi appellarti ai programmi per creare immagini con scritte che trovi elencati qui di seguito. Sono tutti facilissimi da usare.

Paint (Windows)

Immagine con scritta creata con Paint

Se stai usando un PC Windows, puoi aggiungere scritte alle immagini usando il classico Paint, che è gratis e lo trovi preinstallato su qualsiasi versione del sistema operativo di Microsoft. Credo non abbia bisogno di presentazioni: consente di realizzare disegni e modifiche base alle immagini ed è facilissimo da usare.

Per servirtene, avvialo cercandolo nel menu Start e cliccando sulla relativa icona. Una volta visualizzata la finestra del programma, apri dunque l’immagine su cui vuoi aggiungere la scritta, facendo clic sul menu File che si trova in alto a sinistra e poi sulla voce Apri.

Una volta importata l’immagine di tuo interesse, fai clic sul simbolo (A) posto sulla barra degli strumenti, in alto, clicca sul punto dell’immagine in cui vuoi inserire la scritta e digita il testo da te desiderato nell’apposito campo che compare sullo schermo.

Se vuoi modificare il colore del testo, il font, la grandezza dei caratteri ecc., seleziona la scritta appena digitata e serviti dei menu a tendina che trovi all’interno del menu Testo.

Per concludere e quindi per salvare l’immagine modificata, clicca sul menu File (in alto a sinistra) e seleziona la voce Salva da quest’ultimo.

Anteprima (macOS)

Immagine con scritta creata con Anteprima

Stai usando macOS? Allora, per creare delle immagini con scritte, puoi affidarti ad Anteprima: si tratta dell’applicazione predefinita per i computer a marchio Apple per visualizzare e modificare file grafici e documenti PDF.

Per servirtene per il tuo scopo, fai doppio clic sull’immagine su cui vuoi aggiungere la scritta, in modo tale da aprirla direttamente con Anteprima. Se per caso hai modificato alcune impostazioni di macOS e Anteprima non è più il lettore di immagini impostato di default, clicca con il tasto destro del mouse sull’immagine, seleziona poi la voce Apri con dal menu che ti viene mostrato e seleziona Anteprima.

Nella finestra di Anteprima che a questo punto ti viene mostrata, fai clic sul pulsante con la matita presente sulla barra degli strumenti, in alto, e fai clic sul simbolo (T) presente nella toolbar che compare su schermo. Nella casella di testo visualizzata, digita poi la scritta di tuo interesse.

Se vuoi modificare il font, la grandezza o il colore del carattere, clicca sul simbolo (A) posto in alto a destra e apporta tutti i cambiamenti del caso tramite il menu che ti viene mostrato.

Una volta completate le modifiche all’immagine, fai clic sull’opzione Salva presente nel menu File (in alto a sinistra) per salvare il tutto.

Programmi per creare immagini personalizzate

Cerchi dei software generici per la creazione delle immagini? Allora da’ subito uno sguardo ai programmi per creare immagini personalizzate che trovi segnalati nei passi successivi. Di certo troverai qualcosa in grado di soddisfarti.

GIMP (Windows/macOS/Linux)

GIMP

Hai mai sentito parlare di GIMP? No? Beh, occorre rimediare subito! Si tratta di un rinomato programma gratuito e open source per Windows, macOS e Linux, grazie al quale è possibile migliorare facilmente l’aspetto delle foto digitali, applicare effetti speciali alle immagini, distorcerle, ridimensionarle, ruotarle e compiere svariate altre operazioni. Insomma, la migliore alternativa free a Photoshop.

Per scaricarlo sul tuo computer, visita il sito Internet del programma, fai clic sul pulsante Download x.xx.x e poi su quello Download GIMP x.xx.x directly presente nella nuova pagina che viene caricata.

A download ultimato, se stai usando Windows, apri il file .exe ottenuto e premi sui pulsanti , OK, Installa e Fine, per concludere il setup.

Se stai usando macOS, invece, apri il pacchetto .dmg ottenuto e trascina l’icona del programma nella cartella Applicazioni del computer. In seguito, fai clic destro su di essa e seleziona la voce Apri dal menu che compare, al fine di avviare il software andando però ad aggirare le limitazioni imposte da Apple verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va effettuata solo al primo avvio).

Ora che visualizzi la finestra principale di GIMP, comincia pure a divertirti creando la tua immagine, sfruttando gli strumenti e le funzioni disponibili. Per la precisione, a sinistra trovi la toolbar che contiene tutti gli strumenti necessari per modificare le immagini, al centro c’è l’area di lavoro, mentre a destra trovi la barra con i comandi avanzati per la gestione dei livelli, la visualizzazione della cronologia delle modifiche ecc.

Per aprire un’immagine preesistente, clicca sul menu File in alto a sinistra e seleziona la voce Apri da quest’ultimo. Invece, per salvare la tua creazione o le modifiche apportate a un’immagine preesistente, devi selezionare la voce Salva come dal medesimo menu.

Per ulteriori dettagli riguardo il funzionamento del software, ti rimando alla lettura della mia guida specifica su come usare GIMP.

Photoshop (Windows/macOS)

Photoshop

Photoshop è il più rinomato software di casa Adobe, nonché quello maggiormente diffuso e apprezzato per quanto riguarda il fotoritocco a livello professionale e la creazione di immagini di vario tipo. È disponibile per Windows e macOS e lo si può usare previa sottoscrizione di un piano Creative Cloud a pagamento (a partire da 12,19 euro/mese). È tuttavia possibile scaricare la trial del prodotto, funzionante senza limitazioni per 7 giorni.

Per eseguire il download di Photoshop sul tuo computer, recati sul sito Internet del programma e metti in pratica le istruzioni che ti ho fornito nella mia guida su come scaricare Photoshop.

Dopo aver portato a termine la procedura di download e d’installazione del software, ti ritroverai al cospetto della sua finestra principale, la quale risulta suddivisa in più sezioni: a sinistra trovi la barra degli strumenti con tutti i pennelli e gli strumenti necessari per disegnare, colorare ed editare le foto, al centro c’è l’area di lavoro, mentre a destra c’è un pannello dal quale è possibile gestire i livelli che compongono le immagini. In alto, invece, sono presenti i menu per aprire e salvare le foto, applicare loro degli effetti speciali e via discorrendo.

Quando lo vorrai, potrai salvare le immagini create e/o modificate cliccando sulla voce apposita che trovi nel menu File, in alto a sinistra. Per approfondimenti sul funzionamento del programma, ti suggerisco la lettura del mio tutorial dedicato specificamente a come usare Photoshop.

Programmi per creare immagini online

Non vuoi o non puoi scaricare nuovi software sul tuo computer e ti piacerebbe allora che ti suggerissi dei programmi per creare immagini online? Eccoti accontentato! Li trovi proprio qui di seguito.

Photopea

Photopea

Photopea è uno dei migliori editor fotografici online. Si contraddistingue per la sua interfaccia utente, piena zeppa di strumenti e ben organizzata, in stile Photoshop. Inoltre, è totalmente gratis (ma eventualmente è possibile rimuovere la pubblicità passando alla versione Premium, con costi a partire da 9 dollari/mese) e per funzionare non necessita dell’installazione di alcun plugin aggiuntivo, in quanto realizzato in HTML 5.

Per iniziare a usare Photopea, collegati alla sua home page, clicca sulla [x] per rimuovere la finestra di benvenuto del servizio e, se necessario, traduci la sua interfaccia in italiano facendo clic sulla voce More posta in alto e selezionando le voci Language e Italiano dal menu che si apre.

A questo punto, clicca sul menu File collocato in alto a sinistra e seleziona la voce Nuovo (se vuoi creare una nuova immagine partendo da zero o dai modelli preimpostati) oppure quella Apri (per aprire un’immagine già salvata sul tuo computer che intendi modificare) dal menu che si apre.

Successivamente, serviti degli strumenti collocati nella toolbar sulla sinistra per aggiungere forme, disegnare, inserire sfumature ecc. A destra, invece, trovi i pannelli con i livelli e la cronologia delle operazioni effettuate, mentre in alto c’è la barra dei menu con ulteriori comandi e funzioni utili per creare ed editare le immagini.

A creazione ultimata, seleziona la voce Esposta come dal menu File (in alto a sinistra), seleziona il formato di output che preferisci e fai clic sul bottone Salva, in modo da scaricare l’immagine sul computer.

DeviantArt muro

DeviantArt muro

DeviantArt muro è un altro servizio online realizzato in HTML5, funzionante con qualsiasi browser e sistema operativo, senza dover scaricare e installare plugin aggiuntivi, grazie al quale è possibile disegnare e creare immagini sfruttando i tantissimi strumenti resi disponibili. È totalmente gratuito ed è reso disponibile da DevianArt, la celebre community online di artisti.

Per servirtene, recati sulla home page di DeviantArt muro e inizia pure a creare la tua immagine, disegnandola nel foglio al centro, sfruttando i tanti strumenti posti sulla barra in basso. Per alcuni strumenti, dopo la selezione, risulta disponibile un ulteriore menu mediante il quale apportare altre personalizzazioni. Sempre in basso trovi inoltre i selettori per i colori e i motivi da usare.

A destra, invece, c’è la scheda Draw per visualizzare e gestire i livelli, quella Adjust per apportare varie regolazioni all’immagine e quella Presets per impostare i vari presets disponibili.

Se poi vuoi apportare modifiche ad un’immagine già esistente sul tuo computer, clicca sul menu File che si trova in alto e selezionala da lì previo clic sulla dicitura Open Files.

Quando lo vorrai, potrai salvare le tue creazioni facendo clic sul menu File, scegliendo la voce Save File As e registrando un account gratuito sul sito andando a compilare con i dati richiesti il modulo proposto.

App per creare immagini

Adobe Illustrator Draw

E su smartphone e tablet? Quali sono le migliori app per creare immagini? La risposta è presto data: tutte quelle che trovi indicate nel seguente elenco. Buon divertimento!

  • 3DC.io (Android/iOS) – applicazione semplice e veloce per creare immagini in 3D. È gratis, ma offre acquisti in-app (a partire da 1,19 euro) per sbloccare contenuti extra.
  • GnaCAD (Android/iOS) – altra app per il disegno 3D che include alcune funzionalità orientate al CAD. È gratis, ma propone acquisti in-app (a partire da 1,09 euro) per aggiungere caratteristiche aggiuntive.
  • Adobe Illustrator Draw (Android/iOS) – si tratta della controparte per Android e iOS del software reso disponibile Adobe di cui ti ho già parlato nelle righe precedenti. Permette di cimentarsi con la grafica vettoriale da mobile in modo abbastanza semplice e intuitivo. È gratis.
  • GIF Me! Camera (Android/iOS) – applicazione grazie alla quale è possibile creare immagini GIF personalizzate usando foto e video, sia già presenti in galleria che da scattare/registrare al momento. È gratis, ma su iOS offre acquisti in-app (al costo di 2,29 euro) per sbloccare funzioni aggiuntive.
  • GIPHY CAM (Android/iOS) – app offerta da GIPHY, famosissimo sito per creare GIF e condividere animate, che mette a disposizione dell’utente adesivi, cornici, filtri ecc. per creare GIF totalmente personalizzate. È gratis.
  • Fotor (Android/iOS) –  app molto apprezzata che consente di aggiungere scritte d’ogni sorta alle immagini oltre che di apportare infinite personalizzazioni alle foto. È gratis, ma offre acquisti in-app (a partire da 1,09 euro) per sbloccare contenuti aggiuntivi.
  • Canva (Android/iOS) – applicazione che offre numerose soluzioni per creare immagini con scritte ma anche tanti filtri, effetti, strumenti e modelli tra cui poter scegliere. È gratis, ma offre acquisti in-app (a partire da 1,09 euro) per sbloccare contenuti extra.
  • Infinite Painter (Android/iOS) – app per cimentarsi liberamente con la creazione di immagini e con il disegno che offre oltre 80 pennelli e numerosi strumenti utili allo scopo. È gratis, ma le funzioni extra vanno sbloccate tramite acquisti in-app (a partire da 1,99 euro).
  • Procreate (iOS) – ottima app per creare illustrazioni, disegnare e dipingere con tanti strumenti e funzioni. È solo per iOS e costa 10,99 euro.