Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come vedere la TV senza decoder

di

A partire da ottobre 2021 è iniziato il passaggio verso un nuovo standard di trasmissione per il digitale terrestre, chiamato DVB-T2, che si concluderà nel gennaio 2023 con il cosiddetto switch-off, cioè il passaggio definitivo alla nuova TV digitale. Da quel momento, per continuare a vedere tutta l’offerta televisiva sarà necessario dotarsi di TV o decoder compatibili con questo nuovo standard e, per agevolarne l’acquisto, il Governo Italiano ha messo a disposizione diversi incentivi.

Coloro che non intendono sostituire il proprio televisore o acquistare un nuovo decoder, potranno comunque continuare a guardare alcuni canali televisivi affidandosi a soluzioni che ne permettono la visione tramite Internet. In particolare, mi riferisco a quei dispositivi da collegare al proprio televisore e che, tramite le applicazioni ufficiali delle singole emittenti, consentono la visione in diretta o in modalità on demand dei contenuti di proprio interesse.

Come dici? Anche tu sei interessato all’argomento e vorresti sapere nel dettaglio come vedere la TV senza decoder? Allora non perdiamo altro tempo in chiacchiere ed entriamo nel vivo di questo tutorial. Coraggio: mettiti comodo, valuta attentamente ogni soluzione proposta nei prossimi paragrafi e scegli quella che ritieni più adatta alle tue esigenze. Così facendo, ti assicuro che potrai continuare a guardare i tuoi programmi televisivi preferiti anche senza dover acquistare un nuovo decoder.

Indice

Come vedere la televisione senza decoder

TV

Come ti ho anticipato nelle righe introduttive di questa guida, è possibile vedere la televisione senza decoder utilizzando uno dei dispositivi da collegare al proprio televisore e che permettono anche di vedere TV in streaming.

A prescindere dal dispositivo che andrai a scegliere tra quelli che trovi indicati nei prossimi paragrafi, per guardare i programmi televisivi di tuo interesse dovrai scaricare l’app ufficiale dell’emittente che intendi guardare o collegarti al suo sito Internet.

A tal proposito, ti sarà utile sapere che puoi vedere tutti i canali Rai e Mediaset tramite i servizi RaiPlay e Mediaset Infinity. Tramite discovery+, invece, puoi riprodurre i canali Real Time, NOVE, DMAX, Discovery Channel, Motor Trend e K2 e tutti gli altri canali del gruppo Discovery Italia.

Inoltre, puoi anche vedere TV8 e gli altri canali in chiaro di Sky (Cielo e SkyTG24) e tutte le varie emittenti che trasmettono sul digitale terrestre e in streaming su Internet (es. La7).

Chromecast

Chromecast

Chromecast è il primo dispositivo che puoi prendere in considerazione per vedere la televisione senza decoder. Si tratta di una chiavetta prodotta da Google da collegare alla porta HDMI del televisore, che permette di trasmettere in TV qualsiasi contenuto riprodotto da smartphone, tablet e computer.

Oltre alla versione base che supporta la risoluzione Full HD ed è abilitata alla ricezione di contenuti provenienti dalle app compatibili per smartphone e tablet, è disponibile anche la versione Chromecast con Google TV, che supporta la risoluzione 4K, è dotata di telecomando e consente di scaricare ed eseguire le app direttamente dal dispositivo, senza la necessità di trasmettere i contenuti di proprio interesse da smartphone, tablet o computer.

Nel primo caso, tutto quello che devi fare per guardare i canali televisivi di tuo interesse, è prendere il tuo smartphone o tablet e assicurarti che sia collegato alla stessa rete Wi-Fi alla quale è collegato Chromecast. Fatto ciò, avvia l’app dell’emittente di tuo interesse, premi sull’icona della trasmissione (lo schermo con le onde del Wi-Fi) e seleziona il nome del tuo Chromecast dal menu apertosi. Fatto ciò, avvia la riproduzione del canale o del contenuto che intendi guardare, in modo da vederlo direttamente sul tuo televisore.

Se preferisci procedere da computer, invece, non devi far altro che collegarti al sito ufficiale dell’emittente che preferisci utilizzando Chrome, cliccare sull’icona dei tre puntini collocata nell’angolo in alto a destra del browser, selezionare l’opzione Trasmetti dal menu apertosi, cliccare sul nome del tuo Chromecast e avviare la riproduzione del canale o del contenuto di tuo interesse.

Come dici? Hai Chromecast con Google TV? In tal caso, puoi sia trasmettere un contenuto da smartphone, tablet e computer al televisore così come ti ho appena indicato o procedere direttamente dal televisore utilizzando l’app ufficiale dell’emittente che intendi guardare disponibile su Google TV.

In quest’ultimo caso, dovrai accedere al Play Store, cercare l’app di tuo interesse e scaricarla premendo sul relativo pulsante Installa. Fatto ciò, avvia l’app in questione, accedi al tuo account (se necessario), individua il canale o il contenuto che intendi guardare e avviane la riproduzione premendo il tasto centrale del telecomando di Chromecast.

A tal proposito, potrebbero esserti utili le mie guide su come vedere RaiPlay con Chromecast e come vedere Mediaset Infinity con Chromecast.

Fire TV Stick

Pulsante Home telecomando Fire TV Stick

Anche i dispositivi della famiglia Fire TV di Amazon sono una valida soluzione per continuare a guardare la TV senza decoder.

In particolare, puoi prendere in considerazione la Fire TV Stick, una chiavetta HDMI da collegare al televisore dotata di apposito telecomando e che dispone di uno store interno dal quale poter scaricare varie applicazioni, comprese quelle delle principali emittenti televisive.

È disponibile in due diverse versioni: Lite (con o senza supporto ai comandi TV), che permette di riprodurre contenuti con risoluzione massima di 1080p, e 4K/4K Max che, invece, abilitano il supporto allo streaming in Ultra HD/4K.

Fire TV Stick Lite con telecomando vocale Alexa | Lite (senza comandi ...
Vedi offerta su Amazon
Fire TV Stick con telecomando vocale Alexa (con comandi per la TV) | S...
Vedi offerta su Amazon
Fire TV Stick 4K Max, Wi-Fi 6, con telecomando vocale Alexa (con coman...
Vedi offerta su Amazon

Alla stessa famiglia appartiene anche Fire TV Cube, un piccolo box che si connette al televisore, dotato di controllo vocale tramite Alexa e supporto ai contenuti 4K Ultra HD.

Fire TV Cube | Lettore multimediale per lo streaming con controllo voc...
Vedi offerta su Amazon

Per guardare i canali televisivi di tuo interesse, per prima cosa seleziona l’opzione Trova collocata nel menu principale, premi sul box Cerca, digita il nome dell’applicazione relativa all’emittente che intendi guardare (es. RaiPlay) e selezionala dai risultati della ricerca. Nella nuova schermata visualizzata, seleziona l’opzione Ricevi. Scarica gratis, per avviarne il download e l’installazione. Per la procedura dettagliata, ti lascio alla mia guida su come installare app su Fire TV Stick.

Fatto ciò, accedi nuovamente alla schermata principale del dispositivo, seleziona l’app che hai appena scaricato e premi il tasto centrale del telecomando, per avviarla e iniziare a guardare i canali o i contenuti che preferisci.

Apple TV

TV

Apple TV è il box multimediale prodotto da Apple che si collega al televisore tramite un ingresso HDMI di quest’ultimo e che permette di accedere a una vasta gamma di contenuti. Oltre a poter ricevere contenuti provenienti da altri dispositivi Apple, quali iPhone, iPad e Mac, grazie alla tecnologia AirPlay, è possibile scaricare numerose applicazioni dall’App Store, comprese quelle per vedere la TV su Internet in diretta.

Apple TV è disponibile in due versioni: Apple TV HD, con supporto allo streaming di contenuti fino alla risoluzione Full HD e memoria interna da 32 GB; e Apple TV 4K, che supporta risoluzione massima pari a 4K/Ultra HD ed è disponibile in tagli di memoria da 32 oppure 64 GB.

2021 Apple TV HD (32GB)
Vedi offerta su Amazon

Per scaricare una delle applicazioni che consentono di vedere la TV in streaming, non devi far altro che accedere all’App Store, selezionare l’opzione Cerca, cercare l’app di tuo interesse e, dopo averla selezionata dai risultati della ricerca, premere sull’opzione Ottieni. Per la procedura dettagliata, puoi dare un’occhiata alla mia guida su come scaricare app su Apple TV.

Altre soluzioni per vedere la TV senza decoder

TV sul PC

Oltre ai dispositivi che ti ho indicato nelle righe precedenti di questa guida, devi sapere che esistono altre soluzioni per vedere la TV senza decoder.

Se sei alla ricerca di un dispositivo da collegare al tuo televisore e che permetta di guardare i tuoi programmi TV preferiti in streaming, come quelli che ti ho indicato in precedenza, puoi prendere in considerazione un TV Box. Sono delle “scatolette” che si collegano al televisore tramite cavo HDMI e che, nella maggior parte dei casi, sono equipaggiati con il sistema operativo Android, consentono quindi di scaricare le app direttamente dal Play Store.

GT MEDIA GTT2 Android 6.0 2 GB RAM 8 GB ROM, 4K Smart Box DVB-T / T2 /...
Vedi offerta su Amazon
Bqeel Android 10.0 TV Box R2 MAX, 4GB RAM 64GB ROM / CPU RK3318 64bit ...
Vedi offerta su Amazon

Una menzione particolare relativa ai TV Box Android la merita il TIMVISION Box, il decoder che viene fornito in comodato d’uso gratuito per tutti i clienti TIM che attivano una delle offerte TIMVISION. Si tratta, appunto, di un vero e proprio decoder compatibile con lo standard DVB-T2: questo significa che se ti è stato fornito questo dispositivo, non dovrai preoccuparti del cosiddetto switch-off poiché potrai continuare a vedere la TV (almeno fino a quando non disattivi TIMVISION).

Anche le console per videogiochi consentono di scaricare alcune app per guardare la TV in streaming (es. Mediaset Infinity). Inoltre, puoi sempre collegare il tuo computer al televisore tramite cavo HDMI. A tal proposito, potrebbe interessarti la mia guida su come collegare PC a TV HDMI.

Come dici? Non hai nessuno dei dispositivi che ti ho indicato? In tal caso, puoi sempre vedere la TV sul PC o scaricare una delle app per vedere TV da smartphone e tablet.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.