Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come trasferire foto da WhatsApp a PC

di

La memoria del tuo telefono inizia a scarseggiare e, dopo un’attenta analisi, ti sei reso conto di avere un’infinità di immagini ricevute tramite WhatsApp, la maggior parte delle quali non ti sono più utili: prima di eliminarle tutte, però, vorresti conservare sul computer quelle a cui più sei affezionato, tuttavia non hai mai compiuto quest’operazione prima d’ora e proprio non sai come fare.

Come dici? Ho centrato esattamente la tua problematica? Perfetto, allora credo proprio di poterti aiutare: in questa guida, infatti, intendo spiegarti con dovizia di particolari come trasferire foto da WhatsApp a PC utilizzando delle tecniche efficaci e che richiedono strumenti totalmente gratuiti. Dunque, non temere se non sei molto ferrato in ambito tecnologico, non ne hai motivo: i passaggi che mi appresto a suggerirti possono essere messi in pratica da tutti, anche da chi, come te, non ha molta dimestichezza con l’uso del computer (e/o dello smartphone).

Dunque, senza esitare un attimo di più, ritaglia un po’ di tempo libero tutto per te e leggi con molta attenzione quanto ho da dirti sull’argomento: sono sicuro che, al termine di questa lettura, sarai perfettamente in grado di scegliere (e, ovviamente, applicare) il metodo che più si adatta a quelle che sono le tue esigenze. Detto ciò, non mi resta altro da fare se non augurarti buona lettura e buon divertimento!

Indice

Come trasferire foto WhatsApp da Android a PC

Le procedure per spostare le foto da WhatsApp per Android al computer sono davvero tante: fortunatamente, però, i passaggi necessari per portarle a termine sono semplici e alla portata di tutti! Di seguito ti illustro quelli che, a mio avviso, sono i metodi più immediati per creare una copia delle immagini ricevute tramite la celebre app di messaggistica e trasferirle sul computer: sta a te scegliere quello più adatto alle tue esigenze!

WhatsApp Web

La tecnica più semplice per trasferire foto WhatsApp da Android a PC consiste nell’impiego di WhatsApp Web: se non ne avessi mai sentito parlare, si tratta di una versione di WhatsApp accessibile tramite qualsiasi browser per computer, utilizzabile a patto che il dispositivo “originale” su cui è installata l’app sia acceso e collegato a Internet.

Per servirtene, collegati a questo sito Internet e, se non l’hai già fatto prima, effettua l’associazione all’app installata sul dispositivo, scansionando il codice QR che compare sulla pagina: per compiere quest’operazione, avvia l’app di WhatsApp su Android, accedi alla sezione Chat, pigia sul pulsante (⋮) collocato in alto a destra e scegli la voce WhatsApp Web dal menu che compare.

Giunto alla schermata successiva, pigia sul pulsante (+) situato in alto e inquadra il QR Code presente nella pagina di WhatsApp Web che avevi aperto in precedenza sul computer: dopo qualche istante, l’associazione dovrebbe essere finalizzata e dovresti poter vedere le tue chat direttamente nel browser.

Quando ciò accade, spostati sul PC, accedi alla chat da cui intendi recuperare l’immagine di tuo interesse, cercala tra i messaggi e sposta il mouse sulla relativa anteprima, finché non vedi comparire una freccia angolare rivolta verso il basso su uno dei bordi del “fumetto”. Per concludere, fai clic sulla freccia angolare, seleziona la voce Scarica dal menu che compare e indica la cartella in cui salvare la foto, avvalendoti del pannello che compare successivamente. Ripeti quest’operazione per tutte le foto che intendi scaricare e il gioco è fatto.

Oltre che su WhatsApp Web, la stessa tecnica può essere utilizzata anche nel client di WhatsApp per Windows o macOS, una “variante ufficiale” di WhatsApp che può essere usata esattamente come fosse un programma per computer (dunque con supporto alle notifiche, integrazione nel sistema operativo e così via): te ne ho parlato nel dettaglio all’interno della mia guida specifica sull’argomento.

Google Foto

Un’altra ottima tecnica per copiare le foto di WhatsApp da un dispositivo Android al computer prevede l’utilizzo di Google Foto, l’app di Google dedicata alla gestione e all’organizzazione delle immagini, con annesso servizio cloud gratuito. L’app in questione è preinstallata sulla maggior parte dei moderni dispositivi Android: se non dovesse essere presente su quello che sei solito usare, puoi scaricarla liberamente dal Play Store.

Una volta avviata l’app in questione, procedi con la configurazione iniziale e rispondi affermativamente alla richiesta di salvataggio automatico delle foto sul cloud in alta qualità (in questo modo, puoi servirti dello spazio cloud messo a disposizione gratuitamente da “big G”).

Come dici? Google Foto è già presente sul tuo device ma non ricordi se avevi attivato la sincronizzazione automatica con il cloud? Nessun problema: dopo aver aperto l’app, effettua uno swipe da sinistra verso destra per richiamare il menu principale, dunque, tocca le voci Impostazioni Backup e sincronizzazione. Fatto ciò, attiva la levetta accanto alla dicitura Backup e sincronizzazione e imposta il menu Dimensioni caricamento sulla voce Alta qualità (spazio di archiviazione gratuito illimitato); se lo desideri, intervieni sulle restanti voci per definire se le foto debbano essere o meno caricate tramite rete dati e/o roaming.

Ad ogni modo, sebbene le immagini di WhatsApp vengano salvate automaticamente nella cartella WhatsApp Images di Android, è necessario abilitare manualmente la sincronizzazione della cartella dedicata, disattivata per impostazione predefinita: per farlo, accedi nuovamente alla sezione Impostazioni > Backup e sincronizzazione di Google Foto, tocca la voce Cartelle del dispositivo sottoposte a backup e sposta su ON l’interruttore corrispondente alla cartella WhatsApp Images (o a qualsiasi altra cartella tu voglia sincronizzare).

Assicurati, dunque, di essere collegato a Internet tramite Wi-Fi (se non hai attivato il trasferimento da rete dati) e attendi alcuni minuti affinché le immagini vengano caricate in cloud: a sincronizzazione completata, il simbolo a forma di nuvola sbarrata viene sostituito dal simbolo a forma di nuvola con segno di spunta.

Una volta completato il trasferimento, puoi recuperare comodamente le immagini salvate in precedenza collegandoti al sito Internet di Google Foto: clicca sul bottone Vai a Google Foto, effettua l’accesso utilizzando lo stesso account Google configurato nel dispositivo in tuo possesso (se non ricordi più la password, puoi recuperarla seguendo queste istruzioni), clicca sul pulsante  collocato in alto a sinistra e scegli la voce Album dal menu che compare. Infine, clicca sull’album WhatsApp Images e agisci in base all’operazione che intendi compiere: se vuoi scaricare tutte le foto in una sola volta (sotto forma di archivio .zip), pigia il pulsante (⋮) collocato nell’angolo in basso a destra e seleziona la voce Scarica tutto dal menu che compare.

Se, invece, vuoi copiare le immagini in modo selettivo, sposta il mouse sulla foto di tuo interesse e premi sull’icona a forma di spunta che compare in cima alla foto; se lo desideri, effettua la medesima operazione con le altre foto che intendi scaricare (oppure effettua una selezione multipla premendo il tasto Shift/Maiuscole). Quando hai finito, clicca sul pulsante (⋮) collocato in alto a destra e scegli l’opzione Scarica dal menu che compare.

Esplora File (Windows)

Se hai a disposizione il cavo USB ricevuto in dotazione con il tuo smartphone e hai un PC equipaggiato con il sistema operativo Windows, puoi trasferire le foto dal telefono al computer in modo semplicissimo accedendo direttamente alla memoria di Android tramite Esplora File, il programma incluso “di serie” nei sistemi operativi Microsoft e dedito alla gestione e alla visualizzazione di file e cartelle.

In che modo? Semplicissimo: per prima cosa, collega al telefono l’estremità microUSB/USB-C del cavo e collega l’uscita USB “regolare” del cavo all’apposita porta del computer; fatto ciò, attendi qualche secondo affinché il computer riconosca correttamente il telefono (o il tablet), spostati su Android e pigia sul fumetto indicante che il Dispositivo è in carica tramite USB per accedere alle opzioni di configurazione del collegamento USB. Successivamente, apponi il segno di spunta accanto alla voce Trasferimento di file (o MTP, a seconda della versione di Android a tua disposizione) e aspetta che il device venga riconosciuto nuovamente dal sistema.

Quando ciò accade, avvia una finestra di Esplora File, cliccando sull’icona a forma di cartella gialla collocata nella barra delle applicazioni di Windows oppure aprendo una qualsiasi cartella del computer, dopodiché pigia sulla voce Questo PC/Computer residente nella barra di sinistra, fai doppio clic sull’icona relativa al telefono collegato (ad es. Mi A1), poi su Memoria condivisa interna/Memoria interna/Internal storage (o Scheda SD/SD Card, a seconda di dove hai impostato il salvataggio delle immagini) e, infine, sulle cartelle WhatsApp, Media e WhatsApp Images: le foto di WhatsApp sono tutte lì, pronte per essere copiate con il metodo “classico” previsto da Windows.

Android File Transfer (macOS)

In modo analogo a quanto visto per Windows, puoi utilizzare un gestore file per copiare le immagini di WhatsApp da Android anche su Mac. Devo però dirti fin da subito che il Finder, cioè il file manager incluso “di serie” in macOS, non supporta la visualizzazione dei file presenti sui device Android; di conseguenza, si rivela necessario affidarsi a un programma appositamente progettato per lo scopo: Android File Transfer, che è gratuito e permette di accedere alla memoria dei dispositivi Android in pochi clic.

Per scaricarlo sul tuo computer, collegati al sito Internet del programma, pigia sul pulsante Download now e, una volta ottenuto il file, avvialo e trascina la sua icona nella cartella Applicazioni di macOS. Successivamente, collega il dispositivo Android al Mac tramite il cavo in dotazione e impostalo in modalità di trasferimento file USB come ti ho spiegato in precedenza (devi quindi toccare la notifica di Android dedicata alle Opzioni USB e apporre il segno di spunta accanto alla voce Trasferimento di file MTP).

A questo punto, apri la cartella Applicazioni del Mac (puoi farlo rapidamente utilizzando il menu Vai > Applicazioni del Finder), fai clic destro sull’icona Trasferimento File Android e premi per due volte sulla dicitura Apri (operazione necessaria soltanto la prima volta che avvii il programma per bypassare le restrizioni di macOS nei confronti delle applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati). Fatto ciò, pigia sul pulsante Inizia, poi sulle cartelle WhatsAppMedia WhatsApp Images e il gioco è fatto: seleziona le immagini che ti interessano (aiutandoti, se necessario, col tasto cmd) e trascinale direttamente nella cartella più appropriata del tuo Mac. Visto? Non è stato poi così difficile!

Come passare foto da WhatsApp per iPhone a PC

Hai a disposizione un iPhone e non sai come trasferire sul computer le immagini ricevute tramite WhatsApp? Nessun problema, posso aiutarti anche in questo! Nelle righe a venire, ti illustrerò per filo e per segno i migliori metodi per portare a termine questo compito con pochissimo sforzo e in modo molto, molto semplice.

WhatsApp Web

Il metodo più semplice per trasferire foto da WhatsApp a PC, anche per quanto riguarda l’iPhone, prevede l’utilizzo di WhatsApp Web, la versione “browser-based” della celebre app di messaggistica. Come già visto in precedenza, affinché la comunicazione tra telefono e computer vada a buon fine, è necessario che il “melafonino” sia collegato a Internet e che WhatsApp sia installato e configurato correttamente.

Tutto chiaro? Perfetto! Allora, tanto per cominciare, collegati alla pagina Internet di WhatsApp Web e attendi la comparsa del codice QR da utilizzare per l’autenticazione. Quando ciò avviene, prendi l’iPhone, avvia l’app di WhatsApp e tocca l’icona Impostazioni (quella con l’ingranaggio) collocata in basso a destra. Giunto nella schermata successiva, seleziona la voce WhatsApp Web/Desktop, pigia sul pulsante OK. Ho capito. e inquadra il codice QR visualizzato sullo schermo del computer. Se non è la prima volta che abbini WhatsApp a un PC, puoi effettuare una nuova associazione pigiando sulla voce Scannerizza il codice QR.

Una volta completato l’abbinamento tra i due dispositivi, puoi effettuare il download delle immagini di tuo interesse seguendo le stesse istruzioni che ti ho fornito nella sezione relativa ad Android.

iCloud

Un altro metodo per trasferire efficacemente le immagini dall’iPhone al computer prevede l’utilizzo della Libreria Foto di iCloud, lo spazio di archiviazione cloud integrato “di serie” nei sistemi operativi targati Apple (ma disponibile anche per Web e sotto forma di programma per Windows), oppure della funzionalità streaming foto.

Entrambi i servizi permettono di condividere le immagini su più dispositivi, anche se differiscono per alcuni dettagli: Streaming Foto, ad esempio, è pensato per una condivisione “provvisoria” delle immagini (che restano sul server per soli 30 giorni dalla loro creazione, dopodiché vengono eliminate) e prevede la sincronizzazione dei contenuti con i client di iCloud per Windows, Mac (quest’ultimo integrato nel sistema operativo) e altri dispositivi compatibili.

Le foto salvate nella Libreria Foto di iCloud, invece, restano sempre disponibili e possono essere visualizzate e scaricate anche dall’interfaccia Web di iCloud, oltre che dai client per Windows, macOS e altri sistemi compatibili; di questo, però, ti parlerò tra qualche minuto.

Ad ogni modo, prima ancora di andare avanti, verifica che uno dei servizi tra Libreria foto di iCloud il mio streaming foto sia attivo sull’iPhone, seguendo le istruzioni che ti fornisco di seguito.

  • Libreria foto di iCloud – accedi alle Impostazioni del telefono toccando l’apposita icona a forma d’ingranaggio collocata nella schermata home, fai tap sul tuo nome e cognome e poi sulla voce iCloud. Assicurati che, in corrispondenza della voce Foto, sia specificata l’opzione , altrimenti tocca l’apposita opzione e attiva la levetta corrispondente alla voce Foto di iCloud.
  • Il mio streaming foto – accedi alle Impostazioni dell’iPhone, tocca la voce Foto e assicurati che la levetta in corrispondenza della voce Carica nel mio streaming foto sia impostata su ON, altrimenti fallo tu.

Eseguita questa verifica, puoi finalmente passare all’opera e accedere alle foto di WhatsApp utilizzando, a seconda delle tue necessità, il client di iCloud per Windows o macOS, oppure il pannello Web del servizio. Di seguito ti fornisco le istruzioni precise da seguire, in ciascuno di questi casi.

iCloud per Windows

Se utilizzi un PC Windows e non hai già scaricato il client di iCloud su quest’ultimo, collegati a questo sito Web, avvia il file eseguibile scaricato (ad es. iCloudSetup.exe), Accetta i termini dell’accordo di licenza spuntando la relativa casella e pigia sui pulsanti Installa, Fine, per concludere il setup. Riavvia poi il computer, se richiesto.

Al nuovo accesso a Windows, dovrebbe esserti proposto il modulo di autenticazione ad iCloud (se ciò non accade, clicca sull’icona della nuvola azzurra che compare nelle vicinanze dell’orologio di sistema e premi sul pulsante Accedi): immetti, dunque, le credenziali dell’ID Apple che usi sull’iPhone (se non le ricordi più, puoi recuperarle seguendo i passaggi forniti in questa guida) e segui le istruzioni fornite a schermo per completare l’autenticazione a due fattori.

A questo punto, apponi il segno di spunta accanto agli elementi aggiuntivi che intendi sincronizzare (i dati di iCloud Drive o i contatti del “melafonino”, per esempio), clicca poi sul bottone Opzioni… collocato accanto alla voce Foto e apponi il segno di spunta accanto alla voce Libreria foto di iCloud, se intendi sincronizzare i contenuti utilizzando questo servizio, oppure Il mio streaming foto, se desideri scaricare le foto dallo Streaming foto.

Per concludere, indica se caricare o meno le foto del computer utilizzando le caselle proposte, premi sul pulsante Fine e poi sui bottoni Applica Chiudi per terminare la configurazione.

Se tutto è andato per il verso giusto, iCloud dovrebbe avviare immediatamente il download delle foto: per visualizzarle, fai doppio clic sull’icona Questo PC/Computer collocata sul desktop e ripeti l’operazione per le icone iCloud Download: le foto del rullino di iOS (incluse quelle di WhatsApp) sono lì, pronte per essere visualizzate ed eventualmente copiate dove più preferisci!

Nota: in alcuni casi, potresti dover avviare manualmente la sincronizzazione dei file. Per farlo, clicca sull’icona della nuvola azzurra collocata nei pressi dell’orologio (pigia sull’icona a forma di punta di freccia verso l’alto se non la vedi subito) e premi il pulsante Scarica foto dal piccolo pannello proposto.

iCloud per Mac

Se è tua intenzione scaricare le foto di WhatsApp sul Mac utilizzando la Libreria Foto o lo streaming foto, non hai bisogno di effettuare il download del programma dedicato, poiché esso è incluso “di serie” in macOS. Ciò che devi fare, però, è controllare che il servizio iCloud sia correttamente configurato nel sistema operativo: per procedere, accedi alle Preferenze di sistema, cliccando sull’icona a forma d’ingranaggio annessa alla barra Dock,e pigia sull’icona di iCloud collocata nella schermata che va ad aprirsi.

Successivamente, clicca sul pulsante Opzioni… residente accanto alla voce Foto e verifica la presenza dei segni di spunta accanto alla voce Foto iCloud (oppure Il mio streaming foto, a seconda del servizio che preferisci usare): se non ci sono, abbi cura di apporli e di confermare il tutto inserendo, quando richiesto, la password di amministrazione del Mac.

Nota: se non avessi ancora provveduto a configurare un account iCloud, segui la procedura proposta a schermo e autenticati utilizzando lo stesso ID Apple usato per l’iPhone.

Il gioco è praticamente fatto: non ti resta altro da fare che aprire il programma Foto di macOS (l’icona a forma di fiore colorato annessa alla barra Dock) e recarti nella voce I miei album > WhatsApp (oppure I miei album > Il mio streaming foto).

Per scaricare una foto, non devi far altro che “prenderla” con il mouse (aiutandoti eventualmente con i tasti ctrl o Maiuscole per effettuare una selezione multipla) e trascinarla nella cartella più appropriata del Mac. Per informazioni aggiuntive riguardo l’utilizzo di iCloud, ti invito a leggere con attenzione il mio tutorial specifico sull’argomento.

Esplora File (Windows)

Se hai a disposizione il cavo USB/Lightning e un computer dotato di Windows, puoi accedere alle foto di WhatsApp salvate su iPhone avvalendoti di Esplora File, il gestore integrato di default nel sistema operativo. Affinché la comunicazione vada a buon fine, però, è necessario che iTunes sia installato sul PC e che quest’ultimo sia stato preventivamente autorizzato alla comunicazione con il “melafonino”.

Se non l’hai già fatto, procedi per prima cosa a installare iTunes seguendo le istruzioni che ti ho fornito in questa guida, avvia il programma e collega il “melafonino” al computer avvalendoti dell’apposito cavo: fatto ciò, premi sul pulsante Continua che compare sullo schermo del PC, tocca la voce Autorizza visualizzata, invece, sullo schermo dell’iPhone e finalizza l’abbinamento indicando il codice di sblocco del telefono, quando richiesto. Una volta completata l’associazione, puoi tranquillamente chiudere il programma.

Per accedere alle foto di WhatsApp tramite Esplora File procedi nel seguente modo: collega (se non lo avevi già fatto) l’iPhone al computer attraverso l’apposito cavo, sblocca il “melafonino” per poter usare il cavo USB e, quando Windows termina il riconoscimento del nuovo dispositivo, apri Esplora File (l’icona a forma di cartella gialla collocata nella barra delle applicazioni, oppure l’icona Questo PC collocata sul desktop) e clicca sulla voce Apple iPhone collocata nella barra di sinistra, sotto la sezione Questo PC (se fosse “chiusa”, puoi espanderla premendo il pulsantino collocato in sua corrispondenza).

Il gioco è praticamente fatto: fai doppio clic sulle icone Internal Storage, DCIM e 100Apple per accedere alla galleria di sistema, che comprende anche le foto di WhatsApp. Come dici? Non riesci a distinguerle dalle altre a colpo d’occhio? Voglio darti una dritta: solitamente, le fotografie acquisite tramite la fotocamera di sistema hanno un nome simile a IMG_XXYY, dove XXYY è un numero casuale. I nomi delle foto provenienti da WhatsApp, invece, sono differenti: solitamente, essi iniziano con una sequenza di quattro o cinque lettere e terminano con una successione di quattro cifre (per esempio FOLY1029).

Foto (macOS)

Un altro ottimo metodo per trasferire le foto da WhatsApp per iPhone al computer è utilizzare il programma Foto, installato “di serie” sui sistemi operativi dei Mac. Per servirtene, collega l’iPhone al Mac utilizzando il cavo in dotazione e apri l’applicazione Foto: se è la prima volta che lo fai, segui le istruzioni mostrate a schermo per autorizzare la comunicazione tra il computer e il telefono (iTunes dovrebbe aprirsi in automatico per portare a termine la procedura).

Fatto ciò, ritorna in Foto e fai clic sulla voce iPhone di [tuo nome], collocata nella parte sinistra della finestra: dopo qualche istante, l’intero rullino di iOS, con incluse le foto di WhatsApp, dovrebbe comparire all’interno della finestra del programma. A questo punto, seleziona le immagini che intendi trasferire, scegli la posizione in cui spostarle avvalendoti del menu a tendina Importa in e premi sul pulsante Importa X elementi, collocato in alto, per avviare la procedura di copia.

AirDrop (macOS)

Infine, l’ultimo metodo (ma non per questo meno utile) che ho da proporti per spostare le foto da WhatsApp per iPhone al Mac è quello di servirti di AirDrop, il servizio di condivisione progettato da Apple per spostare facilmente file tra la maggior parte dei dispositivi da essa prodotti, come iPhone, iPad e Mac: esso è compatibile con iPhone 5 e successivi, con quasi tutti i Mac prodotti successivamente al 2008 e utilizza, per il suo funzionamento, le tecnologie Bluetooth Wi-Fi.

Per sfruttarlo, devi innanzitutto attivare la ricezione dei file sul Mac: per farlo, accedi al menu Vai > AirDrop richiamandolo dal pannello superiore di macOS e attendi che la finestra del Finder venga mostrata a schermo. Laddove il Bluetooth e il Wi-Fi non fossero attivi, utilizza l’apposito pulsante per attivare tali connessioni.

A questo punto, intervieni sul menu Consenti di trovarmi a per decidere se ricevere file da tutti o dai soli contatti conosciuti: se utilizzi lo stesso ID Apple sia sul telefono che sul Mac, quest’ultima opzione va più che bene.

Successivamente, avvia l’app di WhatsApp sull’iPhone, seleziona la chat che contiene l’immagine di tuo interesse, aprila e pigia sull’icona della condivisione (a forma di quadrato con freccia verso l’alto). Per concludere, seleziona il Mac dalla sezione AirDrop per inviare immediatamente il file, che verrà salvato in automatico nella galleria Foto del computer. Se hai bisogno di aiuto aggiuntivo, ti invito a leggere il mio tutorial specifico su come funziona AirDrop.

Altri sistemi per trasferire immagini da WhatsApp a PC

Quelli che ti ho elencato nel corso di questa guida sono soltanto alcuni dei metodi per trasferire foto da WhatsApp a PC ma, come ti ho già anticipato in precedenza, non sono gli unici: con un pizzico di fantasia e i giusti strumenti, puoi trasferire singole foto da WhatsApp al computer in modo semplicissimo e senza perdere tempo prezioso. Di seguito ti elenco qualche “trucco” che potrebbe tornarti utile.

  • Send Anywhere e AirDroid – si tratta di app che, in poco tempo, permettono di spostare immagini (e qualsiasi altro tipo di file) da un device all’altro. Entrambe si integrano nel menu di condivisione di sistema. Te ne ho parlato nel dettaglio nella mia guida su come trasferire file da Android, anche se in realtà funzionano anche con iPhone.
  • Email – dopo aver aperto un’immagine su WhatsApp, puoi allegarla in un messaggio di posta elettronica utilizzando la condivisione di sistema. Un’idea sarebbe quella di auto-inviarti un’email e aprirla poi dal computer: è sufficiente scaricare l’allegato per ottenere la foto da te desiderata!
  • Bluetooth – se il tuo computer è dotato di Bluetooth, puoi sfruttare questa tecnologia per inviarti le foto di WhatsApp. Tieni però presente che, in questo caso, i file potrebbero essere spostati a velocità tutt’altro che elevata. Per ulteriori informazioni, ti invito a consultare la mia guida dedicata.

In caso di problemi

Come dici? Non riesci più a trovare le foto che volevi trasferire sul computer? Lascia che ti dia un paio di consigli per riuscire a risolvere questo fastidioso problema. Innanzitutto, se stai usando Android, verifica che le immagini non siano state spostate sulla microSD (o sulla memoria interna): per farlo, scarica un gestore file gratuito (ad es. File Manager+), avvialo e, dopo avergli concesso i permessi d’accesso necessari, naviga tra le cartelle del dispositivo alla ricerca della cartella Media di WhatsApp. Le foto di tuo interesse dovrebbero essere lì, pronte per essere spostate con alcuni dei metodi che ti ho suggerito nel corso di questa guida.

Se, invece, hai il sospetto che le immagini non siano state scaricate affatto (perché avevi seguito il mio tutorial per non salvarle nella memoria del dispositivo, vista la scarsa quantità di spazio a tua disposizione), recati nella conversazione WhatsApp che le contiene e, una volta identificate, premi sull’icona a forma di freccia verso il basso per scaricarle immediatamente. Segui poi la procedura più adatta al tuo caso (WhatsApp Web potrebbe essere un’idea) per trasferirle sul computer.

Infine, se hai il sospetto che qualche app di “pulizia automatica” sia già intervenuta sulle foto, eliminandone tutte o cancellando alcune di esse, puoi tentare di recuperarle utilizzando uno dei metodi che ti ho suggerito nel mio tutorial su come recuperare foto da WhatsApp o, se non riesci, potresti servirti degli strumenti suggeriti nei miei tutorial su come recuperare foto da Android e come recuperare foto cancellate da iPhone: purtroppo non posso garantirti un margine di successo del 100% ma, in questo caso, vale certamente la pena tentare!