Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come aprire un link

di

Sei alle prime armi con il mondo della tecnologia e ogni volta che ti inviano un link via email, su WhatsApp o in altre app di messaggistica hai paura di aprirlo perché temi possa contenere dei virus? Hai appena iniziato a usare un servizio di cloud storage come Dropbox o Google Drive e non sai come accettare i link di condivisione di file che ti sono stati inviati dai colleghi? Non temere, se vuoi ci sono qui io a darti una mano.

Se mi dedichi qualche minuto del tuo tempo libero, posso spiegarti, nella maniera più semplice e rapida possibile come aprire un link in tutta sicurezza, sia esso presente in un messaggio di posta elettronica, su WhatsApp, in un servizio di cloud storage o su qualsiasi sito Internet. Come prevedibile, si tratta di un gioco da ragazzi.

Non devi far altro che mettere le tue remore da parte, seguire le indicazioni che trovi di seguito e metterle in pratica: così facendo, riuscirai ad acquisire una certa dimestichezza con i link e a intuire “al volo” quali rifiutare, quali aprire e, nel caso, in che modo farlo. Buona lettura!

Indice

Come aprire un link in sicurezza

Tastiera

Un link (chiamato anche collegamento ipertestuale) si può presentare sia sotto forma di testo che sotto forma grafica (cioè di immagine) e, se cliccato, rimanda a contenuti esterni. Tali contenuti possono essere tra i più disparati, anche poco sicuri: ecco perché bisogna stare attenti a quelli che si aprono.

Ma come fare ad aprire un link in sicurezza? In primo luogo, vanno valutati il mittente, la situazione e il contesto in cui il link viene mandato: se un link ti è stato mandato da una persona fidata, in un messaggio che ne descrive bene il contenuto o comunque in seguito a comunicazioni che ne preannunciavano l’invio, puoi stare ragionevolmente sicuro che si tratti di un link sicuro; o comunque inviato intenzionalmente dal mittente.

In caso contrario, se ti arriva un messaggio da un amico con scritto ““Guarda qua!”“, ““Incredibile!”” o altri commenti poco approfonditi/personali, potrebbe trattarsi di un messaggio auto-inviatosi tramite virus presenti sul dispositivo del mittente, quindi pericolosi e da NON aprire, se non prima aver chiesto conferma di autenticità al mittente stesso.

il mio consiglio è quello di tenere sempre attivo e aggiornato l’antivirus che, in casi come questo, fa molto bene il suo lavoro. Inoltre, potresti affidarti a un sito come VirusTotal, di proprietà di Google, che permette di scansionare file e indirizzi Web con i motori di tutti i principali antivirus, il tutto senza installare nulla sul proprio PC, smartphone o tablet.

Una volta arrivato sul sito, si aprirà una schermata in cui dovrai scegliere tra File, per caricare un documento che ritieni sospetto, e URL, per inserire un indirizzo Web da verificare. Una volta che avrai caricato il file o inserito l’URL, si aprirà una schermata con la sezione Detection; qui troverai tante voci con accanto l’esito Undetected o Clean (in verde) nel caso in cui il file o l’URL non dovessero essere ritenuti pericolosi. In caso di minacce, invece, ci saranno scritte rosse con la descrizione della minaccia trovata (tieni anche conto che se solo qualche antivirus segnala un file, potrebbe trattarsi di falso positivo),

Come controllare file con Virus Total

Molta attenzione va poi fatta alle email che provengono da istituzioni, enti privati e aziende. Capita, infatti, che alcune email apparentemente inviate da siti Web, banche, aziende fornitrici di servizi ecc., impeccabili dal punto di vista grafico, siano in realtà dei falsi che rimandano a pagine Web (anch’esse apparentemente uguali a quelle dei siti ufficiali delle aziende in questione) progettati per rubare i dati delle carte di credito e/o altre informazioni dell’utente.

Questa minaccia è chiamata phishing e per difendersi da essa bisogna seguire alcune regole abbastanza semplice: innanzitutto controlla sempre che il mittente sia davvero affidabile, quindi non leggere solo il nome di chi ti invia l’email ma dai un’occhiata anche al suo indirizzo e alla composizione del link presente nel messaggio che, nel caso di una truffa, non sarà mai identico a quello ufficiale (potrebbe cambiare anche un solo carattere, quindi fai molta attenzione).

In tutti i casi, quando hai dubbi ti conviene cercare tramite Google l’email e/o parte del messaggio che hai ricevuto e vedere se ci sono casi di phishing noti. Ricorda, inoltre, che tutte le istituzioni o gli enti privati possono senz’altro inviarti delle email ma che lo fanno rivolgendosi con nome e cognome, e non con un semplice “Gentile Cliente” o formule simili. E comunque non lo farebbero mai per operazioni delicate, per le quali invece bisogna recarsi in sede. Per qualsiasi operazione, parti dal sito ufficiale visitandolo in prima persona dal browser e non usando link ricevuti via email.

In generale, poi, ti consiglio di fare sempre attenzione ad aprire link in cui si chiedono soldi, si promettono donazioni dopo che avrai inviato dei dati sensibili, si propongono incontri e in qualche modo vogliono estorcerti informazioni e cose del genere.

Come aprire un link su Word

Come aprire un link su Word

Hai iniziato da poco a usarlo e non sai come aprire un link su Word? Non ti preoccupare: in questo caso, la procedura è molto semplice perché se sei da computer non devi far altro che tenere premuto il tasto Ctrl della tastiera e cliccare sul collegamento, come ti viene indicato. Avrai senz’altro notato che premendo Ctrl e posizionando il cursore sul link la freccia si trasforma in una mano semichiusa con l’indice puntato verso il collegamento; una volta fatto clic ti troverai proprio sulla pagina di destinazione. In alternativa, puoi anche fare clic destro su un link e selezionare la voce Apri collegamento ipertestuale dal menu che si apre.

Come dici? Hai digitato un link in Word ma questo non risulta cliccabile? Allora fai in questo modo: recati nel menu File > Opzioni > Strumenti di correzione, clicca sul pulsante Opzioni correzione automatica, seleziona la scheda Formattaz. autom. durante la digitazione, spunta la casella Percorsi Internet e di rete con collegamenti ipertestuali e dai OK. Da questo momento in poi, i link digitati in Word verranno trasformati automaticamente in collegamenti ipertestualo.

Con uno smartphone o un tablet, l’operazione di apertura del link è ancora più intuitiva: servirà soltanto un tap sulla parola o sulla frase sottolineata (anche in questo caso di colore diverso dal testo) e sarai portato alla pagina di destinazione. Ciò vale sia su Android che su iOS/iPadOS.

Come aprire un link con Chrome

Chrome

Esistono vari tipi di browser Web, cioè di applicazioni che permettono di navigare su Internet: Google Chrome è uno dei più famosi e diffusi, quindi potresti voler aprire link in quest’ultimo e avere dei dubbi al riguardo.

Aprire un link nella pagina corrente, è semplicissimo: basta cliccare o fare tap su di esso. Se, invece, vuoi sapere anche come aprire un link in un’altra scheda con Chrome, ti basta fare clic destro o tap prolungato (da mobile) sul link e selezionare la voce Apri in un’altra scheda dal menu che si apre. In alternativa, da PC, puoi premere la combinazione Ctrl+Clic (Windows) o cmd+clic (macOS) per aprire il link automaticamente in un’altra scheda.

Dal menu contestuale, puoi anche selezionare le opzioni per aprire i link in una nuova finestra o in modalità in incognito, per non lasciare tracce sul dispositivo in uso.

Se sei interessato ad aprire un tipo di file con Chrome e non un link, ti basterà impostarlo come browser predefinito sul tuo dispositivo seguendo il tutorial che ho dedicato all’argomento.

Come aprire un link su WhatsApp

WhatsApp

Se non sai come aprire un link su WhatsApp, sappi che non è niente di diverso rispetto a quanto ti ho detto sinora: da smartphone devi semplicemente fare tap col dito sul link, su WhatsApp per PC devi fare clic sul link con il mouse.

Potrebbero sorgere però dei problemi: magari hai sempre aperto i link di WhatsApp con un determinato browser ma da un po’ di tempo non ti riesce più, perché l’app non ti chiede quale navigatore vuoi usare. Ti consiglio, a questo punto, di ripristinare le preferenze delle app predefinite tramite le impostazioni dello smartphone (operazione fattibile solo su Android).

Recati quindi nel menu Impostazioni > App > Applicazioni predefinite di Android, fai tap sul pulsante ⋮ collocato in alto a destra e seleziona la voce Applicazioni predefinite dal menu che si apre, per scegliere quale browser usare come predefinito.

Nota: WhatsApp ha investito molto sulla sicurezza, quindi è in grado di dirti anche quando il link è sospetto (perché magari ha una combinazione strana di caratteri); quando vorrai aprirlo te lo comunicherà, senza impedirti però di proseguire: starà a te scegliere se continuare aprendo il link oppure no.

Come aprire un link Google Drive

La pagina iniziale di Google Drive per PC

Vorresti scaricare un file da un link che rimanda a Google Drive ma non sai come fare? Non ti preoccupare, in questo caso non hai bisogno né di accedere con il tuo account né di scaricare software sui tuoi dispositivi. Per aprire un link di Google Drive ti basta visitarlo e visualizzare o scaricare il file che esso contiene. Come al solito, prima di scaricare qualsiasi file, accertati della sua sicurezza usando un antivirus e chiedendo conferma a chi ti ha mandato il link.

Hai ricevuto via email un link di condivisione di un file o una cartella su Google Drive? In questo caso, ti consiglio di contattare il mittente e chiedergli conferma della cosa. In caso affermativo, non ti resta che collegarti al link ricevuto via browser, accedere al tuo account Google (se necessario) e accettare così la condivisione. Troverai poi gli elementi condivisi nell’apposita sezione di Drive (nella barra laterale di sinistra su Web, nel client per PC e nella app per Android e iOS/iPadOS)

Come aprire un link Dropbox

Dropbox

Per Dropbox vale lo stesso discorso fatto per Google Drive. Se vuoi visualizzare o scaricare un file da un link Dropbox, puoi accedere a quest’ultimo da browser, senza installare nulla sul PC, e visualizzare o scaricare il contenuto. Se esegui l’accesso (puoi ignorare la richiesta, chiudendo il box tramite la x collocata in alto a destra), tra i pulsanti disponibili ne troverai anche uno per aggiungere l’elemento visualizzato al tuo Dropbox.

In caso di richiesta di condivisione di una cartella, invece, ti consiglio di chiedere conferma al mittente e, in caso di esito positivo, accettare la richiesta tramite client Dropbox presente sul PC, app per Android o iOS/iPadOS o pannello Web, accedendo con il tuo account e selezionando l’apposita notifica dal menu delle notifiche, in alto a destra.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.