Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Scopri le migliori offerte sul canale Telegram ufficiale. Guarda su Telegram

Come trasmettere schermo Android su TV

di

Hai uno smartphone o un tablet con sistema operativo Android, ma lo schermo ti sembra troppo piccolo per la riproduzione di film o serie TV? Beh, ma allora perché non provi a risolvere la cosa semplicemente proiettando il display dello smartphone sul tuo TV? Sì, dico davvero! In questo modo, avrai la possibilità di riprodurre il filmato sul televisore per godertelo appieno su uno schermo più grande.

Non sapevi nulla circa questa possibilità, o meglio, non avevi pensato a metterla in pratica perché temevi fosse una cosa troppo difficile per quelle che sono le tue competenze in ambito tecnologico? Beh, mai non preoccuparti: stai leggendo proprio la guida giusta! Nel tutorial di quest’oggi, infatti, approfondiremo insieme la questione e scopriremo come trasmettere schermo Android su TV. Ti assicuro che è possibile farlo in maniera più semplice di quanto credi. Grazie alle moderne tecnologie, inoltre, potrai farlo anche in modalità wireless, senza disseminare cavi per casa.

Allora? Cosa stai aspettando? Non perdiamo altro tempo prezioso e cominciamo immediatamente! Tutto quello che devi fare è sederti bello comodo e prestare la massima attenzione a tutte le informazioni che ti fornirò. Non sono argomenti difficili, ma è necessario che tu verifichi opportunamente tutte le soluzioni che ti illustrerò, per trovare quella più adatta alle tue esigenze. Detto questo, non mi resta che augurarti una buona lettura e un buon divertimento!

Indice

Come trasmettere schermo Android su TV Smart

Nella stragrande maggioranza dei casi, trasmettere lo schermo di Android su Smart TV è poco più di un gioco da ragazzi. La “strategia” da seguire dipende fortemente dal tipo di televisore in tuo possesso e dal sistema operativo presente su di esso; ad ogni modo, per essere sicuro che tutto vada a buon fine, assicurati di aver preventivamente collegato il televisore a Internet (tramite cavo o Wi-Fi, è indifferente) e che il device Android risulti connesso alla rete wireless gestita dallo stesso router.

Come trasmettere schermo Android su TV con Chromecast integrato

Come trasmettere schermo Android su TV con Chromecast integrato

Se possiedi uno Smart TV dotato di sistema operativo Google TV/Android TV, ho un’ottima notizia per te: tali apparecchi sono nativamente compatibili con la tecnologia Google Cast e possono fungere da ricevitori.

Se non ne avessi mai sentito parlare, Google Cast è un protocollo di trasmissione audio-video sviluppato da Google, che consente di trasmettere contenuti provenienti da smartphone e tablet dotati di sistema operativo Android, oltre che da iPhone, iPad, Chromebook e qualsiasi altro computer dotato del browser Google Chrome, verso qualsiasi ricevitore compatibile con la medesima tecnologia. Tutti i dispositivi mobili Android, i Chromebook e i computer possono trasmettere a livello nativo il contenuto dello schermo, mentre su iPhone e iPad è indispensabile che l’applicazione scelta supporti la trasmissione dei contenuti tramite Chromecast.

Ad ogni modo, la lista delle applicazioni compatibili è davvero lunghissima: Netflix, YouTube, Amazon Prime Video, Disney+ NOW, Infinity, Spotify e Deezer, giusto per farti qualche nome “importante”. Ad ogni modo, se desideri approfondire l’argomento, ti invito a leggere la mia guida completamente dedicata alle applicazioni per Chromecast. Detto ciò, come già accennato poc’anzi, tutti i televisori dotati di sistema operativo Android TV/Google TV possono fungere da ricevitore Chromecast; tale funzionalità è attiva di default, a patto che il televisore sia collegato a Internet.

Detto ciò, per avviare la trasmissione dei contenuti, assicurati che il televisore sia acceso e che tutti i dispositivi coinvolti si trovino sulla stessa rete; in seguito, prendi il tuo device Android, richiama l’area di notifica di sistema ed espandi l’area dedicata alle funzioni rapide di sistema, se necessario, eseguendo un piccolo swipe aggiuntivo verso il basso, partendo dalla prima fila di “pulsanti”.

Ora, individua il bottone Proietta, Proiezione, Trasmetti o simili tra quelli disponibili (potresti dover effettuare uno swipe verso destra oppure verso sinistra, per localizzarlo), fai tap su di esso e attendi qualche istante, affinché il nome del televisore compaia sullo schermo. Quando ciò avviene, fai tap su di esso e attendi qualche istante, affinché le immagini visibili sul display di Android vengano riprodotte anche sul televisore.

In alternativa, apri l’applicazione Google Home (se non è preinstallata, puoi scaricarla direttamente dal Play Store), tocca la scheda Dispositivi e premi sul pulsante Aggiungi; successivamente, seleziona la voce Nuovo dispositivo, seleziona la casa al quale aggiungerlo (oppure creane una nuova) e tocca sul pulsante Avanti.

A questo punto, attendi che il televisore venga riconosciuto nella lista dei device disponibili e premi sul suo nome, per stabilire il collegamento. Completa infine la configurazione del TV seguendo le istruzioni che compaiono sullo schermo, dopodiché torna alla scheda Dispositivi di Google Home, esegui un tap prolungato sul nome del televisore aggiunto poc’anzi e tocca il pulsante Trasmetti schermo, per avviare la trasmissione dei contenuti.

Se vuoi proiettare i contenuti provenienti da un’app compatibile con Chromecast, non devi necessariamente inviare l’intero contenuto dello schermo: dopo aver aperto l’applicazione che desideri, fai tap sul simbolo dello schermo con le onde visibile al suo interno e tocca il nome del televisore, residente nel pannello che va ad aprirsi. A partire da questo momento, tutti i contenuti riprodotti tramite l’app verranno trasmessi al televisore: di fatto, il dispositivo Android funzionerà come un vero e proprio telecomando.

Come trasmettere schermo Android su TV senza Chromecast integrato

Come trasmettere schermo Android su TV senza Chromecast integrato

Se possiedi un televisore Smart non dotato di Chromecast built-in, puoi affidarti invece al protocollo Miracast: se non ne avessi mai sentito parlare, si tratta di una sistema che consente di trasmettere lo schermo e i contenuti multimediali dei dispositivi Android (oltre che quelli dei computer dotati di Windows 10 e Windows 11), verso qualsiasi ricevitore compatibile.

Tra le caratteristiche principali della tecnologia wireless Miracast, vi è senz’altro la possibilità di trasmettere i contenuti multimediali attraverso la tecnologia Wi-Fi Direct. Ciò significa che lo smartphone Android e la TV comunicheranno tra loro indipendente dalla presenza di una connessione a Internet, in quanto il collegamento avverrà in modo diretto, senza impiegare alcun dispositivo intermediario (ad esempio un router).

Miracast è un ottimo standard per la trasmissione di contenuti multimediali e offre la trasmissione con risoluzione fino a 4K e assenza di lag. Il suo utilizzo è quindi consigliato per la trasmissione di elementi multimediali, come film o serie TV, oltre che per condividere lo schermo del proprio dispositivo Android.

La tecnologia Miracast è presente su numerosi Smart TV di nuova generazione e, a seconda del produttore, può avere nomi differenti: Screen Share (per i TV LG), AllShare (per i TV Samsung), Screen Mirroring (sui TV Sony Bravia) o, ancora, Wireless Screencast (sui TV Philips).

Per poter abilitare il ricevitore Miracast, bisogna aprire l’applicazione apposita sul televisore, oppure abilitare la voce di menu dedicata. Per esempio, se devi trasmettere schermo Android su TV LG, devi aprire l’applicazione Screen Share, disponibile nella schermata Home/Home Dashboard del dispositivo (per accedervi, schiaccia il simbolo della casetta disponibile sul telecomando); qualora dovessi, invece, trasmettere schermo Android su TV Samsung, devi attivare la funzione di Screen Mirroring recandoti nel menu Impostazioni > Rete > Impostazioni avanzate > Wi-Fi Direct del TV (maggiori info qui).

Ad ogni modo, una volta attivato il ricevitore Miracast integrato nel TV, puoi avviare la trasmissione dello schermo di Android in maniera identica a quanto visto poc’anzi: basta aprire l’area di notifica di Android, premere sul pulsante dedicato alla trasmissione/proiezione e premere successivamente sul nome del televisore, disponibile nel pannello che va ad aprirsi.

Nota: se il pulsante Trasmetti/Proietta non è disponibile nell’area di notifica di Android, puoi richiamare la funzionalità specifica anche dai menu Impostazioni > Altro > Schermo wireless oppure Impostazioni > Display > Schermo Wireless/Trasmetti schermo del telefono, oppure del tablet. Maggiori info qui.

Come trasmettere schermo Android su TV non Smart

Come dici? Il tuo televisore non dispone di funzionalità Smart? Nessun problema: con l’ausilio di alcuni piccoli — e talvolta economici — dispositivi multimediali è possibile trasformare qualsiasi TV in uno Smart TV, o meglio, in un ricevitore Google Cast/Miracast, a patto che sul televisore sia presente almeno una porta HDMI libera. Trovi tutto spiegato qui sotto.

Chromecast

Come trasmettere schermo Android su TV

Il primo dispositivo “esterno” di cui voglio parlarti è Chromecast: nello specifico, si tratta di un piccolo dongle HDMI prodotto da Google, il quale consente di trasformare qualsiasi televisore (anche non Smart) in un ricevitore Google Cast, a patto che sia disponibile una porta HDMI libera.

Chromecast è dotato di sistema operativo Google TV con Play Store, è in grado di riprodurre contenuti con risoluzione HD (nell’edizione più economica) oppure 4K/HDR+Dolby Vision (in quella più costosa), viene fornito con telecomando abbinato e può funzionare sia da ricevitore che da box multimediale vero e proprio; su alcuni canali di distribuzione potresti altresì imbatterti nella versione di base del Chromecast, che può fungere esclusivamente da ricevitore e consente di riprodurre contenuti fino alla risoluzione 1080p/Full HD. Il dispositivo può essere acquistato direttamente dal sito Web di Google oppure da altre catene di elettronica e store online, Amazon incluso.

Chromecast con Google TV (HD) Bianco Ghiaccio - Intrattenimento in str...
Vedi offerta su Amazon

Una volta acquistato, Chromecast va collegato a una delle porte HDMI libere sul televisore e a una fonte di alimentazione esterna, anche USB (quest’ultima operazione non è necessaria sui Chromecast non dotati di Google TV); successivamente, accendi il televisore, impostalo sulla corretta sorgente HDMI e attendi qualche istante, affinché venga mostrata la schermata di benvenuto del dispositivo.

A questo punto, scarica l’app Google Home sul tuo smartphone oppure sul tablet, avviala e fai tap sul pulsante (+); successivamente, scegli di voler avviare la configurazione di un nuovo dispositivo e attieniti alle istruzioni che vedi sullo schermo, per configurare Chromecast e connetterlo alla rete senza fili. In alternativa, puoi scegliere di configurare Chromecast usando il telecomando in dotazione oppure di seguire una procedura leggermente diversa, adatta a chi non dispone di una rete Wi-Fi di appoggio ma utilizza il solo hotspot del cellulare: per saperne di più, da’ uno sguardo alle guide in cui ti spiego come collegare Chromecast e come usare Chromecast senza Wi-Fi.

A connessione avvenuta, puoi avviare la trasmissione dello schermo o delle app compatibili, con le stesse modalità già viste per Android TV/Google TV. In alternativa, puoi avviare il mirroring dell’intero schermo anche tramite l’app Google Home: apri la scheda Dispositivi posta in basso, esegui un tap prolungato sull’icona di Chromecast con Google TV e tocca il pulsante Trasmetti schermo, residente nella nuova schermata che va ad aprirsi.

Adattatore Miracast e Fire TV Stick/Cube

Ricevitore Miracast e Fire TV Stick

Se non disponi di un collegamento a Internet stabile o se, per qualche motivo, trovi che il protocollo Google Cast non faccia al tuo caso, puoi trasformare qualsiasi televisore non smart (munito di almeno una porta HDMI libera) in un ricevitore Miracast, usando un adattatore dedicato. In commercio ve ne sono diversi, alcuni anche estremamente economici, tuttavia ti consiglio di sceglierne uno di buona qualità, onde evitare problemi in fase di ricezione dei contenuti.

Una volta ottenuto il ricevitore, collegalo a una porta HDMI libera sul TV e all’alimentazione da rete elettrica (va bene anche una porta USB, se presente sul televisore). Successivamente, accendi il TV e impostalo sulla corretta sorgente HDMI, per attivare il ricevitore.

Ti segnalo che tutti i dispositivi della linea Fire TV di Amazon (ad es. Fire TV Stick o Fire TV Cube) possono fungere da ricevitori Miracast: per abilitare la funzionalità apposita, è sufficiente recarsi nel menu Impostazioni > Suoni e schermo del dispositivo Fire TV e selezionare la voce Attiva duplicazione schermo, dal menu che compare.

Una volta configurato il ricevitore in maniera opportuna, il dispositivo Android e avvia la trasmissione dello schermo, richiamando l’area di notifica e premendo sul pulsante Trasmetti/Proietta, disponibile al suo interno. In alternativa, puoi ottenere lo stesso risultato recandoti nel menu Impostazioni > Altro > Schermo wireless oppure Impostazioni > Display > Schermo Wireless/Trasmetti schermo del dispositivo.

Come trasmettere schermo Android su TV con cavo

In alternativa, se preferisci scongiurare la presenza di micro-ritardi dovuti alla naturale dispersione del segnale wireless, puoi altresì replicare il contenuto dello schermo di Android sul TV tramite cavo. Il tipo di cavo da utilizzare varia però da smartphone a smartphone, a seconda del tipo di porta di cui dispone il terminale: trovi tutto spiegato qui sotto.

Come trasmettere schermo Android su TV con cavo USB-C

Come trasmettere schermo Android su TV con cavo USB C

La stragrande maggioranza degli smartphone e dei tablet Android di recente generazione dispone di porta USB-C: quest’ultima tecnologia consente non soltanto di ricaricare il dispositivo, ma anche di connettere a quest’ultimo apparecchi esterni quali mouse, tastiere, controller e televisori, senza usare adattatori aggiuntivi. La risoluzione massima raggiungibile è pari a 4K e si può inviare al TV anche l’audio dello smartphone/tablet.

In particolare, per quanto riguarda la trasmissione delle immagini verso il televisore, è sufficiente acquistare un apposito cavo, dotato sia di estremità USB-C che di estremità HDMI; come puoi facilmente immaginare, il primo dei due connettori va inserito all’interno della porta di ricarica del telefono (o del tablet), mentre il secondo va collegato a una delle porte HDMI libere sul TV. Se possiedi già un cavo HDMI standard, puoi altresì optare per l’acquisto di un adattatore.

WARRKY Cavo da USB C a HDMI 4K, USB C HDMI [Spine Placcate in Oro] Cav...
Vedi offerta su Amazon
Cavo USB C HDMI 4K ,2M Adattatore Compatibile da Thunderbolt 3/4 per M...
Vedi offerta su Amazon
Adattatore da USB C a HDMI 4K, adattatore BENFEI da Thunderbolt 3 a HD...
Vedi offerta su Amazon

Una volta predisposta “fisicamente” la comunicazione, avviare la trasmissione dello schermo di Android è praticamente un gioco da ragazzi: basta accendere il televisore e impostarlo sulla corretta sorgente HDMI, per veder immediatamente riprodotto il contenuto del display dello smartphone, oppure del tablet. Tieni presente che i contenuti provenienti da alcune applicazioni potrebbero non essere inviati correttamente al TV, per via dei sistemi di protezione anti-pirateria integrati.

Come trasmettere schermo Android con cavo HDMI MHL

Come trasmettere schermo Android con cavo HDMI MHL

Se il tuo dispositivo Android non dispone di porta USB-C e, al suo posto, è presente l’ingresso microUSB, puoi comunque collegarlo al televisore tramite cavo, usando un adattatore di tipo MHL. Introdotta nel 2009, la tecnologia MHL consente di trasmettere segnale audio e video verso qualsiasi schermo dotato di ingresso HDMI, con risoluzione massima pari a 8K (nel caso di superMHL) e con supporto al sistema HDCP, ossia una tecnologia di cifratura atta a offrire protezione anti-pirateria ai contenuti trasmessi.

Nel momento in cui scrivo, vi sono due tipologie di cavi e adattatori MHL: attivi, che richiedono una fonte di alimentazione esterna e sono compatibili con la stragrande maggioranza di televisori e smartphone; e passivi, che non richiedono alimentazione esterna ma offrono un range di compatibilità molto più limitato.

HAMA Adattatore multimediale MHL HD x smartphone, ingresso Micro USB/U...
Vedi offerta su Amazon
Cavo MHL Adattatore da Micro USB a HDMI 5 Pin + Adattatore da 11 Pin p...
Vedi offerta su Amazon

Anche in questo caso, non è richiesta alcuna configurazione aggiuntiva, per la trasmissione delle immagini: è sufficiente collegare l’adattatore MHL (se passivo) a una presa elettrica o a una porta USB standard, e inserire l’estremità microUSB del cavo/connettore all’apposito ingresso sul dispositivo Android, e l’altra estremità a una delle porte HDMI libere sul televisore. Fatto ciò, è sufficiente prendere il telecomando del TV, accendere quest’ultimo dispositivo e impostarlo sulla corretta sorgente HDMI, così da visualizzare le immagini provenienti dal telefono.

Ti segnalo che i contenuti provenienti da alcune app di streaming (ad es. Netflix) potrebbero non essere trasmessi correttamente, a causa dei sistemi di protezione integrati; ad ogni modo, per saperne di più, ti invito a prendere visione della guida in cui ti spiego come collegare il telefono al televisore tramite cavo, ricco di utili informazioni al riguardo.

In qualità di affiliati Amazon, riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei effettuati tramite i link presenti sul nostro sito.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.