Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Scopri le migliori offerte sul canale Telegram ufficiale. Guarda su Telegram

Migliori sistemi operativi

di

Hai intenzione di fare nuovi acquisti nel campo dell’elettronica e per andare sul sicuro ti vuoi fare prima una cultura su quelli che sono i migliori sistemi operativi, in modo tale da comprare dei dispositivi che siano adatti alle tue esigenze. Se le cose stanno effettivamente così, ti avviso già da subito che in realtà non esiste un sistema operativo migliore dell’altro, in quanto ognuno ha dei pro e dei contro da tenere in considerazione, inoltre, ogni sistema operativo è pensato per un pubblico differente.

In questo mio articolo ti parlerò in particolar modo dei sistemi operativi più diffusi e apprezzati per PC, per smartphone e per Smart TV e farò poi del mio meglio per indicarti a quale tipo di utenza è rivolto ciascun sistema operativo e quali sono i vantaggi e gli svantaggi di ognuno.

Come forse già sai, il sistema operativo è ciò che fa da tramite tra l’hardware e l’utente finale, potremmo quindi definirlo l’“anima” di una macchina, perché in effetti è colui che permette di utilizzare tutti i software all’interno di un dispositivo. Detto tutto ciò, direi che possiamo ora passare all’azione ed entrare così nel vivo di questo mio tutorial. Prenditi, dunque, giusto qualche minuto di tempo libero e continua a leggere questa mia guida. A me non resta altro che augurarti una buona continuazione e una buona ricerca al miglior sistema operativo per il tuo nuovo dispositivo.

Indice

Migliori sistemi operativi per PC

Cominciamo questo articolo parlando dapprima dei computer e andiamo, quindi, a scoprire subito insieme i migliori sistemi operativi per PC che sono attualmente disponibili su piazza. Scommettiamo che alcuni di quelli che ti sto per mostrare non li conoscevi?

Windows

windows

Senza ombra di dubbio, tra i migliori sistemi operativi quando si parla di PC, bisogna menzionare Windows, il sistema operativo sviluppato da Microsoft. Nel momento in cui scrivo, l’ultima versione disponibile è Windows 11, ma è ancora molto diffuso tra gli utenti anche Windows 10. Le versioni di Windows a partire dalla 8.1 in giù, invece, non sono ormai più supportate e quindi non ricevono più aggiornamenti.

Windows è anche il sistema operativo per PC più utilizzato al mondo e questo è dato in gran parte dalla sua flessibilità e dal fatto che si può installare su moltissime macchine di marche diverse. Come forse già sai, Windows 11 richiede dei requisiti minimi per funzionare, anche se si può comunque installare su macchine non supportate e ti ho spiegato come fare nella mia guida su come installare Windows 11 senza requisiti. Naturalmente, anche Windows 10 ha dei requisiti minimi di sistema, ma sono meno restrittivi rispetto a quelli di Windows 11 (ad esempio non sono obbligatori Secure boot e TPM 2.0). Ti ho spiegato come installare Windows 10 nella mia guida tematica.

Parlando del look, Windows negli ultimi anni si è rinnovato e ora ha poco da invidiare all’eleganza tipica di macOS. Inoltre, la disposizione delle icone rende Windows un sistema operativo molto intuitivo che è facile da imparare a usare anche per chi non lo ha mai toccato. Lato software, invece, Windows riceve molti aggiornamenti di sicurezza o aggiornamenti correttivi di sistema o delle applicazioni e questo dà sicuramente più vita e sicurezza al sistema operativo.

Windows è da molti considerato uno dei migliori sistemi operativi gaming se non addirittura il migliore in assoluto, dato che è possibile utilizzare molte piattaforme per scaricare giochi come Microsoft Store, Steam, Origin, Epic Game Store e vi è la possibilità di collegare un controller alle porte USB con estrema facilità per giocare proprio come se stessi davanti a una console. Ti ho parlato in dettaglio dei siti per scaricare giochi nella guida che ti ho appena indicato e ti ho anche mostrato come collegare il controller al PC nella mia guida dedicata.

Per quanto riguarda la sicurezza, Windows è storicamente soggetto a molti malware e virus che si possono insidiare nel computer a seguito di download di file malevoli da Internet. Ad ogni modo, Microsoft include ora un sistema di difesa “di serie” che si trova già installato all’interno di Windows 10 e di Windows 11 che si chiama Windows Defender e si tratta di un ottimo strumento che è in grado di proteggere il tuo computer da malware e virus impedendoti di visitare siti Internet non raccomandabili o bloccando il download di un file infetto. Comunque sia, esistono altri antimalware e altri antivirus di terze parti che puoi ottenere su Windows e alcuni sono gratis e altri a pagamento. Ti ho parlato di questo nelle mie guide sui migliori antimalware e sui migliori antivirus.

Una “pecca” di Windows, se così possiamo definirla, è che si tratta di un sistema operativo a pagamento. Chiaramente, quando si acquista un computer con già all’interno Windows 11, la licenza di Windows è già inclusa, ma non è generalmente trasferibile ad altri utenti, in quanto spesso si tratta di una licenza OEM e quindi utilizzabile solo su un PC. Esistono anche delle licenze retail e queste possono essere trasferite da un PC a un altro, in genere, però, queste licenze si acquistano separatamente rispetto al PC. Ti ho parlato più in dettaglio di tutto ciò nelle mie guide su dove e come acquistare Windows 11 e su come acquistare Windows 10.

Windows 11 │ Home Edition │ Codice d'attivazione per PC via email
Vedi offerta su Amazon
Windows 11 │ Pro Edition │ Codice d'attivazione per PC via email
Vedi offerta su Amazon

Ci tengo anche a informarti che ho scritto una guida molto dettagliata su come usare Windows 10 nella quale ti ho spiegato tutte le principali funzionalità e anche qualche procedura che potresti non conoscere di questo sistema operativo. Benché la guida che ti ho appena indicato sia rivolta a Windows 10 è praticamente del tutto valida anche per Windows 11. Ad ogni modo, ho scritto anche una guida su come è Windows 11, nella quale ti ho illustrato alcune delle novità introdotte dall’ultimo sistema operativo di casa Microsoft.

macOS

MacBook

Un altro sistema operativo eccezionale che è disponibile per PC è macOS, il sistema operativo sviluppato da Apple e spesso ritenuto il rivale di Windows. Nel momento in cui scrivo, le versioni di macOS più recenti sono macOS 14 Sonoma e macOS 13 Ventura e devi sapere che Apple offre un supporto agli aggiornamenti per circa sette o otto anni dall’anno di produzione di un Mac, dunque si tratta di computer molto longevi.

macOS è probabilmente il sistema operativo più fluido e reattivo sulla piazza e questo è ancora più vero sui Mac — ormai tutti quelli più recenti in commercio — che montano i processori Apple Silicon (es. M1 ed M2) che hanno rivoluzionato il mondo dei computer, sia quello dei fissi che dei portatili portando le macchine a una migliore gestione delle loro risorse, difatti si tratta di chip con memoria unificata basati su architettura ARM, la stessa dei chip usati su smartphone e tablet, molto più efficienti e dotati di core dedicati a determinate attività. Ciò si traduce in computer molto più potenti, freschi e silenziosi (e con una autonomia “mostruosa” per quanto riguarda i notebook) rispetto a quelli con processori Intel.

Inoltre, i Mac con chip Apple Silicon sono ottimi per editing di foto e video e infatti molti content creator e youtuber utilizzano proprio un Mac per il loro lavoro.

Un’altra caratteristica interessante di macOS è che esistono molti meno virus per questo sistema operativo rispetto a Windows, dove invece non è così difficile beccarsene uno. Ad ogni modo, ci tengo a lasciarti la mia guida nella quale ti ho parlato di come pulire il Mac da virus.

Chi è abituato a utilizzare Windows e passa a macOS si trova sicuramente un po’ “spaesato”, almeno nelle fasi iniziali, in quanto vi sono numerose differenze, a partire dalla disposizione dei menu alle procedure per chiudere o disinstallare un programma. Ad ogni modo, è solo questione di tempo, dato che in realtà usare macOS è forse ancora più intuitivo e semplice di Windows.

Un altro ottimo vantaggio di avere un Mac è la facilità di condivisione di contenuti che esiste tra tutti i sistemi Apple. Infatti, se possiedi anche un iPhone o un iPad, hai la possibilità ritrovarti gli stessi file su tutti i dispositivi contemporaneamente. Spesso è possibile addirittura iniziare un lavoro di edting da Mac e finirlo poi da iPad in completa mobilità.

Naturalmente non sono tutte rose e fiori, anche macOS presenta alcuni svantaggi. Il primo che salta all’occhio è sicuramente il prezzo dei prodotti, che è sicuramente più alto rispetto ai PC Windows (anche se i modelli con chip Apple Silicon entry Level sono in realtà tra i migliori in rapporto tra potenza e preso). Inoltre, un altro aspetto importante da considerare è che è praticamente impossibile cambiare l’hardware del proprio Mac, dato che Apple, soprattutto nei Mac di ultima generazione, integra tutti i componenti nella scheda madre. Infine, devi sapere che macOS non è acquistabile e lo si può utilizzare soltanto sui Mac.

Altro lato negativo riguarda il gaming, che a parte rare eccezioni, non vede molti titoli disponibili su piattaforma Apple.

Infine ci tengo particolarmente a informarti che ho scritto una guida dedicata e molto dettagliata su come usare il Mac. Sono certo che ti tornerà utile, soprattutto se sei alle prime armi con i computer di Apple.

ChromeOS

Asus Chromebook C223

Un altro sistema operativo per PC di cui ti voglio parlare è ChromeOS. Come? Non ne hai mai sentito parlare? Ebbene, si tratta del sistema operativo sviluppato da Google e che puoi trovare in tutti i computer portatili che prendono il nome di Chromebook. La cosa ti ha incuriosito? Ora ti spiego meglio di cosa si tratta.

ChromeOS è un sistema operativo molto leggero e che si basa tutto sull’utilizzo di Google Chrome, il celeberrimo browser di Google. Va da sé, dunque, che per utilizzare un Chromebook devi quasi sempre essere connesso alla rete Internet, altrimenti avrai accesso solo a poche funzionalità limitate.

Questo tipo di computer portatili sono sicuramente indicati per chi ha bisogno di un computer molto veloce e scattante (in genere i tempi di accensione sono molto ridotti e risulta piuttosto fluido nel suo utilizzo) e che ha bisogno di un PC maggiormente per scrivere e per utilizzare servizi online, come Google Drive o Fogli di Google. Un’altra ottima caratteristica è che vi è la possibilità di scaricare tutte le applicazioni Android presenti sul Google Play Store e utilizzarle proprio come se si stesse utilizzando un dispositivo Android (in effetti ChromeOS è basato su kernel Linux, proprio come Android).

Molto spesso le caratteristiche hardware dei Chromebook potrebbero lasciarti a bocca aperta, ma in senso negativo, in quanto godono di processori ormai datati, di poca RAM e di poco spazio di archiviazione (questo vale per i Chromebook di fascia bassa o media, quelli di fascia alta potrebbero anche avere caratteristiche hardware di tutto rispetto). In effetti, però, ai Chromebook non serve un hardware particolarmente eccezionale per funzionare bene, dato che quasi la totalità del lavoro viene svolta in cloud. Chiaramente, se stai cercando un computer per il gaming o per fare editing di foto e video, allora non pensare all’acquisto di un Chromebook.

Per ulteriori chiarimenti e per toglierti ogni dubbio, ci tengo a lasciarti le mie guide su come funziona Chromebook e sui migliori Chromebook che puoi trovare sul mercato. Sono certo che le troverai molto utili.

Ci tengo infine a dirti che ChromeOS non è acquistabile ma si può utilizzare solo sui Chromebook, ad ogni modo, Google ha messo a disposizione del pubblico un sistema operativo che si chiama ChromeOS Flex e che si può scaricare e installare gratuitamente su alcuni PC che non sono Chromebook. Ti ho spiegato come fare nella mia guida su come installare ChromeOS su PC.

Linux

Migliori sistemi operativi

Un altro sistema operativo che hai sicuramente già sentito nominare da qualche tuo amico esperto in informatica è Linux. Mi correggo subito, però, perché parlare di Linux come di un sistema operativo non è del tutto esatto, è piuttosto una famiglia di sistemi operativi liberi e open source pubblicati in moltissime e differenti distribuzioni. Ora ti spiego meglio che preziosa risorsa può essere Linux.

Anzitutto, come forse hai già intuito, praticamente tutte le distro Linux sono gratuite e open source, quindi vuol dire che chiunque sia in grado di programmare può mettere mano al codice sorgente del sistema operativo e modificarlo a piacimento, creando, di fatto, un nuovo sistema operativo. Tra le distro Linux più apprezzate e diffuse ci sono Ubuntu, Linux Mint, Debian, Kali Linux e molte altre ancora.

Devi sapere che esistono anche delle distro Linux molto leggere e che sono particolarmente adatte per far rinascere PC vecchi con hardware datato che ormai non reggono più sistemi più recenti come Windows 10 o Windows 11. Alcuni di questi sistemi sono Puppy Linux, Linux Lite e Lubuntu che potremmo definirli come i migliori sistemi operativi per vecchi PC.

Un tempo utilizzare un sistema operativo Linux era solo per veri esperti, in quanto non vi era alcuna interfaccia grafica e ci si poteva avvalere soltanto del Terminale per fare qualsiasi operazione. Oggi, invece, praticamente tutte le distro Linux godono di una gradevole interfaccia grafica che rende il tutto sia più piacevole agli occhi che più facile all’utilizzo.

Un grande vantaggio di Linux è che i virus sono quasi totalmente assenti e questo rende molto sicuri la navigazione e l’utilizzo di questi sistemi operativi. D’altra parte Linux presenta anche alcuni svantaggi, come l’incompatibilità con molti software comunemente utilizzati su Windows e macOS come la suite Adobe e quella Office. È anche vero che esiste un modo per eseguire i programmi di Windows su Linux attraverso un software che si chiama Wine, ad ogni modo, alcuni programmi potrebbero comunque presentare dei problemi durante l’utilizzo. In tutto questo c’è però una nota positiva, in quanto su Linux esistono tantissimi programmi alternativi e open source che riescono praticamente a fare lo stesso lavoro di quelli più noti per Windows e macOS. Ti ho parlato di alcuni di questi nella mia guida sui programmi per Linux.

Ci tengo anche a informarti che Linux è una buona piattaforma per il gaming, cosa che era impensabile fino a qualche anno fa. Infatti, ora è possibile installare Steam anche in ambiente Linux e godere così di vari giochi presenti nel catalogo online (ad ogni modo, alcuni giochi non sono compatibili con questo sistema). Inoltre, esiste anche una distro Linux chiamata SteamOS che è il sistema operativo ufficiale di Steam dedicato al gaming. Grazie a SteamOS puoi avvalerti di molti giochi che sono presenti su Steam senza utilizzare Windows e magari costruendoti una console da divano tutta tua. Puoi trovare maggiori informazioni su come ottenere questa distro sul sito di Steam.

Se vuoi provare una qualsiasi distro Linux, ti posso consigliare di montare l’immagine ISO del sistema operativo di tuo interesse su una chiavetta USB e di provare il sistema in modalità live oppure di installarlo al fianco del sistema operativo già presente all’interno del tuo computer. Ti ho spiegato come fare queste operazioni nella mia guida su come installare Linux da USB. Un’altra opzione potrebbe essere invece quella di installare Linux su una macchina virtuale e di usarlo direttamente dal tuo computer con Windows o con macOS. Ti ho spiegato come puoi fare ciò nella mia guida su come installare Linux.

Migliori sistemi operativi smartphone

Sei interessato a scoprire quali sono i migliori sistemi operativi smartphone? Ebbene, qui di seguito ti parlerò proprio di questo. Comunque, ti anticipo già che ormai sul mercato degli smartphone sono presenti solamente Android e iOS. Fino a qualche anno fa era presente anche Windows Phone (in particolar modo sugli smartphone Nokia), ma il sistema operativo di casa Microsoft dedicato agli smartphone non è ormai più in circolazione.

Android

Android

Cominciamo parlando del sistema operativo del robottino verde, ovvero di Android. Si tratta del sistema operativo per smartphone (ma anche per tablet) attualmente più diffuso e usato al mondo. Android è sviluppato da Google, ma è comunque possibile accedere a tante e diverse versioni di Android personalizzate dai vari brand. La versione “pura” (o meglio stock) di Android è infatti presente negli smartphone di Google e quindi nei Google Pixel. In quasi tutti gli altri smartphone e tablet, troviamo invece un sistema Android personalizzato, soprattutto nell’interfaccia grafica.

Nel momento in cui scrivo, l’ultima versione di Android disponibile è Android 13. Tieni comunque conto che di norma Google continua a offrire aggiornamenti alle patch di sicurezza per le ultime tre versioni di Android disponibili. Questo significa che in questo momento Google sta supportando Android 13, Android 12 e Android 11. Le versioni di Android dalla 10 in giù non sono infatti più supportate da aggiornamenti sulle patch di sicurezza. Puoi valutare tu stesso la cosa andando su questa pagina del sito Internet endoflife.date.

Ci tengo comunque a precisare che esistono due diversi tipi di aggiornamenti per quanto riguarda il sistema operativo Android, ovvero gli aggiornamenti di sicurezza e gli aggiornamenti software. Gli aggiornamenti di sicurezza servono, come suggerisce il nome stesso, a correggere delle possibili falle che gli sviluppatori hanno trovato nel sistema operativo. Gli aggiornamenti software, invece, sono i passaggi da un sistema operativo all’altro, come ad esempio da Android 12 ad Android 13. Come ti ho già accennato, gli aggiornamenti alle patch di sicurezza, vengono sempre garantiti per un minimo di tre anni, mentre per quanto riguarda gli aggiornamenti software, questo varia da produttore a produttore, infatti, alcuni brand offrono due anni di aggiornamenti, mentre altri ne offrono quattro. Puoi trovare informazioni molto più dettagliate nella mia guida che risponde alla domanda su quali produttori di smartphone sono i migliori per gli aggiornamenti Android.

Come forse hai già intuito, una caratteristica interessante di Android è la sua elevata possibilità di personalizzazione. Infatti è possibile cambiare l’aspetto delle schermate e delle icone a piacimento. Inoltre, sono disponibili diversi launcher di sistema da scaricare direttamente dal Google Play Store che trasformano completamente l’interfaccia grafica e le animazioni del sistema operativo.

Oltre a poter cambiare l’aspetto, Android offre agli utenti la possibilità di cambiare tutte le app se quelle già installate di fabbrica non dovessero essere di gradimento. Ad esempio, è possibile scaricare un’app per la gestione degli SMS oppure un’app per la gestione dei file. A tal proposito, mi sento di consigliarti la lettura della mia guida sulle migliori app Android, nella quale puoi trovare alcune delle moltissime app per Android da usare per la produttività, per ascoltare musica, guardare video e quant’altro. Inoltre, Android è anche un’ottima piattaforma per il gaming e in merito a questo puoi dare un’occhiata alla mia guida sui migliori giochi Android nella quale troverai tanti e diversi videogiochi che puoi scaricare dal Google Play Store e godere direttamente sul tuo smartphone.

Un problema che si potrebbe presentare agli utilizzatori di Android è quello legato alla sicurezza e alla presenza di malware. È infatti consigliabile scaricare solo app certificate e solo dal Google Play Store, in modo tale da evitare problemi. Comunque sia, se per caso sei alle prese con un virus sul tuo smartphone o sul tuo tablet Android, ti invito allora a leggere la mia guida su come eliminare virus Android.

A livello di varietà di scelta, i dispositivi Android in commercio sono davvero una moltitudine e ce ne sono di tutti i prezzi e per tutte le esigenze. Basti pensare che grandi produttori come Samsung, Xiaomi, OPPO e moltissimi altri grandi brand si affidano proprio ad Android per animare i loro smartphone e i loro tablet. Se vuoi scoprire quali sono i migliori smartphone Android che puoi acquistare, ti invito a leggere la mia guida all’acquisto che ti ho appena indicato. Se vuoi invece vedere quali sono i migliori tablet attualmente in commercio, puoi leggere la mia guida tematica.

iOS

iPhone 14 e iOS 16

Parliamo ora di iOS, il sistema operativo presente in tutti gli iPhone, ovvero gli smartphone prodotti da Apple. Nel momento in cui scrivo questo articolo, l’ultima versione di iOS è iOS 17. Per quanto riguarda i tablet di Apple (quindi gli iPad), il nome del sistema operativo è differente e si chiama iPadOS e l’ultima versione disponibile, nel momento in cui scrivo questa frase, è iPadOS17. Devi comunque sapere che Apple è sempre molto attenta agli aggiornamenti dei suoi iPhone e dei suoi iPad e permette infatti di aggiornare il sistema operativo per cinque anni a partire dalla data di uscita del dispositivo e questa è una caratteristica al momento esclusiva di Apple. Questo significa che, ad esempio, un iPhone uscito con iOS 12 potrà aggiornarsi fino a iOS 17.

Come forse avrai già capito, iOS è un sistema operativo fatto su misura per gli iPhone (così come iPadOS lo è per gli iPad) e che non è possibile installare su altri dispositivi. Questo porta un grande vantaggio agli sviluppatori, in quanto non si dovranno preoccupare di adattare le varie applicazioni a svariate interfacce e dispositivi differenti, come accade invece nel caso di Android.

iOS (ma anche iPadOS) è un sistema operativo meno personalizzabile e molto più chiuso rispetto ad Android, ad ogni modo, già alle condizioni di fabbrica, troverai al suo interno tutte le app e gli strumenti per la produttività di Apple. Se preferisci invece utilizzare le app proprietarie di Google per il tuo lavoro, come Documenti di Google o Google Drive, ti ricordo che è sempre possibile scaricarle attraverso l’App Store. A tal proposito, ti segnalo che ho scritto una guida sulle migliori app iPhone all’interno della quale puoi trovare app per la produttività, per la navigazione, per la riproduzione di contenuti multimediali e molto altro. Ti informo che ho scritto anche una guida sulle migliori app iPad.

iOS (tutti i discorsi valgono anche per iPadOS) è anche un’ottima piattaforma per il gaming portatile e puoi infatti scoprire alcuni giochi da scaricare nella mia guida sui migliori giochi iPhone. Apple mette inoltre a disposizione degli appassionati di videogiochi un abbonamento mensile che prende il nome di Apple Arcade che, al costo di 6,99 euro al mese, dà accesso a un catalogo di oltre 200 giochi senza pubblicità e senza acquisti in-app. Ti ho parlato in modo più dettagliato di Apple Arcade nella mia guida sui migliori giochi Apple Arcade.

Un’altra pregevole caratteristica dei due sistemi operativi di Apple è la loro elevata sicurezza e affidabilità. È noto, infatti, che i virus per iPhone e iPad sono praticamente inesistenti e questo rende l’utilizzo di questi sistemi operativi molto sicuro e affidabile. Inoltre, i sistemi operativi di Apple tendono a rimanere performanti nel tempo e a non subire rallentamenti nell’utilizzo, cosa che invece accade spesso su Android.

A livello di varietà di scelta, è vero che ultimamente Apple sta sfornando diversi modelli di iPhone e iPad, ma comunque rimane una scelta limitata a pochi modelli rispetto alla vastissima gamma di smartphone e tablet Android disponibili sulla piazza. Altra cosa da considerare è che a parte la serie SE di iPhone che risulta essere abbastanza economica, tutti gli altri modelli di iPhone sono piuttosto costosi. Ci tengo infine a lasciarti la mia guida su quale iPhone scegliere nel caso in cui tu fossi interessato all’acquisto di un “melafonino” e anche la mia guida su quale iPad comprare.

Migliori sistemi operativi Smart TV

smarttv

Stai per acquistare una nuova Smart TV e vuoi essere sicuro prendere quella più giusta per te? Ebbene, qui di seguito ti parlerò delle caratteristiche dei migliori sistemi operativi Smart TV che sono disponibili sul mercato. Potresti rimanere sorpreso dalle differenze esistenti tra una Smart TV e l’altra.

  • Google TV — si tratta di una versione di Android adattata per televisori. Va da sé, dunque, che questo porta a numerosi vantaggi, come la possibilità di scaricare app dal Google Play Store direttamente dalla TV oppure di interagire con la propria voce con i dispositivi intelligenti controllati da Assistente Google. Un’ulteriore caratteristica dei televisori dotati di questo sistema operativo, è che spesso godono della funzione Chromecast integrata e questo significa che non vi è il bisogno di acquistare un dispositivo Chromecast per riprodurre i contenuti da smartphone/tablet sul televisore. Al netto di questo, Google TV è presente anche sui Chromecast più recenti, dotati di telecomando e app store integrato. A tal proposito ti lascio la mia guida su come funziona Chromecast.
Chromecast con Google TV (HD) Neve – WLAN, Streaming Intrattenimento t...
Vedi offerta su Amazon
Google TV Chromecast con - Intrattenimento in streaming sulla TV con l...
Vedi offerta su Amazon
  • tvOS — questo è il sistema operativo presente a bordo delle Apple TV che, come facilmente intuibile dal nome, sono dei box TV prodotti da Apple da collegare al televisore tramite cavo HDMI. Una delle caratteristiche più vantaggiose di questo sistema operativo è la possibilità di scaricare app per la riproduzione di contenuti, ma anche giochi e tanto altro direttamente dall’App Store TV. Inoltre, è possibile comandare il tutto attraverso un semplice telecomando con pochi tasti oppure utilizzando la propria voce tramite Siri, e inviare contenuti da iPhone e iPad. Per ulteriori approfondimenti, ti rimando alla mia guida su come funziona Apple TV.
Apple 2022 Apple TV 4K Wi‑Fi con 64GB di archiviazione (3ª generazione...
Vedi offerta su Amazon
Apple 2022 Apple TV 4K Wi‑Fi + Ethernet con 128GB di archiviazione (3ª...
Vedi offerta su Amazon
  • Tizen — è il sistema operativo presente all’interno di tutte le Smart TV Samsung basato anch’esso su Linux. Ad ogni modo nell’ultimo periodo è possibile trovare Tizen anche all’interno di Smart TV di brand più piccoli. Il punto di forza di questo sistema operativo è la sua velocità e lo Smart Hub, ovvero il menu accessibile attraverso la pressione di un tasto sul telecomando che dà la possibilità di accedere a tutte le applicazioni e a tutte le impostazioni del televisore in modo rapido e facile. A proposito di TV Samsung, ci tengo a informarti che ho scritto una guida all’acquisto sui migliori TV Samsung.
  • Fire OS — si tratta del sistema operativo per Smart TV sviluppato da Amazon che si può trovare sia all’interno di Smart TV, sia su Fire TV Stick e Cube di Amazon, cioè i dispositivi HDMI del colosso dell’ecommerce da collegare al televisore. È sicuramente l’opzione ideale per chi possiede un dispositivo Amazon Alexa e vuole controllare il TV attraverso i comandi vocali. Le Smart TV che montano questo sistema operativo in genere hanno già al loro interno molte applicazioni per lo streaming e per la riproduzione di musica. Tieni comunque presente che puoi sempre accedere all’Amazon App Store per scaricarne delle altre.
Amazon Fire TV Stick Lite con telecomando vocale Alexa | Lite, il nost...
Vedi offerta su Amazon
Xiaomi F2 43" Smart Fire TV 108 cm (4K Ultra HD, HDR10, senza bordi me...
Vedi offerta su Amazon
Toshiba Smart Fire TV 50" Ultra HD 50UF3D63DA, TV 4K 50 Pollici con Al...
Vedi offerta su Amazon
  • webOS — è il sistema operativo delle Smart TV LG. L’ultima versione disponibile, nel momento in cui scrivo questo post, è la webOS 6.0. Comunque sia, anche le versioni precedenti di questo sistema operativo offrono all’utente la possibilità di accedere in modo rapido a tutte le applicazioni per la riproduzione di contenuti streaming e alle impostazioni di sistema. Inoltre, è molto apprezzata la compatibilità con Alexa e Assistente Google per i comandi vocali. Ci tengo anche in questo caso a lasciarti la mia guida dedicata ai migliori televisori LG.

In qualità di affiliati Amazon, riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei effettuati tramite i link presenti sul nostro sito.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.