Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come scoprire password WiFi altrui

di

Quello della sicurezza delle reti wireless è un tema sempre caldo e molto dibattuto. Cercare infatti di preservare il più possibile gli accessi indesiderati alla propria rete senza fili è la prima regola d’oro per evitare che eventuali malintenzionati possano approfittarsi della cosa mettendo a rischio gli altri dispositivi collegati o, molo più semplicemente, sfruttando la connessione ad Internet senza chiedere il permesse al legittimo proprietario della stessa.

Tu, che hai già letto molti miei tutorial sull’argomento, sei ben cosciente della cosa e proprio per questo hai deciso di dare una mano al tuo vicino di casa in modo tale da permettergli di scoprire se la sua rete è realmente protetta al punto giusto oppure no. Insieme, avete dunque deciso di effettuare tutta una serie di test per scoprire password WiFi altrui. Per riuscirci, hai deciso di affidarti alle indicazioni di questo mio articolo e, inutile dirlo, hai fatto davvero bene. Nelle righe successive andrò infatti ad indicarti alcune delle operazioni di base che i malintenzionati potrebbero compiere per tentare di scovare le password delle reti wireless protette.

A prescindere da quello che sarà l’esito del test, per completezza d’informazione a fine articolo sarà altresì mia premura fornirti alcuni semplici consigli che sia tu che il tuo amico potete prendere in considerazione per proteggere al massimo la vostra rete senza fili dalle “grinfie” di utenti tutt’altro che desiderosi di fare dei semplici esperimenti. Ora però basa chiacchierare e mettiamoci all’opera. Ti auguro, come mio solito, buona lettura.

Attenzione: Accedere senza permesso alle reti wireless altrui equivale a commettere una gravissima violazione della privacy. Le indicazioni contenute in questa guida sono da intendersi a mero scopo informativo. Non è assolutamente mia intenzione incentivare attività potenzialmente illegali per cui non mi assumo alcuna responsabilità circa l’uso che potrebbe essere fatto di esse.

Indice

Alcune precisazioni

Foto che mostra un modem WiFi

Prima di indicarti quali sono le tecniche che puoi sfruttare a tuo favore per testare la rete wireless in modo tale da scoprire password WiFi altrui mi sembra doveroso fare alcune fondamentali precisazioni riguardo le effettive possibilità di riuscita della cosa.

Partendo dal presupposto fondamentale che purtroppo le reti senza fili sono si violabili ma che per fortuna se la connessione presa di mira è ben protetta (per maggiori dettagli al riguardo puoi fare riferimento all’ultimo passo di questa guida) non bastano certo qualche clic (o tap) ed un pizzico di fortuna per riuscirci, oggigiorno l’unico vero tallone d’Achille è rappresentano dal WPS, vale a dire la possibilità di premere un bottoncino sul modem/router per collegarsi senza inserire nessuna parola chiave.

Se infatti questo meccanismo viene lasciato attivo sul modem/router, è possibile sfruttare le comunicazioni tra il dispositivo in questione e la macchina che cerca di collegarsi e tentare di rubare password della rete di riferimento inviando a ripetizione delle possibili chiavi d’accesso finché non viene trovata quella giusta, degli attacchi bruteforce insomma. È dunque proprio per questo che generalmente i produttori di modem/router lasciano spento il WPS per impostazione predefinita.

Tenendo conto delle ragioni di cui sopra, allo stato attuale delle cose risulta dunque molto più semplice scoprire le password delle reti WiFi altrui se a queste ultime ci si è già collegati almeno una volta da computer o da mobile, non fa differenza.

Tramite Windows

Screenshot di Windows

In riferimento a quanto detto nel passo precedente, se stai usando un PC con su installata una versione di Windows di vecchio corso (Windows 7 o versioni precedenti) e se ti sei collegato almeno una volta alla rete senza fili altrui di cui è tua intenzione scoprire la password, puoi riuscire nel tuo intento semplicemente affidandoti agli strumenti annessi allo stesso sistema operativo.

Più precisamente, devi cliccare sull’icona di rete (quella con le tacchette del WiFi) che sta nell’area di notifica, accanto all’orologio di Windows, e devi poi fare clic destro sul nome della connessione di tuo interesse dal menu che appare.

Seleziona dunque la voce Proprietà e nella finestra che compare sul desktop clicca sulla scheda Sicurezza. Spunta poi la casella accanto a Mostra caratteri ed in corrispondenza del campo Chiave di sicurezza di rete vedrai apparire la password della rete WiFi.

Quello che stai utilizzando è un PC con su installata una versione di Windows più recente (Windows 8/8.x o Windows 10)? Allora fai clic destro sull’icona di rete (sempre quella con le tacchette del WiFi) acanto all’orologio di sistema, nell’area di notifica, dopodiché seleziona Apri centro connessioni di rete e condivisioni dal menu che compare. 

Nella finestra che vedrai poi apparire sul desktop, fai clic sul nome della rete senza fili di tuo interesse che sta sotto la voce Internet e pigia sul bottone Dettagli. Clicca dunque sulla scheda Sicurezza e potrai finalmente visualizzare la password della connessone di riferimento in corrispondenza della dicitura Chiave di sicurezza di rete. Se la password risulta essere coperta da dei pallini, spunta l’opzione Mostra caratteri per visualizzarla.

Tramite Mac

Come scoprire password WiFi altrui

Stai usando un Mac? Anche in tal caso ti propongo la mesa in atto di una pratica per scoprire la password del WiFi altrui che però si rivela utile solo se ti sei collegato almeno una volta alla rete wireless in questione.

Tutto ciò che devi fare è avviare l’applicazione Accesso Portachiavi, che è disponibile “di serie” su macOS e mediante cui è possibile archiviare le password dell’utente e le informazioni degli account. Per riuscirci, pigia sulla relativa icona annessa alla cartella Altro del Launchpad (altrimenti richiamala tramite SpotlightSiri o accedendo alla cartella Applicazioni > Utility). Nella finestra che apparirà sulla scrivania clicca su Sistema e Password nella barra laterale di sinistra e poi fai doppio clic sul nome della rete wireless di riferimento.

Nella nuova finestra che si è aperta, spunta la casella relativa alla voce Mostra la password, inserisci la password del tuo account utente su macOS e premi su OK. Se richiesto, digita nuovamente nome utente e password di macOS e pigia su Consenti. Fatta anche questa, vedrai finalmente apparire la password in corrispondenza del campo Mostra la password

Tramite Linux

Kali Linux

Anche per quel che concerne il versante Linux sono disponibili delle risorse utili per scoprire la password del WiFi altrui. Più precisamente, per riuscirci ci si può affidare a Kali Linux, una distro Linux gratuita ed in lingua italiana che mette a disposizione dei suoi utilizzatori numerosi strumenti per monitorare e violare le reti wireless mediane l’impiego di algoritmi di cifratura avanzati. Si può installare direttamene sul computer come qualsiasi altro sistema operativo, si può usare in versione live da DVD o pendrive o, ancora, mediante macchina virtuale.

Per effettuarne il download occorre collegarsi al sito Internet del progetto, selezionare la versione desiderata dalla tabella sottostate la voce Download Kali Linux Images e scegliere se eseguire lo scaricamento della relativa immagine ISO via browser (HTTP) o mediante file torrent (Torrent).

Per quel che concerne l’utilizzo, non è cosa molto semplice, questo va detto, in quanto tutte (o quasi) le operazioni utili allo scopo vanno eseguite da riga di comando ma con la giusta dose di impegno, di studio e di pratica nulla è impossibile. Ovviamente, considerando la già accennata complessità di impiego dello strumento oltre che la sua utilità non esattamente, per così dire, ortodossa, non starò qui a spiegarti come funziona.

Se però sei interessato alla cosa, puoi fare per tuo conto delle ricerche in rete, ad esempio tramite Google, e consultare i vari tutorial sull’argomento (perlopiù pubblicati su portali stranieri ed in lingua inglese).

App per scoprire password WiFi altrui

Come scoprire password WiFi altrui

Scoprire la password WiFi altrui può essere cosa fattibile anche da smartphone e tablet. In che modo? Utilizzando alcune apposite applicazioni disponibili per Android, per iOS e per Windows Mobile utili, appunto, per testare il grado di sicurezza della rete di riferimento sfruttando la tecnologia WPS o fornendo alcune password di default per i modem/router distribuiti direttamente dai vari gestori telefonici. Eccole.

  • WPSApp (Android) – App che, mediante l’impiego di diversi algoritmi, consente di testare il grado di sicurezza di una data rete wireless sfruttando il protocollo WPS. Gratis (ma eventualmente è disponibile in una variante a pagamento senza annunci).
  • WiFi Key Recovery (Android) – App che permette di visualizzare l’elenco completo delle reti (e delle relative password in chiaro) alle quali ci si è connessi con il dispositivo. Gratis.
  • Wifi-Pass (iOS) – Si tratta di un’applicazione che permette d calcolare la password WPA della rete wireless generata di default dai modem/router Alice e Fastweb. Gratis.
  • Wifi Password (Windows Mobile) – Applicazione che permette di individuare le password predefinite delle reti generate dai modem/router Alcatel\Thomson.

Se pensi di aver bisogno di maggiori dettagli riguardo il funzionamento delle app di cui sopra, puoi leggere il mio articolo sulle applicazioni per scoprire password WiFi mediante cui, appunto, ho affrontato la questione con dovizia di particolari concentrandomi in via specifica sulle risorse per Android e per iOS.

Consigli utili per proteggere le reti WiFi

Come cambiare password WiFi

Per concludere, come ti dicevo ad inizio articolo, desidero fornirti alcuni consigli che spero vivamente possano tornare utili a te o al tuo vicino per evitare che qualcun altro possa scoprire la password della vostra rete senza fili. Chiariamoci subito: come ti ho già spiegato ad inizio guida non è propriamente cosa semplice ma considerando che prevenire è sempre meglio che curare e che la prudenza non è mai troppa, io ti suggeriti di tenerli presente. Nulla di complesso comunque, non temere.

  • Usa la cifratura WPA2-AES – Allo stato attuale il WPA2-AES rappresenta lo standard più sicuro di tutti. Qualora però dovessi andare incontro a problemi di connettività su alcuni tuoi dispositivi, puoi adottare l’algoritmo WPA/WPA2 – TKIP/AES. Per maggiori info, puoi consultare il mio tutorial su come impostare password WiFi.
  • Usa una password sicura – Modifica sempre la password predefinita della rete wireless generata dal tuo modem/router. Una password “robusta” è costituta da almeno 12-16 caratteri. Inoltre, non deve avere senso compiuto e deve essere alfanumerica. Per maggiori info, puoi consultare il mio tutorial su come fare una password sicura.
  • Modifica la combinazione username/password – Tutti i modem/router usando una combinazione di nome utente e password predefinita tramite cui è possibile accedere al relativo pannello delle impostazioni. Io ti suggerisco di modificarla e di impostarne una personalizzata per evitare che i malintenzionati possano recuperar le credenziali con facilità. Per maggiori info, puoi consultare il mio tutorial su come cambiare la password del modem.
  • Disattiva il WPS – Come detto ad inizio articolo, questa funzione, per quanto comoda possa risultare, presenta delle falle di sicurezza che i malintenzionati potrebbero sfruttare per accedere alla rete di riferimento. Puoi disabilitare la funzione mediante la sezione del pannello di gestione del modem relativa all’amministrazione. Per maggiori info, puoi consultare il mio tutorial su come accedere al modem.
  • Abilita il firewall – Abilitare il firewall del modem/router è cosa raccomandabile per evitare connessioni indesiderate. Per maggiori info può tornarti utile il mio post su come disattivare firewall mediante il quale ti ho spiegato come disattivarlo ma anche su quali impostazioni agire quando attivi.

Purtroppo, per quel che concerne le indicazioni specifiche su come intervenire sulle impostazioni del modem/router impiegato, non posso fornirti indicazioni esatte poiché non sono a conoscenza della marca e del modello precisi del tuo dispositivo che potrebbe dunque presentare un pannello di gestitone differente da quello di un altro. Se però ritieni di aver bisogno di maggiori spiegazioni, puoi affidarti alle mie guide specifiche, quelle che trovi indicate qui di seguito.