Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come ottimizzare Windows 10

di

Dopo aver letto la mia guida su come aggiornare a Windows 10, di recente hai provveduto ad aggiornare il tuo fido computer al più recente sistema operativo di casa Microsoft e per il momento puoi dirti più che soddisfatto. Tuttavia ti piacerebbe poter ottimizzare ancora di più le performance dell’OS in modo tale da poterlo sfruttare a pieno sul tuo PC. A questo proposito, ho un ottima notizia da darti: posso spiegarti io, passo dopo passo, come ottimizzare Windows 10. Leggendo le seguenti righe ed attenendoti alle mie indicazioni potrai infatti scoprire tutto ciò che è possibile fare per cercare di ottenere il meglio dal nuovo sistema operativo sul tuo computer.

Come dici? Non mi credi? Beh, ti sbagli! Ricorrendo all’impiego di alcuni appositi programmi ed utility e disattivando specifiche funzionalità non indispensabili del sistema operativo ottimizzare Windows 10 risulta possibile, eccome. Ovviamente, è bene che tu lo tenga presente, non ti prometto miracoli. Essenzialmente se il tuo computer è “messo male” pur provando ad ottimizzare Windows 10 con le indicazioni che sto per darti potresti non riuscire ad ottenere i risultati sperati. Ad ogni modo, come si suol dire, tentar non nuoce.

Fatta questa doverosa premessa, se sei quindi effettivamente intenzionato a voler ottimizzare Windows 10 ti suggerisco di metterti ben comodo dinanzi al tuo computer, di prenderti qualche minuto di tempo libero e di concentrarti attentamente sulle indicazioni che sto per fornirti. Pronto? Si? Benissimo, allora cominciamo.

Liberare spazio su disco

Screensot di CCleaner su Windows 10

Se desideri ottimizzare Windows 10 la prima cosa che ti invito a fare è provare a liberare eventuale spazio occupato sull’hard disk andando a cancellare i file inutili e gli errori presenti nel registro di sistema.

Per effettuare in modo semplice le operazioni che ti ho appena indicato ti suggerisco di utilizzare il programma CCleaner. Si tratta di uno dei più celebri ed affidabili programmi per la pulizia e la manutenzione dei sistemi operativi Windows (se ben ricordi, te ne ho parlato in maniera approfondita nella mia guida su come scaricare e utilizzare CCleaner). Per scaricare CCleaner sul tuo computer, clicca qui in modo tale da collegarti al sito Internet del programma e poi pigia sulla voce CCleaner.com.

A download completato apri, facendo doppio clic su di esso, il file appena scaricato (ccsetupxx.exe) e, nella finestra che si apre, clicca sul pulsante . A questo punto, scegli l’italiano dal menu a tendina per la selezione della lingua (in alto a destra), togli il segno di spunta dalla voce relativa all’installazione di Google Chrome (o altri software aggiuntivi) e porta a termine il setup calcando prima su Installa e poi su Run CCleaner

Una volta visualizzata la finestra principale del programma, per provare ad ottimizzare Windows 10 andando a liberare spazio sul computer non devi far altro che selezionare gli elementi che desideri rimuovere dal computer utilizzando le opzioni presenti nella barra laterale di sinistra (di default sono già selezionate tutte le principali opzioni su cui il software andrà ad agire) e pigiare poi sul pulsante Avvia pulizia.

Per agire sul registro di sistema e far fronte alle eventuali problematiche ad esso correlate pigia invece sulla scheda Registro e poi clicca prima su Trova problemi e successivamente su Ripara selezionati.

Rimuovere i programmi preinstallati

Screenshot di Should I Remove It?

Un’altra ottima soluzione per provare ad ottimizzare Windows 10 consiste nell’andare a rimuovere tutti i vari ed eventuali programmi preinstallati sul computer dall’azienda produttrice e che quindi potrebbero albergare sulla tua fida postazione multimediale sin dal momento dell’acquisto della stessa. Nello specifico, mi riferisco a versioni di prova di antivirus, programmi multimediali, toolbar aggiuntive per il browser e altri programmi essenzialmente di dubbia utilità.

Per rimuovere tutti questi programmi, ti suggerisco di ricorrere all’impiego di Should I Remove It?. Se non ne hai mai sentito parlare, sappi che si tratta di un’applicazione gratuita che analizza tutti i programmi installati sul computer e segnala all’utente quali si possono e si devono rimuovere perché inutili o addirittura perché considerati pericolosi. Per scaricare Should I Remove It? sul tuo PC, clicca qui in modo tale da collegarti subito al sito Internet del programma dopodiché pigia prima sul pulsante Download (Free!) e poi su Download “Should I Remove It?”.

A download completato apri, facendo doppio clic su di esso, il file appena scaricato e nella finestra che si apre fai clic prima su  e poi su Next. Accetta quindi le condizioni di utilizzo del programma mettendo il segno di spunta accanto alla voce I Accept the terms in the License Agreement e clicca prima su Next per tre volte consecutive, poi su Install e poi Finish per completare il processo d’installazione e per avviare Should I Remove It?.

Nella finestra che a questo punto andrà ad aprirsi sul desktop, individua i programmi che hanno la barra del Removal con la percentuale più alta, vale a dire quelli più inutili e/o pericolosi, e cerca informazioni su di essi cliccando sul pulsante What is it?.

Una volta fatto ciò, si aprirà il sito Internet di Should I Remove It con una descrizione del software selezionato e le ragioni per le quali andrebbe rimosso. Clicca quindi sul pulsante Uninstall per dare il via alla procedura di disinstallazione.

Disattivare gli effettivi visivi e le animazioni

Screenshot di Windows 10

Un’altra ottima soluzione che potrebbe permetterti di ottimizzare Windows 10 consiste nel disabilitare gli effetti visivi e le animazioni del sistema operativo, vale a dire tutta quella serie di elementi “accessori” che rendono si più gradevole alla vista l’esperienza d’uso dell’OS ma che in alcuni casi vanno a rallentare, e non poco, l’utilizzo di Windows.

Per disabilitare gli effetti visivi e le animazioni su Windows 10, accedi a Esplora file pigiando sull’icona raffigurante una cartella gialla annessa alla barra delle applicazioni dopodiché clicca con il tasto destro del mouse sull’icona Questo PC che si trova nella barra laterale di sinistra e seleziona la voce Proprietà dal menu che ti viene mostrato.

Nella finestra che si apre, clicca sulla voce Impostazioni di sistema avanzate presente nella barra laterale di sinistra, recati nella scheda Avanzate e poi clicca sul pulsante Impostazioni… relativo alla sezione Prestazioni.

Adesso metti il segno di spunta accanto alla voce Regola in modo da ottenere le prestazioni migliori e fai clic prima su Applica e poi su OK per disabilitare tutti gli effetti visi di Windows 10. Se non preferisci il vecchio stile grigio delle finestre di Windows, puoi lasciare la spunta accanto alla voce Utilizza stili di visualizzazione per finestre e pulsanti.

Disattivare i software inutili all’avvio

Come ottimizzare Windows 10

Un ulteriore ottimo sistema per ottimizzare Windows 10 che può tornare particolarmente utile qualora stessi riscontrando un eccessiva lentezza nell’uso del computer consiste nel disabilitare i software inutili che si avviano in automatico all’avvio del sistema (e poi rimangono costantemente in esecuzione).

Per far fronte alla cosa, e migliorare sensibilmente le prestazioni del tuo sistema, analizza dunque con attenzione la lista di tutti i programmi impostati per l’avvio automatico sul computer e disattiva quelli che non ritieni strettamente necessari (vale a dire quelli che non devi tenere costantemente in funzione o comunque non ti servono appena accendi il PC).

Pr fare ciò, fai clic destro sulla barra delle applicazioni e seleziona la voce Gestione attività dal menu che compare. Nella finestra che si apre, seleziona la scheda Avvio, clicca sui nomi dei programmi che non vuoi far più partire automaticamente all’avvio di Windows 10 e pigia sul bottone Disabilita collocato in basso a destra.

In linea di massima, ti suggerisco di lasciare attivi solo i processi di sistema (Sistema operativo Microsoft Windows e simili), i software di sicurezza informatica (antivirus, firewall ecc.) e i programmi che sei sicuro di voler avviare ad ogni accesso a Windows. Se hai dei dubbi circa l’identità di un processo, prova a cercarlo su Google.

Deframmentare il disco rigido

Screenshot di Windows 10

Un altro buon sistema per provare ad ottimizzare Windows 10 consiste nell’effettuare la deframmentazione del disco rigido. Qualora non ne fossi a conoscenza, la deframmentazione rappresenta un’operazione di routine fondamentale per mantenere lo stato di forma di un PC. Deframmentare il contenuto di un hard disk consente di “riunire” e riordinare le informazioni che Windows salva in maniera frammentata in parti del disco distanti fra loro. In questo modo, si velocizzano i tempi con i quali il sistema riesce a richiamare i file e i programmi.

Per provare ad ottimizzare Windows 10 mediante deframmentazione, puoi utilizzatore l’utility disponibile “di serie” sul sistema operativo: Deframmenta e ottimizza unità.

Per fare ciò, digita deframmenta nel campo di ricerca collocato sulla barra delle applicazioni, clicca sul primo risultato che ti viene mostrato ed attendi che la finestra dell’utility risulti visibile a schermo.

Nella finestra visualizzata sul desktop troverai un elenco degli hard disk presenti nel PC con due pulsanti in fondo a quest’ultimo: Analizza, che permette di analizzare lo stato del disco, e Ottimizza, che invece lancia direttamente le operazioni di deframmentazione, ottimizzazione TRIM e consolidamento dell’allocazione di memoria per l’unità selezionata. Per deframmentare il tuo PC manualmente devi selezionare l’unità che vuoi sottoporre alla procedura di ottimizzazione (es. C:) e cliccare sul pulsante Ottimizza.

Eventualmente puoi anche cambiare i tempi nei quali Windows 10 deve eseguire l’ottimizzazione automatica dei dischi. Per fare ciò, clicca sul pulsante Modifica impostazioni e, nella finestra che si apre, utilizza il menu a tendina Esegui in base a una pianificazione per impostare la deframmentazione ogni settimana (impostazione predefinita), ogni giorno oppure ogni mese. Personalmente ti suggerisco di lasciare l’impostazione attiva sul piano settimanale, in questo modo Windows si occuperà di ottimizzare automaticamente i dischi in base alla loro tipologia una volta alla settimana sfruttando i momenti di inattività del PC.

Ripristinare il computer

Come ottimizzare Windows 10

Nello sfortunato caso in cui l’utilizzo dei software che ti ho consigliato nelle righe precedenti e la messa in atto degli stratagemmi indicati non avessero sortito alcun effetto, ti invito a non gettare ancora la spugna ed a provare ad ottimizzare Windows 10 riportando lo stato del sistema alle impostazioni di fabbrica sfruttando l’apposita funzione di ripristino presente nell’OS (se ben ricordi, te ne ho parlato in maniera dettagliata nel mio tutorial su come formattare Windows 10).

Per provare ad ottimizzare Windows 10 andando a ripristinare il computer, pigia sul campo di ricerca annesso alla barra delle applicazioni e digita impostazioni dopodiché premi sul primo risultato visualizzato.

Nella nuova finestra che a questo punto andrà ad aprirsi, clicca su Aggiornamento e sicurezza, pigia sulla voce Ripristino collocata nella barra laterale di sinistra e poi fai clic sul pulsante Per iniziare collocato in corrispondenza della sezione Reimposta il PC.

Scegli quindi l’opzione Mantieni i miei file, se è tua intenzione formattare Windows 10 andando a rimuovere le app e le impostazioni ma continuando a mantenere i tuoi file personali (foto, documenti di testo, ecc.), oppure scegli l’opzione Rimuovi tutto, se desideri rimuovere qualsiasi cosa risulti archiviata sul tuo computer. Su alcuni PC, generalmente i portatili, puoi inoltre trovare l’opzione Ripristinare le impostazioni predefinite che consente di riportare il computer allo stato di fabbrica, vale a dire con gli stessi programmi, servizi ecc. che avevi trovato sullo stesso al momento dell’acquisto.

A questo punto, se hai selezionato l’opzione Mantieni i miei file attieniti all’apposita procedura guidata visibile a schermo pigiando sempre sul pulsante Avanti ed attendendo che la formattazione del sistema operativo venga avviata e completata. In caso di ripensamenti, pigia sul pulsante Annulla.

Se invece hai scelto l’opzione Rimuovi tutto, indica nella finestra che successivamente ti viene mostrata a schermo se desideri rimuovere soltanto i tuoi file personali oppure se intendi pulire anche l’unità. Nel primo caso, pigia su Rimuovi solo i miei file personali mentre nel secondo caso fai clic su Rimuovi i file e pulisci l’unità.