Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come aumentare le visualizzazioni su YouTube

di

Hai tentato di aprire un canale e di pubblicare qualche filmato sul celebre portale video di Google ma le visite stentano a decollare? I tuoi video hanno poche visualizzazioni e ora ti piacerebbe dunque capire come aumentare le visualizzazioni su YouTube?

Beh, se sei disposto a dedicare abbastanza tempo alle attività del tuo canale, potrei consigliarti io qualche tecnica per avere maggior successo su YouTube ma, chiariamoci sin dal principio, non aspettarti miracoli, non esiste nessuna formula magica! Per riuscire ad aumentare le visualizzazioni su YouTube occorre infatti tanto impegno e molta costanza oltre che sfruttare in maniera intelligente gli strumenti giusti, proporre contenuti interessanti, fare pubblicità al canale e seguire alcune semplici ma importanti raccomandazioni. Sperare di avere tutto e subito è praticamente impossibile. Poi non venirmi a dire che non ti avevo avvisato.

Premesso ciò, se sei effettivamente interessato alla questione e ti interessa capire che cosa è possibile fare per cercare di aumentare le visualizzazioni su YouTube, ti suggerisco di non perdere ulteriore tempo prezioso, di metterti ben comodo dinanzi il tuo fido computer e di concentrarti sulla lettura delle informazioni e delle indicazioni che trovi proprio qui di seguito. Allora dimmi, sei pronto? Si? Fantastico, cominciamo!

Indice

Come Aumentare le visualizzazioni su YouTube gratis

La crescita organica (ovvero quella che avviene naturalmente e senza spendere soldi) è sempre la strada migliore da percorrere per portare persone sui propri contenuti, quindi cerchiamo di capire come ottenerla.

Cogliere l'attenzione del pubblico al primo sguardo

computer

Partiamo dal fatto che, se una persona esterna deve innamorarsi dei tuoi contenuti, allora dovrai catturarla fin dal primo sguardo. Questo perché, l'attenzione umana, migra velocemente altrove (si parla di una manciata di secondi) se non ha trovato qualcosa che la trattenga ancorata.

Per questa ragione i tuoi filmati dovranno essere impeccabili specialmente nei primissimi secondi, che sono quelli che portano il tuo pubblico a voler scoprire di più. Basandoti su questo principio, devi saper creare una intro spettacolare e che prometta all'osservatore un certo numero di cose.

In che senso? Molti youtuber concentrano nei primi secondi del video una intro che sappia dare un assaggio allo spettatore di quello che sarà. Ovviamente dev'essere coincisa e non svelare tutto, altrimenti il video non avrà più nulla da dire, ma nemmeno troppo corta o banale da risultare insignificante.

Trovare il giusto compromesso è come muoversi su un filo molto sottile ma, una volta capito come fare, basta ripetere la formula per ogni video. Per maggiori dettagli, ti lascio al mio articolo su come creare una buona intro per YouTube.

Ti consiglio inoltre di impostare delle miniature di un certo effetto, che non siano “clickbait” ma che riescano a catturare l'attenzione dello spettatore. A tal riguardo, puoi dare un'occhiata ai miei tutorial su come creare una miniatura per YouTube e come mettere le copertine ai video su YouTube.

L'attrezzatura conta

vlog

Uno dei punti cruciali per offrire contenuti di altissima qualità, è quello di utilizzare la giusta attrezzatura per registrare le varie clip. Questo significa offrire uno standard di almeno 1080p e 60 fps, necessari per creare poi degli Slo-Mo (effetto rallentamento) o altri effetti visivi che, a 30 frame, non si possono ottenere.

Ma quindi cosa serve per catturare dei video di primissima qualità? Beh, non esiste un modello di cinepresa o macchina fotografica standard, ognuna ha pregi e difetti. Inutile perdere troppo la testa dietro un modello specifico, magari molto costoso, se poi non è adatto allo scopo.

Per esempio, se fai dei video d'azione dove ci sono attività dinamiche come mountain bike, canoa, paracadutismo, surf od ogni altra situazione dove occorre minimo ingombro, massima resistenza e resa, allora non avrà senso andare a comprare l'ultimo modello top di gamma con una lente professionale, molto meglio una GoPro.

Se sei un vlogger che cattura video in giro usando solo la mano come sostegno per la camera, avere attrezzatura molto pesante trasformerà l'operazione in un incubo. Insomma, qualità si ma al giusto compromesso. Che poi, diciamocelo, ci sono youtuber famosi che utilizzano dei semplici camera-phone per i video, perché fanno video per cui non occorre una qualità estrema ma altre caratteristiche.

Per qualche spunto interessante in tal senso, ti lascio al mio articolo su quale videocamera comprare.

Impara a girare ed editare i video come i pro

pc

Hai la videocamera giusta, hai in mente il contenuto perfetto che ammalierà il pubblico, ma non hai la minima idea di come girare i contenuti? Allora, mi spiace dirtelo, ma il fallimento è alle porte. Tutte le idee e le attrezzature del mondo non possono sopperire a una mancanza tecnica, quindi studia bene come essere videomaker.

Intervalla il tuo girato con le giuste transizioni, le quali danno dinamicità e catturano l'osservatore come pochi altri “trucchetti” al mondo. Una transizione è quando, tra una scena e l'altra non concordanti tra loro, avviene un movimento della camera o un'azione che lega i frame.

Hai presente quel classico movimento che fanno molti youtuber dove mettono la mano sulla camera, la scena diventa nera e, quando la tolgono, si trovano in un posto completamente diverso ma nella stessa posizione? Quella è una semplicissima transizione, ma ne esistono di molto più complesse, quindi impara a usarle.

Infine, una volta che hai messo insieme tutti i pezzi, apri il tuo programma per editare video e inizia a ritoccarlo per creare la magia. Non serve saper usare After Effects o altri programmi avanzatissimi, basta anche un più semplice editor video gratuito, o addirittura una app per editare video su smartphone e tablet per ottenere risultati che, per il 99% del pubblico, andranno benone. Per varie “dritte” su come editare video e come montare video, ti rimando ai miei tutorial dedicati.

Capire i trend

google trends

Come per i blog, puoi cercare di attirare l'attenzione del pubblico proponendo contenuti che interessano ai visitatori. E come si fa a sapere quali sono i contenuti che interessano alla gente? Semplice, visualizzando le statistiche pubbliche di Google e YouTube presenti su Internet. A tal proposito, ti suggerisco di rivolgerti a YouTube Trends, il tool gratuito reso disponibile proprio da “big G” grazie al quale gli utenti possono scoprire quelli che sono i video più visualizzati su YouTube.

Per servirtene, collegati alla pagina Web principale del tool mediante il link che ti ho fornito poc'anzi. Ti verranno mostrati tutti i video presenti su YouTube che nel corso delle ultime ore hanno riscosso maggior successo in rete. Puoi affinare ulteriormente la ricerca servendoti dell'apposito menu collocato in alto.

Una volta capiti quelli che sono i canali YouTube più famosi, tienili d'occhio e cerca di capire con quale frequenza pubblicano i nuovi video e come interagiscono con i fan. Vedrai, ti sarà di grande aiuto.

Ti suggerisco poi di dare uno sguardo anche a quelle che sono le tendenze su Google, tramite il sito Google Trends. Controlla, dunque, che ci sia Italia nel menu a tendina in alto a destra.

Puoi farti un'idea ancora più precisa delle tendenze delle ricerche cliccando sul pulsante con le tre linee in orizzontale collocato in alto a sinistra, scegliendo la voce Tendenze nelle ricerche dal menu visualizzato, selezionando Italia dal menu a tendina presente in alto e consultando giorno per giorno i vari risultati.

Ricorda però che, sebbene siano trend molto importanti, restano comunque mode passeggere. Il che significa che, se farai video solo in base a questi dati, potresti finire per caricare sul tuo canale solo contenuti che sono già passati di moda. Non inseguire l'onda, sii tu a creare la tua personale. I trend possono aiutarti a capire cosa interessa alla gente ma, una volta appreso questo, devi essere tu a farlo tuo in qualche modo.

Una volta individuati gli argomenti giusti, puoi caricare dei video a tema usando titoli accattivanti e tag ottimizzati corrispondenti alle keyword cercate maggiormente dalle persone su Internet.

Ad esempio, se trovi che molte persone cercano su Google i termini come velocizzare Windows 10, fai un video in cui spieghi come migliorare le prestazioni del sistema operativo di casa Microsoft, imposta come titolo del video una frase accattivante, del tipo Come velocizzare Windows 10 gratis, testato e funzionante al 100% e imposta come tag termini quali velocizzare Windows 10, ottimizzare Windows 10 velocizzare PC e così via.

Così facendo avrai buone possibilità che, effettuando delle ricerche su Google o sullo stesso YouTube, molte persone trovino il tuo video e decidano di abbonarsi al canale. Attento però, mettere tag a caso o titoli clickbait potrebbe darti un piccolo e iniziale successo, a scapito di un fallimento successivo.

Inutile mettere un titolo dove dici che farai diventare ricchissimo lo spettatore in 5 minuti, se poi non riesci a dargli consigli nemmeno per guadagnare 50 cent. Certo, sicuramente un titolo dove prometti soldi fa visualizzazioni, ma poi la gente capirà che prometti cose che non puoi mantenere, quindi ti abbandonerà. Sii corretto e sincero con una punta di malizia e avrai successo.

Infine, ricordati di non cascare mai in quei sistemi che cercano di spillarti soldi promettendoti aumenti stratosferici delle visite perché nella maggior parte dei casi sono truffe (o comunque tecniche illecite per gonfiare le visite) e non abusare mai delle parole chiave nei tag e nei titoli dei tuoi video.

Utilizza titoli e tag ottimizzati, come ti ho spiegato poc'anzi, ma che siano pertinenti con il contenuto del video. Non usare keyword legate a fatti di cronaca o personaggi famosi quando non c'entrano con il video che stai caricando: potresti far aumentare in pochi giorni le visite del tuo canale ma perderesti qualsiasi credibilità e a gioco lungo rischieresti di trovarti con zero visite anche caricando contenuti interessanti.

Usare i social network

facebook

Vuoi avere successo su YouTube senza i social network, che sono tra gli strumenti più potenti a disposizione di chi vuole essere famoso? Certo, potrebbe funzionare, ma ti precluderesti un bel po' di possibilità. Facebook, TikTok, Instagram e tutti gli altri sono dei metodi fantastici per essere scoperti.

Acquisendo pubblico sulle piattaforme in questione, potresti poi “dirottarlo”, tramite i tuoi post o le informazioni nella bio sul tuo canale YouTube. Certo, anche qui non devi fare le cose solo per fare: i contenuti devono essere validi, ma non dovrebbe esserti troppo difficile.

Se stai facendo video, allora potresti facilmente usare gli spezzoni migliori per creare reel o video di TikTok senza nemmeno fare del lavoro aggiuntivo. Prima crei la base e poi la diffondi in giro tramite i vari social ma, attento, non dare troppo o nessuno avrà più bisogno di guardare il tuo canale. Per maggiori informazioni, ti lascio alle mie guide su come ottenere follower su Instagram, Facebook e TikTok.

Creare un blog

wordpress

Una delle opzioni che ti restano e di cui non ti ho ancora parlato, è la possibilità di creare un blog che racconti le tue avventure. L'ho lasciata per ultima perché, di tutte, forse è la soluzione più difficile per uno youtuber, in quanto fare video non implica il saper scrivere.
Quindi giocati questa carta solo se hai delle skill in questo campo, altrimenti lascia perdere e limitati a quanto scritto finora. Nessuno vuole leggere un blog sgrammaticato, che non porta da nessuna parte o scritto solo tanto per riempire qualche pagina, quindi regolati di conseguenza.

Se però scrivere è nelle tue corde, allora troverai in WordPress uno dei tuoi alleati migliori, in quanto ti permette di creare il tuo blog da zero e in forma gratuita. Ovviamente ci sono anche molte altre soluzioni che puoi trovare nella mia guida su come creare un blog, scegli quella che preferisci.

Un sito personale con dei contenuti rilevanti può permetterti di raggiungere il tuo pubblico per mezzo della SEO, indirizzandoli poi sul canale. Inoltre, una volta raggiunto un minimo di visitatori, potrai iniziare a proporre loro prodotti tramite l'affiliate marketing o creare collaborazioni come guest post (post fatti da altri ma pubblicati sul tuo sito) che ti permetteranno di guadagnare. Trovi i dettagli nella guida su come guadagnare con un blog.

Come aumentare le visualizzazioni su YouTube a pagamento

google ads

Se però volessi spendere qualche soldino per sponsorizzare i tuoi contenuti, allora sappi che puoi farlo ricorrendo a Google Ads, il sistema di Google che ti permette di fare pubblicità. I prezzi non sono fissi, ma variano a seconda di quello che vuoi sponsorizzare, quindi non posso essere più preciso.

In ogni caso, a meno che tu non abbia prodotti da vendere, spendere denaro solo per qualche visualizzazione in più potrebbe non essere la soluzione migliore, ma la decisione spetta a te. Per maggiori dettagli, ti lascio al mio tutorial su come sponsorizzare i video su YouTube

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.