Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come aprire un negozio online

di

Di recente hai deciso di espandere la tua attività commerciale e di renderla più moderna con la realizzazione di uno store online: per questo motivo ti stai chiedendo come aprire un negozio online e ti piacerebbe avere una mano nel completamento di questa procedura. Nessun problema, eccomi qui pronto a fornirti tutte le spiegazioni necessarie all’apertura di un e-shop.

Le soluzioni che ho in mente sono numerose, in quanto voglio consigliarti piattaforme con caratteristiche differenti tra loro, in modo che tu possa individuare facilmente quella più adatta alle tue necessità. Ti assicuro che anche se non hai conoscenze particolarmente avanzato nell’ambito della programmazione Web, riuscirai a ottenere risultati apprezzabili e ad aprire un tuo negozio online con il quale raggiungere un ampio numero di clienti.

Che ne dici allora, sei pronto per cominciare? Sì? Benissimo! A questo punto, non ti resta che metterti seduto comodo; prenditi qualche minuto di tempo libero e leggi con attenzione le indicazioni che sto per fornirti; vedrai che aprire un negozio su Internet sarà più semplice di quanto avevi previsto. Scommettiamo? Ti auguro una buona lettura e buon “lavoro”.

Indice

WooCommerce

Hosting WooCommerce Gestito di Aruba

WordPress non credo abbia bisogno di presentazioni: è uno dei CMS più usati al mondo per la realizzazione di blog e siti Web. Quello che non tutti sanno, però, è che può essere utilizzato anche per la realizzazione di negozi online.

Grazie ad alcuni plugin, come WooCommerce, è infatti possibile trasformare WordPress in una piattaforma e-commerce, semplice da usare ma completa, per la realizzazione di negozi online professionali adatti a tutti i volumi di affari.

Mi chiedi come sfruttare una soluzione di questo genere? Beh, puoi acquistare uno spazio Web e un dominio e provvedere tu all’installazione manuale di WordPress e WooCommerce oppure, se vuoi semplificarti la vita, puoi rivolgerti a delle soluzioni all-in-one che propongono hosting, dominio e un’installazione di WordPress e WooCommerce pronta all’uso.

Tra le soluzioni di questo tipo, ti segnalo l’Hosting WooCommerce Gestito di Aruba che comprende un’installazione di WordPress e WooCommerce pronta all’uso, la registrazione e il mantenimento annuale di un nome a dominio, spazio illimitato su SSD, un database da 2GB su SSD con supporto a 200 connessioni, traffico fino a 500.000 visitatori al mese, funzioni automatiche per monitoraggio e backup‌, il certificato SSL DV per le connessioni sicure in HTTPS (ormai richiesto dalla maggior parte dei browser e dei motori di ricerca), caselle email da 1GB illimitate, 10 caselle PEC su dominio e molto altro ancora.

I prezzi partono da 124,50 euro + IVA il 1° anno e poi 249,00 euro + IVA/anno. Per saperne di più, consulta la mia guida sull’Hosting WooCommerce Gestito di Aruba e il sito ufficiale del servizio.

Shopify

Shopify

Con oltre 1.000.000 di utilizzatori in tutto il mondo, Shopify è uno dei migliori servizi per creare e-commerce professionali senza avere conoscenze in ambito di programmazione o di Web design: per usarlo, basta creare il proprio account, selezionare un tema tra i tanti disponibili e aggiungere i prodotti allo store, usando gli appositi moduli.

Avviene tutto in una manciata di clic, da PC, via browser, o da smartphone e tablet, grazie alle app di Shopify per Android e iOS/iPadOS. Inoltre, vengono offerti hosting e banda illimitati e un nome di dominio gratuito shopify.com, con la possibilità di acquistarne uno personalizzato o di usarne uno già esistente.

Con Shopify è possibile non solo creare il proprio store, ma gestire appieno tutte le attività legate a quest’ultimo: dai pagamenti al marketing (con la possibilità di avviare campagne marketing via Google, Facebook, email o SMS), passando per l’inventario, il check-out, le spedizioni, la lista clienti e altro ancora.

Il servizio si può usare gratis e senza obbligo di rinnovo per un periodo di prova limitato, dopodiché è possibile scegliere tra vari piani, a partire da 29$/mese, con prodotti illimitati sullo store, blog, la possibilità di integrare codici sconto, certificato SSL gratuito, recupero dei carrelli abbandonati e altro ancora.

Creare un e-commerce con Shopify è semplicissimo: non devi far altro che collegarti al sito ufficiale del servizio, digitare il tuo indirizzo email nel campo apposito e cliccare sul pulsante Inizia la prova gratuita. Nella pagina successiva, fornisci quindi la password che intendi usare per il tuo negozio, il nome che vuoi assegnare a quest’ultimo, premi sul pulsante Crea il tuo negozio e attendi qualche istante.

In seguito, compila il modulo che ti viene proposto, indicando se hai già cominciato a vendere, quali sono le tue entrate attuali e se stai creando un negozio per un cliente ecc. e vai avanti; inserisci poi l’indirizzo per ricevere i pagamenti, vai ancora avanti ed, entro pochi secondi, verrai reindirizzato verso il pannello di gestione di Shopify.

Il pannello i gestione dell’e-commerce è altamente intuitivo. Tramite il menu di sinistra, infatti, è possibile raggiungere facilmente tutte le funzioni più importanti: Home per visualizzare la dashboard principale dell’e-commerce; Ordini per gestire gli ordini; Prodotti per aggiungere e gestire i prodotti nello store; Clienti per gestire e inserire clienti nella propria lista; Analisi per visualizzare i dati sulle vendite; Marketing per impostare campagne marketing, Sconti per impostare codici sconto; App per installare delle app tese ad ampliare le funzionalità del negozio e Negozio online per personalizzare l’aspetto del negozio.

Per saperne di più, consulta il mio tutorial su come creare un e-commerce con Shopify, in cui ti ho illustrato il funzionamento del servizio fin nei minimi dettagli.

Blomming

Un ottimo servizio per aprire un negozio online di cui voglio parlarti è Blomming. Si tratta di una piattaforma a pagamento che permette di creare uno shop online eventualmente integrabile su un sito Web esterno, oppure in Facebook, per vendere i propri prodotti. È possibile provarlo gratuitamente per 15 giorni, dopodiché è necessario sottoscrivere un abbonamento al servizio, con piani che partono dai 9,99 €/mese o 99,99 €/anno.

Per aprire un negozio online tramite Blomming, collegati alla sua Home page, fai clic sul pulsante Apri il tuo shop ed effettua la registrazione, digitando i dati richiesti negli appositi campi di testo (UsernameEmail e Password). Apponi poi il segno di spunta in corrispondenza della casella Accetto i Termini & Condizioni e fai clic sul bottone Apri il tuo shop.

Nella schermata successiva, confronta i piani in abbonamento disponibili; seleziona quello che vuoi provare, fai clic su Scegli Piano e poi seleziona il pulsante Carica subito un prodotto, in modo da iniziare la creazione del negozio online.

Adesso, inserisci i dati richiesti per realizzare l’inserzione: carica l’immagine del prodotto, pigiando su Scegli file, compila i campi di testo per il titolo e il prezzo, seleziona il metodo di spedizione (Profilo di spedizione), indica la categoria del prodotto che vuoi vendere (Categoria Blooming) e imposta la visibilità in Pubblicato. Per pubblicare l’inserzione, fai clic su Crea.

Successivamente, premi sulla voce di menu Pubblica che trovi nel menu in alto e poi fai clic sul pulsante Vai, in corrispondenza di una delle opzioni presenti: Vendi su Facebook, Vendi sul Web o Gestisci il tuo shop.

Scegliendo Vendi su Facebook devi selezionare la pagina Facebook creata in precedenza e premere sul pulsante Add page Tab, in modo da attivare la tab Shop nella quale saranno visibili tutti i prodotti importati su Blooming.

Premendo su Vendi sul Web, puoi creare un codice embed personalizzato, da copiare e incollare su una qualsiasi pagina HTML (utile se già possiedi un sito Web o intendi crearne uno). Scegliendo la voce Gestisci il tuo shop, invece, puoi vendere i prodotti direttamente sullo spazio Web offerto da Blomming.

Se hai bisogno di maggiori informazioni sul funzionamento di Blomming, non esitare a consultare la sua guida ufficiale.

eBay

Un’altra soluzione per aprire un negozio online è eBay. Si tratta di un famosissimo sito d’aste che può essere utilizzato da Web o tramite app per Android e iOS per vendere prodotti anche con la formula “Acquista subito”.

Per aprire un negozio online tramite eBay è necessaria la creazione di un account. Inoltre, è bene precisare che in caso di vendita degli oggetti, viene applicata una commissione pari al 10% della cifra del prodotto venduto. La pubblicazione degli annunci è gratuita, ma presenta alcune limitazioni, come per esempio il numero massimo di inserzioni pubblicabili al mese (50 o 100). Per maggiori informazioni al riguardo, consulta lo Spazio Venditori di eBay.

Per aprire un negozio online tramite eBay, collegati al suo sito Internet ufficiale, fai clic sul pulsante Registrati in alto a sinistra e crea un account, indicando tutti i dati richiesti (Nome, Cognome, Indirizzo email e Password), dopodiché premi sul pulsante Iscriviti.

A questo punto, associa all’account creato un metodo di pagamento: fai clic sul tuo nome dalla pagina iniziale di eBay, poi fai clic sulla voce Impostazioni account e, infine, su Collega il conto PayPal. Per completare il collegamento dell’account PayPal a eBay, indica le informazioni di contatto che vengono richieste (CAP, città, provincia, numero di cellulare), dopodiché effettua il login con i dati dell’account PayPal, in modo da terminare la procedura.

Al termine di quest’operazione, premi sul pulsante Vendi situato in alto e indica le informazioni relative alla pubblicazione dell’annuncio: inserisci, come prima cosa, la descrizione dell’oggetto, utilizzando il campo di testo Descrivi l’oggetto messo in vendita.

Prosegui premendo su Inizia e digita le altre informazioni richieste per la vendita dell’oggetto tra cui le condizioni dello stesso e le specifiche. Inoltre, fornisci gli altri dettagli sulla vendita come quelli riguardanti il formato, la durata e il prezzo.

Hai due opzioni per vendere un oggetto su eBay: Asta online o Compralo subito. L’opzione Asta online mette in vendita un oggetto con un’asta che può durare 1, 3, 5, 7 o 10 giorni. Questo formato di vendita è caratterizzato da un prezzo di partenza, un prezzo compralo subito e un prezzo di riserva. Ciò significa che il bene, inizialmente, viene venduto all’asta nel prezzo di partenza (il quale può subire variazioni fino alla scadenza dell’asta). Può però essere acquistato al prezzo compralo subito oppure può essere venduto al raggiungimento della cifra indicata come prezzo di riserva.

L’opzione di vendita Compralo subito, invece, permette soltanto di vendere il bene a un prezzo fisso ma, eventualmente, possono essere fatte proposte di acquisto. Al termine della compilazione dell’annuncio verifica se sono state selezionate opzioni a pagamento e, nel caso, anche il costo dell’inserzione; dopodiché premi sul pulsante Metti in vendita alle tariffe mostrate.

Se vuoi approfondire il funzionamento di eBay ti consiglio di leggere la mia guida dedicata a questa piattaforma.

Etsy

Se durante il tempo libero ti piace realizzare prodotti fatti a mano, la soluzione che ti propongo per aprire un negozio online è quella offerta da Etsy. Si tratta di un sito Internet molto popolare che consente di vendere e acquistare prodotti realizzati esclusivamente a mano oppure oggetti vintage vecchi di almeno 20 anni.

Per aprire un negozio online su Etsy è necessario creare un account. L’apertura di un negozio è gratuita ma, come indicato nel regolamento ufficiale, viene addebitata una tariffa di inserzione pari a 0,20 $ (circa 0,17€ al cambio attuale). Inoltre, in caso di vendita, viene applicata una commissione pari al 3,5% del valore del prodotto, spese di spedizione escluse. In aggiunta, accettando pagamenti tramite il metodo principale Etsy Payments viene applicata un’ulteriore commissione pari al 4% più 0,30€ per ogni articolo venduto.

Per aprire un negozio online su Etsy, collegati alla sua home page, premi sul pulsante Registrati, compila il modulo dedicato alla creazione dell’account, indicando nome, email, password e conferma della password, poi fai clic sul pulsante Registrati. In alternativa, premi sui pulsanti Continua con Facebook o Continua con Google, per registrarti più velocemente tramite questi ultimi profili social.

A registrazione ultimata, seleziona il pulsante Vendere su Etsy che trovi in alto e poi fai clic su Apri il tuo negozio su Etsy. Arrivato a questo punto, devi personalizzare il negozio che intendi creare, indicando informazioni come la lingua, il paese e la valuta. Premi su Salva e Continua per proseguire, digita il nome che vuoi dare al negozio, fai clic di nuovo su Salva e continua e inizia a pubblicare le inserzioni, premendo sul bottone Aggiungi un’inserzione.

Nella schermata successiva, inserisci tutti i dettagli riguardanti il prodotto da vendere: nella sezione Foto importa un massimo 10 foto del prodotto, nelle schede Dettagli dell’inserzione, Inventario e Prezzi e Spedizione, compila quante più informazioni possibili, in modo da realizzare un’inserzione completa.

Al termine, premi ancora su Salva e continua, in modo da inserire un metodo di pagamento valido (vengono richiesti i dati del tuo conto bancario affinché il pagamento venga effettuato). In questo modo hai terminato la creazione del negozio online che sarà stato pubblicato.

Se hai bisogno di approfondire il funzionamento di Etsy, ti consiglio di leggere la mia guida specifica su questa piattaforma.

Amazon

Un’altra soluzione che voglio consigliarti di prendere in considerazione è la vendita di prodotti tramite Amazon, il noto sito di e-commerce che è disponibile anche come applicazione per Android e iOS.

Per vendere su Amazon è necessario disporre già di un account dedicato al servizio, dopodiché è possibile vendere i propri prodotti attraverso due tipologie di account: il primo è l’Account base, che permette di effettuare meno di 40 vendite al mese e presenta una commissione per ogni articolo venduto pari a 0,99 €. L’Account Pro, invece, è adatto ai venditori che intendono effettuare più di 40 vendite al mese e presenta una quota di abbonamento mensile di vendita pari a 39€/mese.

Inoltre, come indicato nel regolamento ufficiale, per entrambe per entrambe tipologie di piani è prevista una commissione aggiuntiva di gestione che varia a seconda del prodotto venduto: 1,01€ per la vendita di libri, 0,81 € per la vendita di prodotti appartenenti alle categorie MusicaVideoDVD e Videogiochi e software.

Se hai già creato un account Amazon (in caso contrario fai riferimento a questo mio tutorial), collegati al suo sito Internet ufficiale, premi sul pulsante Account e liste, poi fai clic sul collegamento Vendere su Amazon e su Registrati ora.

Dopo aver indicato le informazioni di base sul paese della tua azienda e sulla tipologia della stessa, fai clic sul pulsante Accetto e continua e compila tutti i dati richiesti nelle sezioni Informazioni sull’attività commerciale, Informazioni venditore, Informazioni sui pagamenti, Maggiori informazioni e Nome del negozio, premendo sul pulsante Salva e Continua quando richiesto.

Una volta creato un account venditore su Amazon, ti viene chiesto di scegliere il piano più adatto alle tue esigenze (Base o Pro, come spiegato nelle righe precedenti). Al termine di quest’operazione sei pronto per vendere su Amazon.

Nella schermata principale del negozio Amazon appena creato, premi sul pulsante Catalogo che vedi in alto. Adesso, per iniziare a creare un’inserzione, fai clic sul pulsante Aggiungi un nuovo prodotto, individua se è presente un articolo simile tramite il motore di ricerca interno (pulsante Cerca) e indica prezzo, quantità e condizioni per il prodotto.

Nel caso in cui non sia presente un prodotto simile su Amazon, premi su Crea una nuova offerta, indica la categoria del prodotto, facendo riferimento al menu Tutte le categorie di prodotti e inserisci tutte le informazioni essenziali per la vendita dello stesso, le quali variano a seconda del prodotto da vendere.

In entrambi i casi, una volta compilato il modulo per la creazione dell’inserzione di Amazon in ogni sua parte, seleziona il pulsante Salva e concludi per pubblicare l’annuncio.

Se vuoi approfondire il funzionamento di Amazon relativamente alla vendita di prodotti, puoi leggere il mio tutorial dedicato all’argomento.

Strumenti alternativi per aprire un negozio online

Nelle righe che seguono, puoi trovare delle indicazioni utili per aprire un negozio online, oltre ad altri consigli a per lo scopo oggetto di questo tutorial.

Facebook

Facebook, il famosissimo social network fondato da Mark Zuckerberg, accessibile dal suo sito Web ufficiale e disponibile anche come applicazione gratuita per AndroidiOS e Windows 10 Mobile può essere impiegato per la vendita di prodotti e per aprire un negozio online, attraverso due opzioni.

La prima scelta riguarda la vendita di singoli prodotti, tramite l’utilizzo del mercatino integrato, denominato Marketplace. In questo caso si tratta di una sezione accessibile da Web e anche da smartphone/tablet nella quale gli utenti maggiorenni del social network possono pubblicare annunci gratuitamente (pulsante Vendi qualcosa). I potenziali acquirenti potranno contattare privatamente il venditore per gestire la transazione.

La seconda soluzione, invece, è quella relativa all’apertura di un negozio online. Si tratta dell’impiego della funzione gratuita Vetrina che è integrata nelle Pagine Facebook e che è accessibile da Web ma anche da smartphone e/o tablet. Basta infatti accedere alla tab Vetrina e premere sul pulsante Aggiungi prodotto, per compilare i dettagli dell’articolo che vuoi vendere. Inoltre, quest’ultima opzione è integrabile anche con Blomming, servizio di cui ti ho parlato dettagliatamente in questo paragrafo.

A tal proposito, se ritieni che l’impiego di Facebook possa fare al caso tuo, leggi la mia guida dedicata all’argomento, per avere maggiori informazioni su come vendere su Facebook.

Instagram

Anche Instagram, il social network fotografico di Facebook, può essere utilizzato per la vendita di prodotti, aprendo un vero e proprio negozio virtuale.

È possibile farlo gratuitamente, tramite l’applicazione del social network per Android e iOS (non è possibile farlo dalla sua versione Web) ma, per riuscire nell’intento, è necessario avere almeno 5/10 mila follower e, inoltre, bisogna eseguire il passaggio da account Instagram personale a profilo aziendale.

In aggiunta, per aprire un negozio online su Instagram, bisogna integrare all’interno del social network fotografico la tab Vetrina della pagina Facebook (di cui ti ho parlato nel paragrafo precedente) che hai collegato, in seguito al passaggio al profilo aziendale.

Eseguita questa procedura, devi attendere che il team di Instagram approvi la tua richiesta, così da poter iniziare a taggare i tuoi prodotti nei contenuti che pubblichi sul social network fotografico.

Ritieni che l’argomento possa interessarti? In questo caso ti consiglio di leggere questo mio tutorial: ti ho spiegato più nel dettaglio come vendere su Instagram.

Altri consigli per aprire un negozio online

Per aprire un negozio online vi sono anche altre soluzioni, oltre a quelle di cui ti ho parlato nelle righe precedenti. Per esempio, una scelta che puoi prendere in considerazione è l’apertura di un e-commerce su uno spazio Web acquistato separatamente, sfruttando un CMS come il già citato WordPress o Magento.

Un’alternativa è data dall’utilizzo di siti Web preconfigurati, come Wix o OneMinuteSite, i quali sono pensati per l’apertura di un negozio online e possono essere impiegati per creare un negozio online in maniera facile e veloce. Ti ho parlato più nel dettaglio di queste risorse nella mia guida su come aprire un e-commerce.

Articolo realizzato in collaborazione con Aruba.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.